Google Music disponibile in USA

Google Music disponibile in USA

Google MUsic attivo in USA con forte integrazione in Google+ e un servizio dedicato agli artisti indipendenti

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 10:54 nel canale Web
Google
 

Come preannunciato ne giorni scorsi Google toglie i veli al tanto atteso servizio Google Music, una novità nel panorama dei vari music store già online da tempo. Giusto per essere leali stemperiamo subito ogni entusiasmo: poche illusioni per gli utenti europei, infatti per il momento il servizio è raggiungibile solo negli USA e nel post ufficiale non viene menzionata una possibile data per il lancio in altre aree geografiche.

Google Music è a tutti gli effetti uno store musicale: sono disponibili tool per la ricerca dei contenuti, vengono proposti alcuni brani più di attualità e alcuni album sono scaricabili gratuitamente. Proprio per catalizzare l'attenzione dei primi utenti, Google mette a disposizione gratuitamente alcuni brani di famosi artisti come Dave Matthews Band, Pearl Jam, Coldplay e Shakira. Le canzoni possono essere acquistate e ascoltate sul proprio PC oppure attraverso uno smartphone o tablet Android utilizzando le app disponibili sull'Android Market.

Per il momento Google Music rende disponibili oltre 13 milioni di tracce provenienti da Universal, Sony ed EMI, mentre Warner non ha ancora raggiunto un accordo con Google. Oltre alla musica gestita dalle major Google Music strizza l'occhio anche alla moltitudine di artisti indipendenti - e sono sempre di più - che hanno la possibilità di rendere pubblici i propri lavori utilizzando l'infrastruttura di Google.

Per questa categoria di artisti Google riserva un trattamento simile a quello previsto per gli sviluppatori di app: a fronte di una sottoscrizione iniziale pari a 25 dollari gli utenti avranno poi la possibilità di distribuire la propria musica e di creare una pagina personalizzata. Google tratterrà il 30% degli introiti dei brani lasciando all'artista il 70% del prezzo da lui stabilito.

Un ulteriore elemento differenziante in Google Music rispetto agli altri store è l'integrazione con Google+: dopo aver acquistato un brano sarà possibile condividerlo con i contatti presenti nei circle. Ogni contatto potrà ascoltare uno specifico brano una sola volta. Qui di seguito il video di presentazione diffuso da Google.

Oltre alla musica acquistata attraverso lo store di Google il nuovo servizio permette di gestire anche tutti i contenuti già in possesso dell'utente. In questo modo attraverso Google Music sarà possibile accedere alla propria library da PC, tablet o smartphone. La sincronizzazione in cloud è ovviamente comoda ma pone qualche interrogativo in merito alla reale fruibilità: è necessario infatti avere un buon collegamento a banda larga e al momento in cui si effettua il primo upload di contenuto la mole di dati da trasferire può essere elevata. Google Music è in grado di gestire i formati mp3, aac, wma, flac e ogg.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
piererentolo17 Novembre 2011, 11:48 #1
Quindi in teoria potrei:
pagare i 25 dollari, uploadare canzoni di Freddie Mercury ed incassare il più possibile fino a quando non mi beccano?
(IH)Patriota17 Novembre 2011, 12:36 #2
Originariamente inviato da: piererentolo
Quindi in teoria potrei:
pagare i 25 dollari, uploadare canzoni di Freddie Mercury ed incassare il più possibile fino a quando non mi beccano?


Mi sembra una cosa intelligente da farsi, sopratutto per la certezza di rimanere anonimo .

Pagando i 25$ ed entrando di fatto nel business musicale dubito che Google si accontenti di un semplice nickname (visto che contrattualmente anche in Google+ dovresti mettere il tuo vero nome), con il tuo nome e cognome, indirizzo, carta di credito reali sarà difficilissimo venirti a prendere.

E' forse più facile mettersi a vendere materiale coperto da Copyright fuori dalla centrale della polizia
Londo8317 Novembre 2011, 12:46 #3

sogno....

...un database di musica "totale"...che contenga ogni singolo brano che sia mai stato registrato....e con un abbonamento annuo (che so....100 euro/l'anno...sparo),poter accedere a questo DB quando voglio e dove voglio,creandomi magari delle mie playlist,in streaming....
verrebbe data una percentuale al compositore della canzone in base al numero di volte che una canzone viene suonata,così facendo anche la pirateria subirebbe un discreto colpo....

secondo voi è utopia?
doctormarx17 Novembre 2011, 13:08 #4

non capisco

io ho windows phone, un pass zune a 99 euro annui, o 9,99 al mese, sono un musicista e (senza vanterie) un grande esperto musicale, mi capita davvero raramente di non trovare un pezzo.
posso ascoltare in streaming tutto quello che voglio o scaricarlo, da pc o dal mio windows phone, ovunque mi trovi. ascolto una canzone? tasto search, il telefono riconosce la canzone (senza shazam vari, marketplace e download. playlist online ecc...

dove sarebbe questa gran notizia? zune mi sembra fatto meglio, a prezzo migliore, eppure non ho letto mai (mi sembra) news così esaltanti
rb120517 Novembre 2011, 13:27 #5
Originariamente inviato da: doctormarx
io ho windows phone, un pass zune a 99 euro annui, o 9,99 al mese, sono un musicista e (senza vanterie) un grande esperto musicale, mi capita davvero raramente di non trovare un pezzo.
posso ascoltare in streaming tutto quello che voglio o scaricarlo, da pc o dal mio windows phone, ovunque mi trovi. ascolto una canzone? tasto search, il telefono riconosce la canzone (senza shazam vari, marketplace e download. playlist online ecc...

dove sarebbe questa gran notizia? zune mi sembra fatto meglio, a prezzo migliore, eppure non ho letto mai (mi sembra) news così esaltanti


Il software Microsoft nel mobile è diventato un po' come è Linux nei PC: può fare tutto quello che fanno gli altri, spesso meglio, e lo fa da diversi anni prima di loro, ma visto che non è cool non interessa a nessuno. E quando qualche produttore mainstream implementa una feature arcinota, sembra che l'abbia inventata lui.
Da linuxaro, inizio a credere che il karma esista veramente
doctormarx17 Novembre 2011, 13:38 #6
hai ragione, prima in ufficio un collega mi ha detto:
visto google music? google è sempre avanti, con 25 euro al mese ascolto quello che voglio sul mio android, e io giustamente gli ho risposto che a 9 euro al mese lo faccio da un anno, e prima lo facevo con nokia music...
e che l'ignoranza è una brutta bestia...
ragugo17 Novembre 2011, 13:43 #7
Originariamente inviato da: Londo83
...un database di musica "totale"...che contenga ogni singolo brano che sia mai stato registrato....e con un abbonamento annuo (che so....100 euro/l'anno...sparo),poter accedere a questo DB quando voglio e dove voglio,creandomi magari delle mie playlist,in streaming....
verrebbe data una percentuale al compositore della canzone in base al numero di volte che una canzone viene suonata,così facendo anche la pirateria subirebbe un discreto colpo....

secondo voi è utopia?


si è utopia ma potresti provare gratuitamente questo: http://grooveshark.com

via browser, nessuna iscrizione e ottima libreria subito disponibile.
BlakMetal17 Novembre 2011, 13:49 #8
Originariamente inviato da: ragugo
si è utopia ma potresti provare gratuitamente questo: http://grooveshark.com

via browser, nessuna iscrizione e ottima libreria subito disponibile.


stavo scrivendo la stessa cosa anche io.. grooveshark è ottimo...
Londo8317 Novembre 2011, 14:14 #9
wow grazie....si avvicina molto al mio concetto!
lo provo subito!

AlanBoo17 Novembre 2011, 15:13 #10
Originariamente inviato da: doctormarx
io ho windows phone, un pass zune a 99 euro annui, o 9,99 al mese, sono un musicista e (senza vanterie) un grande esperto musicale, mi capita davvero raramente di non trovare un pezzo.
posso ascoltare in streaming tutto quello che voglio o scaricarlo, da pc o dal mio windows phone, ovunque mi trovi. ascolto una canzone? tasto search, il telefono riconosce la canzone (senza shazam vari, marketplace e download. playlist online ecc...

dove sarebbe questa gran notizia? zune mi sembra fatto meglio, a prezzo migliore, eppure non ho letto mai (mi sembra) news così esaltanti


Già ... pure io... ed il bello è che in italia c'è dal 2009!! e in America ancora prima... Quindi ben oltre dello streaming da iTunes e di questo Google Music.

A parte tutto questo Google Music ha la differenza che puoi uppare tutti i tuoi MP3 già scaricati ed il fatto che un artista si può creare un proprio negozio online bypassando le major.
Credo che entrambe queste funzionalità siano già in sviluppo su Zune

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^