Google mette sotto scacco gli ISP americani con Video Quality Report

Google mette sotto scacco gli ISP americani con Video Quality Report

Lanciato a gennaio in Canada, Video Quality Report è adesso anche negli Stati Uniti. Si tratta di un servizio per verificare la qualità della banda internet e certificarla in base alle performance

di Nino Grasso pubblicata il , alle 11:31 nel canale Web
Google
 

Lo scorso gennaio parlavamo di Video Quality Report, ovvero una web-app avente l'obiettivo di valutare la connessione ad internet, relativamente alla sua capacità di riprodurre in streaming contenuti video. Il servizio è disponibile anche negli Stati Uniti, dopo essere stato attivato per la prima volta in Canada.

Il fine ultimo del progetto è quello di ottenere un miglioramento nella qualità della connessione internet, spronando i provider a migliorare le infrastrutture laddove non viene garantito un servizio sufficientemente capace di eseguire lo streaming dei contenuti. Lo strumento è utile anche per l'utente finale, che potrà operare la scelta dell'ISP per la propria connessione domestica partendo proprio dai dati offerti dal Video Quality Report, confrontando i risultati riportati.

Anche Google avrà benefici dalla diffusione del nuovo servizio: YouTube diffonde più copie dei video più seguiti all'interno di server diversi in tutto il mondo, in modo da offrire i contenuti alla velocità più elevata possibile in diverse aree geografiche. Con Video Quality Report, la società potrà capire dove investire nella realizzazione di nuove infrastrutture, per eliminare il più possibile i colli di bottiglia fra server e ISP.

Un servizio indubbiamente interessante in Canada e negli USA, che potrebbe avere una rilevanza ancora maggiore in Italia, considerando la qualità delle nostre infrastrutture di rete non proprio invidiabili. Tuttavia, la diffusione su scala globale potrebbe non essere imminente: Google non ha ufficializzato piani in merito (come non lo aveva fatto per gli Stati Uniti), per un rilascio del servizio che potrebbe non avvenire in tempi brevi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
david-130 Maggio 2014, 12:30 #1
Molto interessante, più che altro è una cosa che dovrebbe esser stata fatta tempo fa.

Faccio una domanda al forum.....: possibile che quando si vuol guardare un video (non parlo solo di YouTube) parte una pubblicità di 15-30 o più secondi con una qualità strepitosa, senza nessun tentennamento, senza mai cedere un colpo????? Poi arriva il video vero e proprio ed ecco pixelloni e buffer semi-bloccato...
acerbo30 Maggio 2014, 12:52 #2
Originariamente inviato da: david-1
Molto interessante, più che altro è una cosa che dovrebbe esser stata fatta tempo fa.

Faccio una domanda al forum.....: possibile che quando si vuol guardare un video (non parlo solo di YouTube) parte una pubblicità di 15-30 o più secondi con una qualità strepitosa, senza nessun tentennamento, senza mai cedere un colpo????? Poi arriva il video vero e proprio ed ecco pixelloni e buffer semi-bloccato...


dipende da come é stato uploadato il video, la pubblicità si vede bene perché sicuramente il bitrate e la risoluzione del filmato sono di qualità HD. Quando si carica un video spesso la dicitura 720p e 1080p sono fuorvianti, indicano la risoluzione, non la qualità del video stesso. Se fai un video schifoso col cellulare a 1080p si vedrà peggio di un 480p rippato da un DVD, per non parlare poi di un BD RIP in qualità HD o FHD. Per farla breve tutto é relativo nei video che vedi in streaming, ci vorrebbero al limite informazioni sul codec, la compressione, la profondità di colore, traccia audio, ecc...
qboy30 Maggio 2014, 12:52 #3
Originariamente inviato da: david-1
Molto interessante, più che altro è una cosa che dovrebbe esser stata fatta tempo fa.

Faccio una domanda al forum.....: possibile che quando si vuol guardare un video (non parlo solo di YouTube) parte una pubblicità di 15-30 o più secondi con una qualità strepitosa, senza nessun tentennamento, senza mai cedere un colpo????? Poi arriva il video vero e proprio ed ecco pixelloni e buffer semi-bloccato...

adblock mai sentito?

per l'articolo invece, voglio vedere quando arriverà in italia e nello zimbawe noteranno strane somiglianze
PhoEniX-VooDoo30 Maggio 2014, 12:59 #4
Originariamente inviato da: qboy
adblock mai sentito?

per l'articolo invece, voglio vedere quando arriverà in italia e nello zimbawe noteranno strane somiglianze


occhio che in molti paesi africani dove viene predisposta la connettivita' internet questa risulta ottima poiche' viene fatta da zero e non poggia su infrastrutture fatiscenti del XX secolo come in Italia
korra8830 Maggio 2014, 15:04 #5
Originariamente inviato da: PhoEniX-VooDoo
occhio che in molti paesi africani dove viene predisposta la connettivita' internet questa risulta ottima poiche' viene fatta da zero e non poggia su infrastrutture fatiscenti del XX secolo come in Italia


ottimo, è ufficiale, il terzo mondo è fin troppo avanzato per noi! facciamo parte del quarto mondo! o forse quinto
qboy30 Maggio 2014, 17:05 #6
Originariamente inviato da: korra88
ottimo, è ufficiale, il terzo mondo è fin troppo avanzato per noi! facciamo parte del quarto mondo! o forse quinto


fk031 Maggio 2014, 10:39 #7
Originariamente inviato da: qboy
adblock mai sentito?


pwer chi avra notato che adblock rallenta parecchio il browser e su alcune pagine lo fa crashare (ci ho indagato sopra un po', e sospetto che il codice nella pagina sia stato scritto per portare il plugin al crash) suggesrisco il mio metodo alternativo che utilizzo:

Sostituite la tabella hosts di windows locata in windows\system32\drivers\etc\ e su android in system\etc\ (richiede l'accesso scrittura ottenibile con root) con la tabella hosts che trovate su questo indirizzo, il link di download e' alla sinistar del banner perle donazioni:

http://winhelp2002.mvps.org/hosts.htm

solo dal lato windows suggerisco queste ulteriori modifiche: considerate voi di volt aper volta se servono:

se nella vecchia tabella hosts chi sono gia delle voci aggiunte da voi, aggiungetele su quella nuova, specie chi usa software adobe che telefona a casa per verificare

aggiungete manualmente gli ulteriori siti che volete bloccare, che siano ad non inclusi nella lista o facebook vari

se fate il merge di piu' tabelle hosts e ritenete di avere molti doppioni, usate il comando SORT del dos per mettere tutte le righe in ordine alfabetico, eliminera' le linee doppie

poi un'ulteriore modifica: firefox in caso di errore presenta delle bruttissime pagine di errore molto grandi e brutte da vedere quando si immergono nella pagina che state vedendo: sulla tabella hosts se viene usato 0.0.0.0 rimpiazzatelo con 127.0.0.1 usando il sostituisci e replace dell'edito di testo, e aprite la porta 80 in ascolto sul client bittorrent o sul client emule, cosi' al posto delle maschere di errore nelle pagine non trovate non appare nulla o appare solo la scritta in piccolo "invalid request".
Littlesnitch31 Maggio 2014, 10:52 #8
Originariamente inviato da: qboy
adblock mai sentito?

per l'articolo invece, voglio vedere quando arriverà in italia e nello zimbawe noteranno strane somiglianze


Non saprei per lo Zimbabwe, ma io mi trovo in Ucraina e praticamente in tutti i centri abitati con 30 000 abitanti e più praticamente tutti hanno copertura o ADSL 24Mb flat a 8€ al mese o il cavo 100Mb/100Mb Flat a circa 7€ al mese.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^