Google Buzz: 8,5 milioni di dollari per educare alla tutela della privacy

Google Buzz: 8,5 milioni di dollari per educare alla tutela della privacy

Google perde una class action relativa a Google Buzz e alla violazione della privacy degli utenti. Verrà costituito un conto fruttifero da 8,5 milioni di dollari per educare alla tutela della privacy

di pubblicata il , alle 11:53 nel canale Web
Google
 

Chi ricorda Google Buzz e i problemi relativi alla privacy degli utenti? Ne avevamo parlato già qui e Google aveva cercato di porre rimedio al problema, ma ciò non ha evitato una class action e la giustizia americana ha ritenuto il colosso di Mountain View colpevole. A Google veniva di fatto criticato un approccio troppo disinvolto per quel che riguarda la privacy: le impostazioni predefinite di Google Buzz prevedevano implicitamente la creazione di una lista utilizzando i contatti maggiormente utilizzati .

Google deve quindi pagare 8,5 milioni di dollari ma questa somma non sarà distribuita tra tutti i partecipanti alla class action: verrà costituito un conto fruttifero e la somma versata da Google, comprensiva degli interessi maturati nel tempo, verrà utilizzata per progetti relativi all'educazione degli utenti nei confronti della tutela della privacy.

La decisione di non risarcire i singoli utenti pare essere motivata dall'elevato numero di partecipanti alla class action e dalla difficile individuazione e quantificazione dei danni realmente subiti. Qui di seguito il testo della email indirizzata da Google ai propri utenti.

Google rarely contacts Gmail users via email, but we are making an exception to let you know that we've reached a settlement in a lawsuit regarding Google Buzz (http://buzz.google.com), a service we launched within Gmail in February of this year.

Shortly after its launch, we heard from a number of people who were concerned about privacy. In addition, we were sued by a group of Buzz users and recently reached a settlement in this case.

The settlement acknowledges that we quickly changed the service to address users' concerns. In addition, Google has committed $8.5 million to an independent fund, most of which will support organizations promoting privacy education and policy on the web. We will also do more to educate people about privacy controls specific to Buzz. The more people know about privacy online, the better their online experience will be.

Just to be clear, this is not a settlement in which people who use Gmail can file to receive compensation. Everyone in the U.S. who uses Gmail is included in the settlement, unless you personally decide to opt out before December 6, 2010. The Court will consider final approval of the agreement on January 31, 2011. This email is a summary of the settlement, and more detailed information and instructions approved by the court, including instructions about how to opt out, object, or comment, are available at http://www.BuzzClassAction.com.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dtreert03 Novembre 2010, 12:26 #1
sai che roba =P. Inciderà si e no lo 0,1% sul fatturato... Più che altro è cattiva pubblicità per Google
porcamucca03 Novembre 2010, 19:22 #2
Sono contento che i soldi della penale vadano investiti in educazione alla privacy, purtroppo oramai è molto più di moda sbattere la propria vita online e poi piangere quando succede qualcosa dando la colpa a chi fornisce i servizi.
mnovait03 Novembre 2010, 23:20 #3
Originariamente inviato da: porcamucca
Sono contento che i soldi della penale vadano investiti in educazione alla privacy, purtroppo oramai è molto più di moda sbattere la propria vita online e poi piangere quando succede qualcosa dando la colpa a chi fornisce i servizi.


straquoto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^