Google GDrive atteso per inizio aprile?

Google GDrive atteso per inizio aprile?

Alcune indiscrezioni confemerebbero la disponibilità del servizio di cloud storage di Google per l'inizio di aprile

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 09:04 nel canale Web
Google
 

Si è parlato già in molte occasioni di GDrive, il servizio di cloud storage di Google: da anni tale risorsa è attesa e alcune settimane fa sono circolate indiscrezioni che confermavano come il lavoro di sviluppo fosse a buon punto. Altre indiscrezioni pubblicate nelle scorse ore preannunciano la disponibilità del servizio entro la prima settimana di aprile. Mancano completamente le conferme ufficiali e Google si trincera dietro la volontà di non commentare rumors.

I ben informati hanno anche citato alcune caratteristiche del servizio: Google come di consueto metterà a disposizione delle API, quindi GDrive potrà essere integrato anche in altre soluzioni, e offrirà 1GB di spazio gratuito con la possibilità di acquistare ulteriori pacchetti per lo storage dei dati. Al momento del lancio sarà disponibile un client da installare localmente che si affiancherà alla possibilità di accesso offerta via web browser.

GDrive entra in un mercato nel quale ci sono già altri competitor presenti sulla scena ormai da anni. Google in questo momento dovrà quindi presentare una soluzione innovativa, forse meglio integrata o comunque capace di distogliere utenti da servizi come Dropbox o Sugarsync. Ma c'è anche Microsoft in questo scenario che con SkyDrive offre ben 25GB di spazio di storage e 5GB per la sincronizzazione con l'opzione mesh.

Probabilmente gran parte del successo per GDrive e rivali si giocherà proprio sulla capacità di integrazione dello storage in cloud con altri servizi utilizzati per condividere, modificare o file e documenti o fruire di musica e video.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Abufinzio28 Marzo 2012, 09:41 #1
scusate ma, io son sicuro di aver usato gdrive 3/4 anni fa
era proprio un programma che si associava ad un account gmail
mi son preso un malware o effettivamente è un po' che c'è in giro?
HostFat28 Marzo 2012, 09:45 #2
Quello che usavi tu era giusto un hack e niente di ufficiale.
MiKeLezZ28 Marzo 2012, 09:55 #3
Addio Dropbox e Skydrive.
HostFat28 Marzo 2012, 09:58 #4
Per ora non credo che riusciranno a superare "Wuala", dubito che abbiano implementato un sistema di criptazione locale
AleLinuxBSD28 Marzo 2012, 10:16 #5
Originariamente inviato da: MiKeLezZ
Addio Dropbox e Skydrive.

Perché addio?

Io trovo positivo che esistano più alternative.

Piuttosto mi auguro che non pubblichino la notizia il 1 aprile ... per dire rumors che non si avverano mai!

Nota:
Ho già quasi riempito Skydrive ... stavo tranquillo con Mediafire finché, recentemente, hanno cambiato il loro approccio, in pratica cancelleranno i file inattivi - non ho capito dopo quanto tempo.
Mi ci è voluto una vita e mezzo con quello schifo di upload che ho a disposizione!
Sempre sperando che google dià abbastanza spazio e sempre senza cancellare i file inattivi.
calabar28 Marzo 2012, 12:18 #6
Sono curioso di provarlo.

Oltretutto sono ancora alla ricerca di un servizio che offra un software portable da utilizzare su PC e altri dispositivi che consenta di usare il servizio di cloud come fosse una cartella virtuale (ossia copio i dati in quella che appare una normalissima cartella e questi vengono uppati sul server remoto, senza risiedere sulla macchina locale).
Speriamo che GDrive offra questa possibilità (o qualcuno implementi un software che lo faccia).
frankie28 Marzo 2012, 12:28 #7
Spero che:

Lo spazio sia da 9GB per tutto e non 8 + 1.

Da Gmail si possa salvare e prendere in Gdrive gli allegati.

Ci sia piu' integrazione con Docs.



webcip28 Marzo 2012, 14:35 #8
Originariamente inviato da: calabar
Sono curioso di provarlo.

Oltretutto sono ancora alla ricerca di un servizio che offra un software portable da utilizzare su PC e altri dispositivi che consenta di usare il servizio di cloud come fosse una cartella virtuale (ossia copio i dati in quella che appare una normalissima cartella e questi vengono uppati sul server remoto, senza risiedere sulla macchina locale).
Speriamo che GDrive offra questa possibilità (o qualcuno implementi un software che lo faccia).



Mi pare che ubuntu one offra qualcosa di simile...
Demetrius28 Marzo 2012, 15:39 #9
Originariamente inviato da: calabar
Sono curioso di provarlo.

Oltretutto sono ancora alla ricerca di un servizio che offra un software portable da utilizzare su PC e altri dispositivi che consenta di usare il servizio di cloud come fosse una cartella virtuale (ossia copio i dati in quella che appare una normalissima cartella e questi vengono uppati sul server remoto, senza risiedere sulla macchina locale).
Speriamo che GDrive offra questa possibilità (o qualcuno implementi un software che lo faccia).

ZumoDrive faceva una cosa del genere (ma a Maggio sospenderanno il servizio)... creava un disco virtuale dove potevi decidere quali file sincronizzare in locale e quale tenere solo online (oppure si poteva tenere una cache in base ai file usati più spesso).

Circa un anno fa sono stati acquisiti da Motorola, e quindi ora a sua volta dovrebbero far parte di Google... chissà che non venga integrato nel futuro GDrive.

mau.c28 Marzo 2012, 20:16 #10
1 GB è meglio di niente ma certo se si limitassero a mettere in condivisione lo spazio disponibile anche per gmail sarebbe davvero molto meglio. pur non pulendo praticamente mai le mail vecchie, mi ritrovo col 3% dello spazio utilizzato (iscritto dal 2006) su 7 giga.... preferirei una cosa più precisa e utilizzabile, in condivisione con tutti i servizi google, escluso youtube... mentre così è tutto fumoso, gmail sempre vuota, google docs non so se ha limiti... e picasa ha dei limiti?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^