Google Waze accusato di aiutare i criminali. Polemiche in USA

Google Waze accusato di aiutare i criminali. Polemiche in USA

Le informazioni relative alle postazioni di controllo della Polizia potrebbero tornare utili ai malviventi nel compimento delle proprie azioni. Ne sono convinti alcuni agenti americani che chiedono a Google di intevenire

di pubblicata il , alle 09:41 nel canale Web
Google
 

Il servizio Google Waze è al centro di polemiche in USA. Ad alzare i toni sono alcuni funzionari di Polizia convinti che il servizio di navigazione online acquisito da Google nel 2013 possa aiutare i malviventi durante le azioni criminali. Viene anche sollevato un potenziale rischio per la sicurezza degli agenti stessi nel momento in cui i vari posti di blocco vengano segnalati online.

Al centro della polemica c'è lo strumento integrato in Waze che permette di segnalare la presenza di punti di controllo effettuati dalle forze dell'ordine: questo strumento assai comune per indicare la presenza di rilevatori di velocità e affini permette infatti di mappare la posizione delle singole postazioni offrendo quindi informazioni importanti alla criminalità.

Come risporta The Verge, al momento attuale non ci sono collegamenti diretti e confermati tra eventi criminosi e segnalazioni di Waze. C'è però il rischio tangibile che le informazioni inserite inconsapevolmente dagli automobilisti possano essere usate anche per scopi differenti, e in tal senso ci sono già alcuni sospetti.

Lo scorso anno polemiche simili avevano riguardato i navigatori satellitari in generale, infatti, era stata richiesta una legge che regolamentasse la presenza su tali dispositivi di app o di informazioni che potessero distrarre l'utente. In quel caso i promotori dell'iniziativa ponevano l'attenzione sulla sicurezza del singolo utilizzatore del navigatore e su quella di altri utenti, ma non è improbabile che eventuali limitazioni a Waze e servizi simili possano essere integrate in tale normativa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
inited28 Gennaio 2015, 11:34 #1
Chissenefrega. La libertà di camminare per strada potrà anche consentire ai malviventi di uscire di casa e andare a commettere crimini ma non mi si può dire che dovrebbe essere ristretta per prevenire questi ultimi, e lo stesso vale per funzionalità come quelle descritte nel servizio di Waze.
randorama28 Gennaio 2015, 14:20 #2
avevano detto la stessa cosa agli albori del social network.
"metti su facebook che sei in vacanza 15 giorni e ti svaligiano la casa".

è come dire che se produci coltelli aiuti la criminalità, imho
tonight29 Gennaio 2015, 12:47 #3
Piuttosto limitassero l'uso delle armi
furbo30 Gennaio 2015, 15:01 #4
Originariamente inviato da: tonight
Piuttosto limitassero l'uso delle armi


Sai quanto importa alla criminalità un'eventuale limitazione all'uso delle armi... anzi!
mrk-cj9430 Gennaio 2015, 16:37 #5
anche CSI e la Signora in Giallo hanno aperto gli occhi ai criminali, produttori in galera
Maxco9330 Gennaio 2015, 21:59 #6
Basta togliere da waze la possibilità di segnalare i posti di blocco della polizia, il resto incidenti e lavori in corso non credo che sono pericolosi, anche perche se un criminale si affida a waze per scappare..Beh è meglio che cambia lavoro.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^