Giro di vite del governo statunitense sulla pirateria online

Giro di vite del governo statunitense sulla pirateria online

L'amministrazione Obama ha deciso di dedicare 50 agenti dell'FBI nel tentativo di ridurre il numero di infrazioni del copyright che si verifica online.

di pubblicata il , alle 09:16 nel canale Web
 

Il governo Obama contro la pirateria online. All'interno del programma di tutela delle proprietà intellettuali, il governo degli Stati Uniti ha deciso di dedicare 50 agenti dell'FBI nel tentativo di contrastare le infrazioni di copyright che si verificano sulla rete, fenomeno che include anche la pirateria del software.

Coordina il programma Victoria Espinel, e sono coinvolti anche il vice presidente Joe Biden e il Procuratore generale (ministro della giustizia) degli Stati Uniti Eric Holder. L'avversario principale dell'iniziativa sono i siti web che forniscono link per il download di copie illegali del software. Secondo il programma del governo americano, il 79% delle copie non autorizzate è prodotto in Cina. Le industria di musica, film e videogiochi sono le principali vittime della pirateria.

"Il furto delle proprietà intellettuali videoludiche ostacola la creatività, uccide il lavoro e riduce l'attività economica nella nostra nazione", dice Michael D. Gallagher, presidente e CEO di Entertainment Software Association, la società che organizza ogni anno l'E3. "L'industria dei videogiochi è fonte di grandi innovazioni, di creatività, di espressioni artistiche e di crescita economica. I consumatori vincono quando di diritti sulle proprietà intellettuali sono protetti e rinforzati".

Secondo ESA, nel solo mese di dicembre 2009 sono state scaricate in maniera illegale 10 milioni di copie di videogiochi. Secondo una ricerca, per ogni mille tentativi di eseguire software piratati bloccati dai DRM è stata comprata in maniera legale una copia del software. Nella lista delle nazioni in cui bisogna sensibilizzare la gente per contrastare la pirateria, secondo ESA ai primi posti ci sono Canada, Brasile e Messico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

134 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Redvex25 Giugno 2010, 09:29 #1
Bè il modello per debellare la pirateria c'è: guardate l'appstore della Apple. Giochi che vanno da 0.79 centesimi ad un massimo di 10 euro e 50 centesimi con molto spesso offertone da prendere al volo.
Certo il pezzente che pirata un gioco di 79 cent ci sarà sempre ma saranno molti meno.

Poi vabbè impiegassero sta gente per impedire l'entrata di droga o prevenire atti terroristici sarebbe meglio.
ministro25 Giugno 2010, 09:29 #2
"Le industria di musica, film e videogiochi sono le principali vittime della pirateria"
povere vittime multi milionarie
fendermexico25 Giugno 2010, 09:35 #3
meno male che Obama era di sinistra....
Paganetor25 Giugno 2010, 09:36 #4
ragazzi, c'è poco da dire: i videogiochi, i SW in generale e la musica non sono beni "primari", possono metterli anche a 1000 euro a copia e non ci sarebbe nulla di male. Ovvio che poi venderebbero 3 copie!
Come giustamente ha fatto notare Redvex, ci sono modi alternativi per evitare di pagare uno sproposito: dall'esempio dell'Appstore Apple a Steam, fino ai "cestoni" con dentro videogiochi dell'anno precedente e alle riviste con i giochi completi a 7.90. Oppure si può comprare on-line all'estero (mi viene in mente Play.com, ma ce ne sono tanti che fanno offerte interessanti anche per chi vuole il gioco al day one).
Il "prezzo" da pagare è che si mette mano a giochi usciti almeno un anno prima, ma se così spendo 10 euro anzichè 50 a me sta bene...
sopress25 Giugno 2010, 09:37 #5
STEAM sta facendo miracoli contro la pirateria! andate a vedere che prezzi oggi...
Fedefyco25 Giugno 2010, 09:41 #6
ma che non li convincono almeno il 10% di 10mln di persone a spendere un euro per avere un gioco originale? sarebbero gia' 100.000 euro contro i 50 euro della copia venduta...

1 euro vale gia' SOLO il tempo che spende un pirata a craccare il gioco
sna69625 Giugno 2010, 09:43 #7
@sopress:
lo stavo per scrivere io!! w lo shopping digitale!!
fendermexico25 Giugno 2010, 09:44 #8
io gioco con gli abandonware che non sono più coperti da copyright
danzig8825 Giugno 2010, 09:45 #9
Beh, secondo me Steam è già una buona cosa (a parte pesantezza del client e robe varie). Per esempio, ieri ho preso a 27 € tutti i Call of Duty meno che MW2, e a quel prezzo mi sembra una cosa veramente conveniente. Ovviamente qui si parla di offerte valide poche ore o giorni, però è già qualcosa secondo me.
Senryu_9125 Giugno 2010, 09:45 #10
@ ministro

quoto

Quando lo capiranno che la pirateria aiuta a vendere il software, oltrettutto è un nuovo strumento a disposizione degli artisti che non vengono accettati dalle lobby dell'industria per diffondere la propria arte velocemente e farsi conoscere (e addirittura avere parecchi guadagni vendendo i brani indipendentemente online poi).

La pirateria aiuta le vendite non le danneggia, perchè un buon pirata sà che se un prodotto merita và acquistato, cosa che io e i miei conoscenti facciamo sempre.

Se si pirata comunque vuol dire che il prodotto non avrebbe indotto il pirata all'acquisto, e di cosneguenza le perdite stanno a 0.

L'unico colpevole della diminuizione delle vendite sono le stesse multinazionali che alzano i prezzi per un problema inesistente e gli stati che tassano a non finire (specie in italia)

W l'import dall'inghilterra, aggiungerei.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^