Google fa un primo passo per riappacificarsi con la Cina?

Google fa un primo passo per riappacificarsi con la Cina?

Google ha smesso di dirottare automaticamente le ricerche effettuare sul portale cinese verso i propri server a Hong Kong ma ha escogitato un nuovo stratagemma

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 08:34 nel canale Web
Google
 

Google ha deciso di cessare il redirect automatico delle ricerche effettuate dagli utenti cinesi verso i propri server ad Hong Kong, ma a sorpresa ha rimpiazzato le funzionalità presenti su google.cn con un immagine che rimanda sempre a google.com.hk. Ecco come appare oggi la home page di Google Cina:

Dal punto di vista funzionale sostanzialmente non è cambiato nulla, tuttavia grazie a questo piccolo stratagemma Google non dovrà più dirottare automaticamente il traffico: saranno gli utenti stessi ad andare sul portale con sede ad Hong Kong cliccando sull'immagine.

Google ha fatto sapere di aver effettuato questo cambiamento nella speranza che sia sufficiente ad aggirare le imposizioni del governo cinese e a poter mantenere la licenza per continuare ad operare nel paese asiatico.

Il governo cinese ha infatti ritenuto semplicemente "inaccettabile" la strategia del dirottamento del traffico messa in atto da Google verso la fine di marzo ed ha lanciato un ultimatum alla compagnia statunitense: secondo quanto stabilito, Google aveva infatti tempo fino ad oggi per adeguarsi alla legislazione cinese, oppure in caso contrario non potrà più operare in Cina.

Resta ora da vedere come reagirà la Cina a questa nuova mossa di Google, che più che cercare una via per la riappacificazione sembra intenzionata a sfidare un governo che certamente è tutt'altro che stupido; presto avremo modo di vedere se google.cn verrà oscurato o se lo stratagemma del gigante di Mountain View avrà raggiunto il suo scopo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
II ARROWS01 Luglio 2010, 09:14 #1
Emmmh... ma non si è accorto nessuno che Hong Kong è comunque in Cina?
GByTe8701 Luglio 2010, 09:18 #2
Originariamente inviato da: II ARROWS
Emmmh... ma non si è accorto nessuno che Hong Kong è comunque in Cina?


Manda una mail a [email]e.schmidt@google.com[/email], magari non lo sapeva.

Hong Kong ha piena libertà amministrativa rispetto alla Cina.
II ARROWS01 Luglio 2010, 09:28 #3
Ma è comunque in Cina...

Sei sicuro che non debba mandarlo @gmail.com?
Pikazul01 Luglio 2010, 10:03 #4
Originariamente inviato da: II ARROWS
Ma è comunque in Cina...


Piena libertà amministrativa = decidono loro cosa censurare (e se censurare). E' praticamente un paese a parte.
gionnico05 Luglio 2010, 14:51 #5

Primo passo?

Un primo passo?
Ma ai cinesi è bloccato google ssl?
Perché altrimenti altro che, da una parte gli danno indietro il motore censurata, dall'altra aprono le porte a una ricerca senza censure e non intercettabile dalle autorità!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^