Google, Facebook e altri combattono le fake news sul Coronavirus

Google, Facebook e altri combattono le fake news sul Coronavirus

Google, Facebook, Microsoft, Linkedin, Reddit, Twitter e YouTube sono pronti a combattere la disinformazione e le truffe legate all'epidemia di Coronavirus! Uno sforzo congiunto da parte dei colossi del Web per il bene di tutti.

di pubblicata il , alle 19:01 nel canale Web
GoogleFacebookYouTubeLinkedIn
 

La battaglia contro il Coronavirus (SARS-CoV-2, COVID-19) si combatte anche su Internet! In particolare i colossi del Web si stanno organizzando per fermare truffe e fake news che in questo periodo sfruttano la paura e l'incertezza degli utenti per proliferare in Rete e generare ulteriori danni.

coronavirus fakenews

Sul Web si combatte contro le fake news sul Coronavirus

In questa squadra troviamo nomi altisonanti come Google, Facebook, Microsoft, Linkedin, Reddit, Twitter e YouTube. Tutte queste società hanno condiviso l'intento di bloccare o arginare fenomeni deleteri in una condizione d'emergenza come l'epidemia di Coronavirus.

coronavirus google fake news

Nella dichiarazione condivisa dalle società si può leggere "stiamo lavorando congiuntamente per rispondere a COVID-19. Stiamo aiutando milioni di persone a rimanere in contatto combattendo insieme truffe e disinformazione sul virus, dando più visibilità ai contenuti autorevoli sulle nostre piattaforme e condividendo aggiornamenti critici in coordinamento con le agenzie sanitarie governative di tutto il Mondo. Invitiamo altre aziende a unirsi a noi mentre lavoriamo per mantenere le nostre comunità sane e sicure".

Non ci sono ancora dichiarazioni ufficiali sui piani (effettivi) d'azione in particolare. Sappiamo però che Facebook e Twitter stanno bloccando attivamente fake news sul Coronavirus con la seconda che fornirà spazi pubblicitari alle organizzazioni non-governative che si occupano di sanità e salute. Google invece ha istituito un team che lavora notte e giorno per cercare di combattere le informazioni non corrette presenti nei risultati di ricerca e su YouTube.

coronavirus fake news

Anche l'amministrazione Trump ha voluto discutere con diverse società in ambito tecnologico per realizzare una controffensiva alla disinformazione legata al Coronavirus (anche se non è chiaro quali saranno i provvedimenti delle società coinvolte e chi effettivamente accoglierà l'invito del presidente degli Stati Uniti).

Il problema delle fake news (e delle truffe) è noto e già presente nel nostro Paese. Ricordiamo che sarebbe opportuno NON diffondere video o messaggi (tramite WhatsApp o altri canali) se non quelli di organi ufficiali come OMS/WHO, Istituto Superiore di Sanità, organi governativi. Tutte le altre fonti potrebbero contenere informazioni parziali o errate.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ZannaMax17 Marzo 2020, 21:23 #1
se se...chi controlla il controllore?
No Life King18 Marzo 2020, 00:20 #2
Piccolissimo problema: Facebook sta anche bloccando i post delle raccolte fondi delle Pubbliche Assistenze...
ethan8618 Marzo 2020, 09:54 #3
Invece di bloccare le "fake-news" donate soldi!
Tozzo7219 Marzo 2020, 12:14 #4
Originariamente inviato da: ZannaMax
se se...chi controlla il controllore?

Il sistema giudiziario di ogni paese può controllare tutto, anche i controllori.
Tozzo7219 Marzo 2020, 12:18 #5
Originariamente inviato da: ethan86
Invece di bloccare le "fake-news" donate soldi!

A me sembra più utile evitare che milioni (o forse miliardi) di persone non mettano in pratica comportamenti nocivi di donare quattro soldi che, al momento sembra non si sappia ancora bene come spendere. Intendo che se anche ci sono i soldi le aziende che producono, ad esempio, respiratori e mascherine non riescono a star dietro alla domanda.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^