Google: multa a YouTube per aver violato la privacy dei bambini

Google: multa a YouTube per aver violato la privacy dei bambini

Google e la sua controllata YouTube sono stati multati per 170 milioni di dollari per aver raccolto a scopo di marketing dati sui bambini. Mai prima d'ora una multa così consistente per aver violato la privacy dei bambini

di pubblicata il , alle 19:41 nel canale Web
GoogleYouTube
 

YouTube avrebbe raccolto dati sui bambini in tenera età allo scopo di utilizzarli per generare profitto tramite pubblicità mirate. I dati venivano messi a disposizione degli inserzionisti allettati dalla possibilità di raggiungere con i loro messaggi pubblicitari il target desiderato. Per YouTube e per gli inserzionisti si è così venuto a creare un business di milioni di dollari.

YouTube aveva dichiarato in passato di non avere nei propri database dati generati da utenti di età inferiore ai 13 anni. Raccogliere e utilizzare a scopo di profitto dati appartenenti a un pubblico così giovane è proibito negli Stati Uniti dalle legge Children's Online Privacy Protection Act, meglio nota con la sigla "Coppa", che ha permesso ai giudici di comminare a Google e alla sua controllata YouTube una multa da 170 milioni di dollari, un record per questo ambito.

YouTube

La sanzione fin qui più rilevante per aver infranto la legge sulla privacy dei bambini era stata comminata a TikTok, pari a "soli" 5,7 milioni di dollari. Nonostante questo, la multa a Google e YouTube, stabilita dalla Federal Trade Commission e dal Dipartimento di Giustizia di New York, è stata fortemente criticata dalle associazioni che proteggono i diritti dei minori e gli interessi dei consumatori, abituate alle multe solitamente ben più onerose sancite contro i colossi dell'informatica.

Su YouTube si moltiplicano i canali dedicati a un pubblico giovanissimo, pieni di giochi e di forme di intrattenimento adeguate all'età. Alcuni di questi canali annoverano milioni di iscritti, rappresentando una possibilità di business importante per le aziende che operano nel settore dei più piccoli.

Dopo la decisione della FTC, Google ha annunciato un cambiamento alle proprie politiche, obbligando i proprietari di canali rivolti ai più giovani a identificare in maniera chiara i contenuti creati appositamente per i bambini. In questo modo si cerca di evitare che pubblicità mirate possano essere veicolate tramite questo tipo di canali. YouTube dovrà ottenere il consenso dei genitori per poter raccogliere e condividere dati personali e immagini dei bambini.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tallines05 Settembre 2019, 20:30 #1
Quando sento queste notizie mi fa piacere, che costoro paghino per gli errori commessi .
nickname8805 Settembre 2019, 23:39 #2
multa ridicola, come sempre manca all'appello l'ultimo zero alla fine della cifra.
Unrue06 Settembre 2019, 12:59 #4
Dal titolo sembrava che Google avesse multato Youtube.. il che non ha molto senso. Magari cambiatelo.
biometallo06 Settembre 2019, 13:12 #5
Originariamente inviato da: Unrue
Dal titolo sembrava che Google avesse multato Youtube.. il che non ha molto senso. Magari cambiatelo.

Ma neanche tanto, basta far caso ai due punti scritti dopo Google, mi pare chiaro che siano due periodi diversi, piuttosto per me il problema è che si tratta sostanzialmente di una notizia già letta ai primi di luglio in cui si specificava che è una multa concordata con Google per chiudere la questione legale aperta nel 2017, l'unica novità credo che sia l'importo che allora era sconosciuto.

Originariamente inviato da: IlCarletto


Umh, che vuol dire?
ComputArte06 Settembre 2019, 23:13 #6

GDPR...

170 noccioline...si cambia pulitica da comunicare agli utenti...e si continua a fare profilazione incrociata...al prossimo scandalo!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^