Google sospende Exchange ActiveSync: usate Outlook.com

Google sospende Exchange ActiveSync: usate Outlook.com

Microsoft risponde a Google che nei giorni scorsi ha annunciato la sospensione del supporto a Exchange ActiveSync per i nuovi utenti a partire dal prossimo 30 gennaio. La soluzione proposta è quella di migrare al servizio Outlook.com

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Web
GoogleMicrosoft
 

Da alcune dichiarazioni online pare che Microsoft sia rimasta sorpresa della decisione presa da Google di sospendere il supporto a Microsoft Exchange ActiveSync in favore di altre soluzioni open. La novità non riguarda gli account che già sfruttano tali tecnologie e gli utenti business dei servizi di Google. Qualche dettaglio in più è disponibile a qui.

Il problema rimane però per gli utenti di Windows Phone 8 e Windows RT, infatti questi sistemi operativi basano la gestione della mail e della sincronizzazione di calendar e contatti sulle tecnologie Microsoft Exchange ActiveSync. Con un post sul blog ufficiale di Office Microsoft offre una prima risposta.

Dharmesh Mehta -Senior Director Product Management Microsoft - non nasconde il problema, sottolinea come il tutto si possa tramutare in un'esperienza d'uso inferiore per l'utente finale e come possibile soluzione suggerisce agli utenti di Gmail la sottoscrizione di un nuovo account su Outlook.com. E per gestire meglio la transizione viene suggerito di impostare su Gmail un redirect dei messaggi sul nuovo account di posta.

Non si tratta certo di una risposta esaustiva, infatti per molti utenti dover cambiare account di posta, o anche semplicemente abitudini non sarà facile e gradito. Tutti i dettagli della risposta di Microsoft e della modalità di migrazione suggerita sono disponibili qui.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

93 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LORENZ018 Dicembre 2012, 15:05 #1

in sostanza...

...per l'utente finale cosa cambia e cosa succede?
andy4518 Dicembre 2012, 15:13 #2
Originariamente inviato da: LORENZ0
...per l'utente finale cosa cambia e cosa succede?


Cambia che invece di usare direttamente gmail usi un account outlook su cui arrivano le mail di gmail...in pratica aggiri solo il problema, ma non lo risolvi.
teolinux18 Dicembre 2012, 15:18 #3
il problema è microsoft, che per una volta finalmente viene sconfitta al suo stesso gioco: sfruttare la posizione dominante di mercato per imporre le proprie tecnologie.

Con la differenza che ciò che suggerisce google come alternativa è l'uso di tecnologie open.

Certo, ad essere momentaneamente svantaggiati sono gli utenti, ma presto potranno esserci molte soluzioni di terze parti.
DarKilleR18 Dicembre 2012, 15:20 #4
Premesso che sono utilizzatore sia di outlook che di gmail sia su pc che su terminale android...

La questione a mio avviso è più che legittima per Google, in quanto hanno deciso di togliere il supporto ad uno standard chiuso della Microsoft per passare a degli standard effettivi ed aperti.
Poichè esistono molti programmi di gestione della posta elettronica che supportano i più disparati sistemi e standard di gestione della posta elettronica...a partire da Thunderbird per fare un banale esempio.

La soluzione è la seguente: o la microsoft si attiva supportando tramite i suoi software anche questi formati standard open, oppure si installano altre applicazioni ad hoc che fanno questo.

Oppure si rimane nell'ambiente microsoft e si utilizzano i loro standard con i loro servizi.

Se è per questo Microsoft non supporta l'imap su hotmail o outlook in modo free.
DarKilleR18 Dicembre 2012, 15:30 #5
Inoltre sto favorevolmente utilizzando Windows Mail su W8...il giorno che mi smette di supportare Gmail...passo anche quelle email su Thunderbird...

Allo stesso modo per quanto riguard Office Outlook...se pensano solo di supportare i loro formati e le mail che stanno dietro a loro...semplice smetto di comprarlo ed utilizzarlo in ufficio. (cosa che in parte ho già fatto a quasi tutti!)
malatodihardware18 Dicembre 2012, 15:45 #6
Originariamente inviato da: DarKilleR
La soluzione è la seguente: o la microsoft si attiva supportando tramite i suoi software anche questi formati standard open, oppure si installano altre applicazioni ad hoc che fanno questo.
Se è per questo Microsoft non supporta l'imap su hotmail o outlook in modo free.

Se è per questo neanche Gmail supporta gli standard visto che utilizza il protocollo GIMAP..
Comunque io ho da poco fatto lo switch e devo dire che Outlook.com è decisamente meglio di Gmail..
Nel 2012 IMHO l'IMAP è decisamente superato e visto che tutti i device supportano ActiveSync (che era ormai diventato uno standard) non capisco perchè google debba toglierne il supporto..
Allora per la loro linea GDrive non dovrebbe permetterti di aprire DOC e DOCX, ma non lo fanno perchè così GMAIL lo abbandonerebbero tutti per davvero!
PhirePhil18 Dicembre 2012, 16:00 #7
Che MS impedisca ai terminali android di collegarsi ad Exchange tramite ActiveSync e poi vediamo quanto vende android (Google) in ambito enterprise... poi vediamo chi sgambetta chi
malatodihardware18 Dicembre 2012, 16:13 #8
Va anche detto che buona parte del mercato Android non è enterprise..
AlanBoo18 Dicembre 2012, 16:27 #9

voglio solo precisare una cosa

Windows Phone e Windows RT (Mail) e Office Outlook (2010 / 2013) supportano già IMAP

Il mio server ha linux+IMAP e il Vaio W8 Pro con Outlook + il surface RT + il Lumia 800 funzionano da sempre.

A parte questo, EAS è decisamente meglio di IMAP, ma lo uso solamente con Outlook.com
s0nnyd3marco18 Dicembre 2012, 16:31 #10
Originariamente inviato da: teolinux
il problema è microsoft, che per una volta finalmente viene sconfitta al suo stesso gioco: sfruttare la posizione dominante di mercato per imporre le proprie tecnologie.

Con la differenza che ciò che suggerisce google come alternativa è l'uso di tecnologie open.

Certo, ad essere momentaneamente svantaggiati sono gli utenti, ma presto potranno esserci molte soluzioni di terze parti.



Che se ne dica google ha fatto bene: scegliere tecnologie open e' una scleta coraggiosa ma che portera' i suoi frutti in campo di interoperabilita'. Spero che si vada in quella direzione anche con youtube abbandonando flash.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^