Google annuncia AutoDraw: a disegnare per noi ci pensa l'IA

Google annuncia AutoDraw: a disegnare per noi ci pensa l'IA

Utilizzando algoritmi di machine learning, o intelligenza artificiale, AutoDraw consente di migliorare drasticamente la qualità delle tue bozze riconoscendo gli oggetti disegnati

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Web
Google
 

Non tutti riescono a disegnare bene, e su smartphone e tablet anche i tratti più semplici possono sembrare davvero difficili soprattutto senza strumenti dedicati. A risolvere il problema ci pensa ancora una volta Google, che lo scorso mercoledì ha annunciato AutoDraw: si tratta di una web-app che riconosce il soggetto disegnato dall'utente per mezzo di algoritmi di machine learning abbinandolo a diversi disegni già compiuti e realizzati da veri e propri artisti. A questo punto l'utente può selezionare il risultato finale desiderato fra le proposte dell'intelligenza artificiale.

Non è di certo uno strumento che ha finalità professionali, e non vuole togliere di mezzo i designer che ci sono in circolazione, ma può essere utilizzato secondo Google per realizzare inviti di compleanno o per le feste, funzionando su smartphone, computer e tablet. Ed è gratis. AutoDraw va analizzato soprattutto per quello che è: ovvero un nuovo esperimento di Google sul campo dell'intelligenza artificiale, sfruttando del resto tecnologie che avevamo già visto anche in passato. Disegnando una piccola bozza grezza, l'IA riesce a capire le nostre intenzioni.

AutoDraw è disponibile a questo indirizzo e, una volta avviato, appare come un'app semplificata per il disegno con sfondo a pieno schermo bianco. L'utente può scegliere se disegnare a mano libera o disegnare forme prestabilite sullo schermo utilizzando il proprio dito, il mouse o un pennino compatibile con il dispositivo. Man mano che completiamo il nostro disegno l'IA continuerà ad analizzarlo, fino a proporci una soluzione completa non appena identificato quello che vogliamo disegnare. A questo punto potremo salvare il disegno o condividerlo sul web.

Abbiamo giocato qualche minuto con l'applicazione e possiamo dire che funziona. AutoDraw può davvero aiutare chiunque a "disegnare velocemente", come del resto sottolinea il motto usato da Google, affidandosi a disegni realizzati da Simone Noronha, Pei Liew, Erin Butner, Tori Hinn, ed altri. Il progetto si basa su altri lavori passati realizzati da Google per sperimentare i propri algoritmi di machine learning, e di fatto non è troppo differente da alcuni di questi. Ci riferiamo nello specifico a QuickDraw, in cui l'IA indovina quello che sta disegnando l'utente.

Fra gli altri esperimenti ricordiamo anche Giorgio Cam, che trasforma le immagini in canzoni;  Thing Translator, che aiuta gli utenti ad identificare un oggetto in una lingua diversa utilizzando fotografie; o The Infinite Drum Machine, per creare piccoli "beat". È ormai evidente che il futuro di Google è tracciato, ed è principalmente nel nome del machine learning che dovrà essere ricercato il leitmotiv della sua evoluzione, sia in ambito motori di ricerca che per i servizi offerti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
benderchetioffender13 Aprile 2017, 18:25 #1
praticamente usano gli umani come fact check per gli algoritmi di riconoscimento.... bella mossa
Sandro kensan13 Aprile 2017, 22:06 #2
Provate a disegnare una faccia: non la riconosce manco morto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^