Google dà la mazzata finale ad Adobe Flash

Google dà la mazzata finale ad Adobe Flash

Con il rilascio di Chrome 45, Google ha disattivato la riproduzione automatica dei contenuti in Flash meno importanti come impostazione predefinita del browser

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:21 nel canale Web
AdobeGoogle
 

Adobe Flash è morto. Possiamo pure indorare la pillola, dirlo in maniera più edulcorata, ma il concetto di base non cambia. E lo sa pure Adobe, che ha collaborato con Google per sviluppare un tool apposito in grado di identificare i contenuti sviluppati in Flash meno decisivi nel rendering della pagina. La nuova impostazione è adesso quella di default sull'ultima release di Chrome, la 45 che è già disponibile nei canali d'aggiornamento e come download standalone.

Chrome 45

Dell'abbandono di Flash su Chrome ne avevamo parlato a più riprese, e adesso è realtà. Mesi fa Google annunciava: "Quando sei su una pagina web che esegue contenuti Flash, noi metteremo in pausa i contenuti (come le animazioni Flash) che non sono centrali nella pagina, mantenendo attiva al tempo stesso la riproduzione dei contenuti centrali (come ad esempio un video)".

Chrome è un prodotto centrale nella navigazione del web. Con una base di oltre 1 miliardo di utenti rappresenta un riferimento che gli sviluppatori non possono non valutare. Un cambiamento di questo tipo dà la mazzata finale al linguaggio di programmazione di Adobe che nel corso del tempo è stato colpito da molti Big del settore. Indimenticabile la mancanza storica del suo supporto su iPhone, così come l'assenza in via nativa sulle ultime versioni di Android.

La funzione è in realtà presente sul browser web da tempo e poteva essere modificata negli ultimi periodi accedendo alle impostazioni del browser. Adesso è attiva in via predefinita e per visualizzare un banner pubblicitario o un contenuto bloccato dal sistema sarà necessario cliccare sopra lo stesso.

Google vuole che Chrome diventi un browser più efficiente e allo stesso tempo sta lavorando sulla migrazione da Flash ad HTML5 sui contenuti della sua piattaforma AdWords pubblicitaria. La società offre già tool per la conversione automatica nel proprio circuito ma con la nuova mossa anche gli inserzionisti che si affidano ancora a Flash e a piattaforme pubblicitarie esterne saranno costretti a passare al più efficiente e moderno linguaggio di programmazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s-y03 Settembre 2015, 16:26 #1
non se ne sentira' (e speriamo che la 'bonifica' avvenga in tempi rapidi...) la mancanza

ps: poi che 'schiatti' di botto sara' dura...
demon7703 Settembre 2015, 16:42 #2
EVVVAAAAAAAAAIIIII!!!
E ANDIAMOOOOOOOOOOO!!!!

MrXaros03 Settembre 2015, 16:46 #3
Ora la prossima vittima spero sia Java
AlexSwitch03 Settembre 2015, 17:00 #4
Questa si è una bella botta per Flash, ma il colpo di grazia alla nuca verrà dato quando anche Facebook lo eliminerà definitivamente.
LordSilver03 Settembre 2015, 17:21 #5
Prima il supporto a plugin NPAPI, ora Flash: sembra che finalmente si siano decisi a fare un po' di pulizia; da troppo tempo se ne sentiva il bisogno.
adaant03 Settembre 2015, 17:46 #6
Originariamente inviato da: MrXaros
Ora la prossima vittima spero sia Java


Perchè scusa? Avrà sicuramente dei difetti non c'è dubbio, ma pensare di sopprimere il java mi sembra un pochino esagerato. Qualcuno si ricorda quanto criticarono duramente apple perchè si rifiutò di implementare flash in ios? Oggi invece siamo tutti contenti
AleLinuxBSD03 Settembre 2015, 17:46 #7
Finalmente qualche mossa importante nella sua eliminazione.
s0nnyd3marco03 Settembre 2015, 18:08 #8
Mi manchera' cosi tanto quel caro memory hog....
Itacla03 Settembre 2015, 18:31 #9
Originariamente inviato da: MrXaros
Ora la prossima vittima spero sia Java


Certo come no?
Poi centinaia se non migliaia di software enterprise e non possono essere bellamente buttati nel cestino, con danni milionari a tutto il mercato.

Già con la disattivazione del supporto ai plugin NPAPI è stato un delirio per molte cose in ambito aziendale. Figuriamoci se dovessere rimuovere Java.
PyЯamid Head03 Settembre 2015, 18:36 #10

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^