Ha inizio la separazione di Google+: foto e video adesso disponibili su Google Drive

Ha inizio la separazione di Google+: foto e video adesso disponibili su Google Drive

Google Drive integra adesso la parte relativa a foto e video di Google+. Horowitz dà il via al suo progetto di ristrutturazione del social network, che sarà sempre più suddiviso in entità separate

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Web
Google
 

Google ha annunciato oggi un primo passo verso un nuovo Google+, che verrà progressivamente riadattato perché il suo uso sia sempre più trasparente all'interno dei vari servizi di Mountain View. Il social network di Big G non è riuscito a riscuotere un grosso successo di pubblico: anche se ha un'utenza da ben 2 miliardi di teste, un'enorme percentuale è composta da "fantasmi", ovvero account registrati forse anche inconsapevolmente per ottenere l'accesso ai vari servizi di Google.

Google+ Photos in Google Drive

Il Google+ del nuovo boss Horowitz vuole essere un'entità separata per ogni categoria importante: comunicazione, foto e parte relativa alle notizie saranno macrocategorie distinte, e la fase di separazione inizia con i contenuti multimediali, che saranno disponibili anche su Google Drive. Le nuove foto e i nuovi video caricati sul social network saranno disponibili sin da subito sul servizio di storage in cloud, mentre per i contenuti più vecchi saranno necessarie "poche settimane".

Sulla web-app di Google Drive e sui client per iOS e Android è adesso presente una nuova voce che permette di gestire esclusivamente i contenuti multimediali, fra cui foto e video. Google+ e Drive operano naturalmente in maniera sincronizzata: i contenuti saranno visualizzabili su entrambi i servizi ma il conteggio dello spazio di storage occupato sarà applicato una sola volta, mentre cancellando un file su un servizio, questo scomparirà definitivamente anche sull'altro.

La società spiega che l'obiettivo è quello di rendere l'esperienza d'uso dei vari servizi di Google "coerente e senza soluzione di continuità", con l'utente in grado di destreggiarsi fra le funzionalità offerte anche al di fuori del servizio stesso. Google+ Photos non è infatti destinato a sparire, e consentirà di eseguire le stesse operazioni che sono state possibili fino ad oggi. Se invece si vuole gestire la parte fotografica del servizio senza dover per forza accedere a Google+, la società adesso offre Drive come soluzione per organizzare tutti i file, multimediali o meno, in un unico spazio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gylgalad03 Aprile 2015, 08:12 #1
SN inutile
farebbero più bella figura a farlo sparire
Marko#8803 Aprile 2015, 08:29 #2
Quindi avrò la possibilità di disinstallare l'applicazione G+ (che non uso) e impostare il backup delle mie foto del cellulare su G Drive?
keroro.9003 Aprile 2015, 10:14 #3
toglieltelo che facciamo prima....social inutile copiato da fb quando ormai era troppo tardi...
Leron03 Aprile 2015, 10:26 #4
ma solo io non riesco a vedere le foto su drive?? sta cosa del backup non mi funziona era una cosa che aspettavo da tanto ma non c'è

mi sta facendo venire i nervi

qualcuno sa aiutarmi?
marco_18203 Aprile 2015, 11:15 #5
Io mi trovo bene con G+, proprio perchè non ci sono tutte le teste di c***o che ci sono su FB
Ma soprattutto perchè grazie al fatto che ce l'hanno in pochi (o meglio, che lo usano in pochi) ti viene spontaneo non perdere intere giornate a cazzeggiare, ma lo utilizzi solo per cose sicuramente più importanti di fb, poco ma sicuro.
AleLinuxBSD03 Aprile 2015, 11:35 #6
Ha inizio la separazione di Google+: foto e video adesso disponibili su Google Drive

Meglio tardi che mai.
Sperando che le società capiscano che i social network, con l'integrazione di vari servizi, non sono qualcosa di gradito a tutti.
Marko#8803 Aprile 2015, 11:40 #7
Originariamente inviato da: marco_182
Io mi trovo bene con G+, proprio perchè non ci sono tutte le teste di c***o che ci sono su FB
Ma soprattutto perchè grazie al fatto che ce l'hanno in pochi (o meglio, che lo usano in pochi) ti viene spontaneo non perdere intere giornate a cazzeggiare, ma lo utilizzi solo per cose sicuramente più importanti di fb, poco ma sicuro.


Il perdere le giornate a cazzeggiare è colpa dell'utente, non della piattaforma.
marco_18203 Aprile 2015, 11:47 #8
Originariamente inviato da: Marko#88
Il perdere le giornate a cazzeggiare è colpa dell'utente, non della piattaforma.


E concordo appieno, proprio per questo non valuto G+ un social network, dato che non mi è mai capitato di trovare nessuno a cazzeggiarci giornate intere.
aracnox03 Aprile 2015, 13:58 #9
una delle cose meno riuscite di google... deserto, macchinoso, senza senso.
TheQ.03 Aprile 2015, 14:25 #10
G+ era l'idea di google di mappare le conoscenze delle persone al di fuori della rete, diventando così il miglior motore di ricerca per le riorse del web e per le risorse al di fuori del web.
Facebook si può dire che è un fallimento proprio perchè è diventato un cazzeggio network (dannosissimo tra l'altro perchè ha svuotato migliaia di siti web decentralizzati monopolizzando l'attenzione dei web-user), benchè tenga in se inquietanti funzioni di spy-network pro servizi americani (vedere documentario Terms and Condition may be applied).
Google non ha capito che chi mette le conoscenze nella piattaforma blogger è di fatto chi ha conoscenze al di fuori del web, ovvero mappare la sua stessa risorsa è di fatto avere anche la mappatura delle conoscenze al di fuori del web. Così ha buttato soldi per creare il fallimenti G+, laddove avrebbe potuto investirli per retribuzioni migliori per i blogger che danno contenuti al web sulla sua piattaforma (per esempio retribuzioni + alte per adsense) invogliando così più utenti a pubblicare informazioni, oppure utilizzarli per potenziare lo sviluppo di widget/theme su blogger, fermo da anni e che peggiorerà a breve con la chiusura di Google Code, laddove un concorrente come wordpress ha fatto passi avanti da gigante ed oggi viene preferito sia per creare siti di aziende, sia per creare siti con risorse a pagamento.
Se google si fosse tenua stretta i blogger di valore ed avesse fidelizzato i siti aziendali, avrebbe avuto molto più di quanto gli ha dato G+.
Ora se si sveglia, acquista Unity 3D, potenzia blogger, migliora l'interfaccia app connessa a google drive (quella che per esempio permette di dar dialogare prodotti autodesk of office con l'interfaccia blogger) ed incentiva chi svolge lavori noiosi come banneristica, creazione cad, sviluppo applicativi integrati nel blog, ecc...
A breve la torta da mangiare è lo streaming televisivo, per fregare percentuali di mercato alla tv tradizionali. Vedasi accordo Google - RAI per la trasmissione su Google PLay youtube di film il cui diritto di distribuzione è detenuto dalla RAI.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^