Google Account: autenticazione a doppio step

Google Account: autenticazione a doppio step

Anche in Italia è disponibile l'autenticazione a doppio step per la gestione del Google Account

di pubblicata il , alle 10:28 nel canale Web
Google
 

Buone notizie per la sicurezza dei Google Account italiani: da alcune ore è disponibile anche per il nostro Paese l'autenticazione a doppio step che offre un livello di protezione decisamente superiore. Questa funzionalità è già attiva in altre aree del globo da tempo ma il blog italiano di Google ne annuncia la disponibilità e le caratteristiche.

L'autenticazione a doppio step prevede di affiancare alla comune password utilizzata per accedere ai servizi Google anche un codice numerico generato da Google e inviato al terminale mobile dell'utente. In questo modo, qualora la password venga trafugata il codice numerico offrirà comunque la protezione dell'account e essendo associato a un dispositivo fisico posseduto dall'utente non potrà essere intercettato da terzi.

Il codice numerico può essere richiesto a ogni login oppure per semplificare le operazioni è possibile validare uno specifico codice per trenta giorni, anche se in termini assoluti in questo modo si abbassa la sicurezza. Google ha anche riassunto in poche righe altri consigli relativi alla gestione della sicurezza per il proprio account:

Di seguito una panoramica su come potete usare i prodotti Google in modo ancora più sicuro:

  • Per il vostro account Google, usate una password sicura che non utilizzate anche per altri siti. Il rischio infatti è che un hijacker possa rubarvi quella password da altri siti per accedere al vostro account Google.
  • Inserite la password solamente all’interno del dominio https://www.google.com. Non vi chiederemo mai di inviare via mail una password o di inserirla in un modulo all’interno di una mail.
  • Controllate nelle vostre impostazioni Gmail se ci sono eventuali indirizzi sospetti perl'inoltro automatico (tab “Inoltro e POP/IMAP”) o account autorizzati (tab “Account”).
  • Controllate il rilevamento di attività sospette sull’account.
  • Verificate le funzionalità per la sicurezza offerte dal browser Chrome. Se ancora non utilizzate Chrome, vi consiglio di prendere in considerazione questa opzione.
  • Leggete anche gli altri consigli utili su come essere al sicuro sul web.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ghiltanas18 Luglio 2011, 10:37 #1
si, peccato che dopo ben 8 tentativi nn mi sia arrivato uno straccio di codice, e sia impossibilitato ad attivare un account gmail
TheDarkAngel18 Luglio 2011, 10:54 #2
Dovrebbero averti dato 10 codici di backup e nel caso tu avessi un terminale android è disponibile l'applicazione che genera codici.
Dumah Brazorf18 Luglio 2011, 11:48 #3
Buh a me sono arrivati gli sms in 5-10 secondi.
ligabuz18 Luglio 2011, 12:57 #4
Veramente il servizio è già disponibile in Italia da almeno 3 settimane...tempo da cui lo utilizzo
eeetc19 Luglio 2011, 11:01 #5
A me, soprattutto con la sempre maggiore diffusione di dispositivi mobili facilmente dimenticabili o a rischio furto, sembrerebbe più utile un "panic SMS" da inviare a Google per bloccare velocemente l'account e renderne impossibile il cambio di credenziali da parte di terzi.
$padino19 Luglio 2011, 12:01 #6
a dire il vero il doppio step l'ho provato una vita fa nella versione inglese di google..
mantelvaviz19 Luglio 2011, 18:23 #7
lo uso da parecchi mesi avendo gmail configurata in inglese, molto comodo, per i servizi di terze parti genera una password fittizia temporanea in modo da consentire solo a loro l'accesso, ulteriore livello di sicurezza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^