Google pronta a pagare per avere ''news'' di qualità. Le indiscrezioni che portano alla novità

Google pronta a pagare per avere ''news'' di qualità. Le indiscrezioni che portano alla novità

L'azienda di Mountain View sarebbe pronta ad aprirsi agli editori, soprattutto europei, per pagare notizie di un certo spessore da utilizzare all'interno di propri servizi messi a disposizione per gli utenti. Ecco le indiscrezioni del WSJ.

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Web
Google
 

Il giornalismo di qualità, quello capace di proporre notizie di un certo livello. Questo vorrebbe Google nel prossimo futuro e, secondo le indiscrezioni del The Wall Street Journal, l'azienda di Mountain View starebbe intraprendendo alcune discussioni con i più importanti editori, soprattutto europei, per portare il nuovo servizio di news agli utenti più esigenti. L'azienda con la G maiuscola vorrebbe fare del "giornalismo di qualità" e per farlo sarebbe disposta a pagare in cambio di contenuti di un certo spessore da proporre ai propri utenti magari anche tramite un abbonamento.

Google contro la "disinformazione"

Le indiscrezioni del WSJ non fatto altro che indirizzare la volontà di Google verso una monetizzazione dei contenuti editoriali permettendo di alzare il livello degli stessi sotto pagamento. E proprio l'azienda sembra stia già trattando le condizioni economiche con alcuni editori affinché si possa concordare l'arrivo di un nuovo servizio di contenuti prodotti da editori terzi.

Google nega il tutto ma spiega come la sua volontà sia quella di permettere agli utenti di "leggere contenuti giornalistici di qualità affinché si possa ottenere democrazia consapevole rendendo il settore sostenibile. Si tratta di un argomento che abbiamo molto a cuore e stiamo discutendo con i nostri partner, cercando nuove soluzioni per espandere i nostri rapporti già in essere con editori, basandoci su iniziative come Google News".

Alcuni pensano addirittura ad un nuovo Google News "Plus" con contenuti comunque gratuiti. Altri invece credono ad una versione a pagamento del servizio. Di fatto quello che potrebbe effettivamente valere la svolta è il sottostante pagamento di Google agli editori per un approccio più elevato del contenuto giornalistico. Una novità che in qualche modo potrebbe raffigurare una svolta nella produzione di contenuti per quali Google non aveva mai messo mano al portafoglio come compenso vero e proprio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
filippo198019 Febbraio 2020, 09:53 #1
Perché non riesco ad esserne completamente contento? Forse perché temo che "pagando" e selezionando chi potrà pubblicare notizie "autorevoli" ho paura che possano spingere notizie di un certo tipo piuttosto che altre semplicemente perché più in linea con le proprie idee?

Da una parte sono d'accordo sul far monetizzare chi produce notizie, ma la qualità chi la definisce? E in base a cosa uno sarebbe più autorevole di un altro? Questi sono i miei dubbi ...
oliverb19 Febbraio 2020, 10:57 #2
Originariamente inviato da: filippo1980
Perché non riesco ad esserne completamente contento? Forse perché temo che "pagando" e selezionando chi potrà pubblicare notizie "autorevoli" ho paura che possano spingere notizie di un certo tipo piuttosto che altre semplicemente perché più in linea con le proprie idee?

Da una parte sono d'accordo sul far monetizzare chi produce notizie, ma la qualità chi la definisce? E in base a cosa uno sarebbe più autorevole di un altro? Questi sono i miei dubbi ...


appunto. E' sempre la solita storia.
Chi ha più soldi manda avanti le notizie Tv e governi.
Non c'è nulla da fare tutto il mondo è sempre comandato dai soldi. Dai corruttori e corrotti
nx-9919 Febbraio 2020, 11:59 #3
La speranza è che una IA prima o poi rimpiazzi i governanti, legislatori etc...
Rommie19 Febbraio 2020, 12:56 #4
Originariamente inviato da: nx-99
La speranza è che una IA prima o poi rimpiazzi i governanti, legislatori etc...


Eh... Servirebbe proprio un "elmo del comando"
https://paperpedia.fandom.com/it/wi...lmo_del_comando
k0nt319 Febbraio 2020, 13:17 #5
Che sia collegato alla cosiddetta tassa sui link approvata dalla UE?
Al tempo ci fù un sacco di disinformazione e circolavano notizie false, tipo che internet non sarebbe stato più libero ecc..
In realtà per noi utenti non è cambiato niente, ma forse ora Google si trova costretta a rivedere il proprio modello di business. Ma poi qual'è il modello di business di Google News?
Dubito fortemente che facciano beneficienza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^