Google svela i segreti dei suoi server e di Jupiter

Google svela i segreti dei suoi server e di Jupiter

Google ha rilasciato un documento in cui spiega le tecnologie di rete utilizzate nei propri server, tracciandone anche l'evoluzione nel corso degli anni

di pubblicata il , alle 11:31 nel canale Web
Google
 

In un documento di 15 pagine presentato al SIGCOMM 2015, Google ha illustrato il suo percorso decennale nell'evoluzione delle tecnologie di rete adottate. La società ha svelato alcuni dei segreti che le hanno permesso di raggiungere l'enorme utenza di cui dispone oggi, raccontando i passaggi principali dell'evoluzione, come ad esempio l'uso di hardware sviluppato in proprio portato a compimento nel 2005.

Allora non erano molte le compagnie che consideravano la possibilità di utilizzare hardware sviluppato sulle proprie specifiche esigenze, ma la richiesta di banda da parte di Google raddoppiava circa ogni 12 mesi. Gestire la situazione con hardware generico era ormai diventato proibitivo sul piano economico e complesso su quello della gestione operativa, così Google è stata fra le prime ad adoperare switch custom appositi.

Le manovre delle prime società in tal senso hanno fatto nascere il software-defined networking, come alternativa all'uso di hardware di rete convenzionale. L'approccio si è rivelato sin da subito estremamente più economico e più proiettato verso le esigenze future della società, visto che molte operazioni di manutenzione potevano essere eseguite lato software da remoto e senza accedere direttamente all'hardware.

Ad oggi Google detiene una delle reti di data center più grandi in tutto il mondo, collegata da un'infrastruttura che la società chiama Jupiter (la quinta dagli albori). Grazie a questa, la società gestisce una rete basata su componenti non commerciali con una bisection bandwidth di 1 petabit al secondo (1 milione di gigabit): "Questo significa che ognuno dei 100 mila server di un data center può comunicare con qualsiasi altro server ad una velocità arbitraria di 10Gb/s", ha scritto la società.

Si tratta di una velocità cento volte superiore rispetto a quella concessa dalle tecnologie utilizzate nel 2005 e Jupiter rappresenta uno dei vantaggi principali che la società sostiene di avere rispetto a Microsoft o Amazon.

Ma perché Google ne parla solo adesso? La società ha iniziato di recente a vendere i propri servizi cloud ad altre compagnie, quindi sottolineandone la superiorità spera di avere un ritorno diretto. Ma c'è anche un altro motivo, un po' più pragmatico. Le richieste di banda sono aumentate a tal punto che la stessa Google inizia ad avere bisogno di altre idee per rispondere alle sfide di configurazione e gestione delle reti.

Ed è per questo che Big G ha presentato il documento alla conferenza londinese.

L'argomento può essere approfondito sul blog ufficiale della società, mentre il documento per intero può essere trovato a questo indirizzo. Nella pagina trovate una galleria con le immagini dei data center di Google pubblicate in passato dalla stessa società.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wonder23 Agosto 2015, 12:54 #1
Ahh si, 1 petabit al secondo... per fortuna che abito in uno dei primi 52 comuni italiani ad avere la fibra to the cabinet (gabinet)
heavymetalforever24 Agosto 2015, 11:02 #2
cosa c'entra????
Boscagoo24 Agosto 2015, 21:34 #3
L'ultima foto della gallery mi fa rabbrividire!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^