Google ufficializza una decisione storica: 200.000 dipendenti lavoreranno in smart working per almeno un anno

Google ufficializza una decisione storica: 200.000 dipendenti lavoreranno in smart working per almeno un anno

Big G consentirà ai suoi dipendenti di lavorare da casa per tutto il 2021 in risposta alla diffusione pandemica di COVID-19. Il mondo del lavoro avrà un volto del tutto nuovo? Probabimente sì, ma è una buona notizia solo a tratti

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Web
Google
 

"Quasi tutta" la forza lavoro di Google, circa 200 mila fra dipendenti e collaboratori, lavorerà da casa per un altro anno. A riportare la notizia è stato il Wall Street Journal, che parla di una decisione presa dal CEO dell'azienda Sundar Pichai la scorsa settimana. Il colosso del web ha preferito indicare una tempistica lunga per consentire una più semplice gestione degli impegni scolastici dei figli o le scelte sugli immobili da parte degli impiegati.

Secondo le precedenti direttive aziendali, i dipendenti di Google avrebbero dovuto fare ritorno in ufficio nel mese di gennaio, tuttavia fino a fine 2021 potranno lavorare da casa o attraverso modalità di lavoro agile. Le aziende della Silicon Valley, e molte altre aziende americane, hanno mantenuto i loro uffici chiusi per lunghi periodi di tempo man mano che la gravità della pandemia di COVID-19 diventava più evidente.

A maggio Facebook aveva annunciato che un numero superiore di dipendenti rispetto al passato avrebbe potuto lavorare da casa senza limitazioni, e in seguito tutti gli impiegati dell'azienda sono stati incoraggiati a farlo fino alla fine dell'anno. Strategia simille per Twitter, che negli scorsi mesi ha dichiarato che i suoi dipendenti possono continuare a lavorare da casa e che gli uffici saranno chiusi almeno fino a settembre.

Anche Amazon ha compiuto delle mosse simili, consentendo a chi può farlo di continuare le proprie attività da casa, mentre Microsoft consentirà ai dipendenti il telelavoro almeno fino a ottobre. Insomma, la pandemia di COVID-19 ha letteralmente cambiato il mondo del lavoro nel mondo, e non solo negli USA, favorendo lo smart working e il telelavoro per molti dipendenti che hanno dovuto scoprire un modo del tutto nuovo di approcciarsi alle proprie mansioni quotidiane.

Lavorare da casa ha, però, sia note positive sia negative. Molte aziende stanno valutando i vantaggi in termini di produttività, tuttavia al contempo uno studio ha indicato come potremmo diventare dopo 25 anni di solo ed esclusivo telelavoro. E i risultati non sono del tutto incoraggianti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marcus Scaurus28 Luglio 2020, 15:19 #1
Nelle sedi Google hanno mensa, passatempi, palestra, zone relax e chi più ne ha più ne metta... Il tutto è ovviamente studiato per rendere i dipendenti più produttivi e, anche, più legati al posto di lavoro (in senso fisico).

Quindi sarà una tragedia perché posti di lavoro così ti mancano secondo me... Vi farei vedere il mio che noia mortale (e sicuramente non è il peggiore).
Cappej28 Luglio 2020, 17:16 #2
Originariamente inviato da: Marcus Scaurus
Nelle sedi Google hanno mensa, passatempi, palestra, zone relax e chi più ne ha più ne metta... Il tutto è ovviamente studiato per rendere i dipendenti più produttivi e, anche, più legati al posto di lavoro (in senso fisico).

Quindi sarà una tragedia perché posti di lavoro così ti mancano secondo me... Vi farei vedere il mio che noia mortale (e sicuramente non è il peggiore).


se ci pensi è un paradosso, hanno investito fino ad adesso sul dipendente e adesso alla prima occasione, "via in smartworking!"... in realtà per me il campus continuerà ad essere popolato e pieno, saranno le varie sedi satellite a chiudere per tagliare i costi.
E non sarà ne la prima ne l'ultima realtà... anzi sarà un problema per molti.

IMHO
lollo929 Luglio 2020, 00:15 #3
Noi abbiam messo tutti in telelavoro, ove possibile anche smart working propriamente detto.
E così resteremo almeno fino a primavera 2021.
In ufficio 1-2 persone ogni tanto (eravamo 80 in una sede e 40 in un’altra).

Non so Google, ma sinceramente non è una questione di risparmio anzi. Anche perché oh, assicurazione sul lavoro, buoni pasto (siamo in Francia e Australia, qui spettano anche a chi è da remoto, giustamente) ecc li paghiamo uguale, quello che risparmiamo in materiale ufficio, caffè e corrente lo paghiamo di carico sul cloud, in vpn potenziate, in contributi per la banda larga a casa, cuffie comode per tutti e via dicendo. in più tutti quei costi incomprimibili dall’oggi al domani ci sono ancora, vedi l’affitto dei locali, manutenzione, pulizia ecc.

non è facile per nessuno, non è che mandi tutti a casa e tac costi azzerati.
ci dice bene che la nostra nicchia di mercato ha risentito zero della pandemia, anzi, è il lavoro è aumentato oltremisura.

razionalizzare i rischi ha senso

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^