Firefox è un 'browser cattivo': la ISPA spietata contro il browser di Mozilla

Firefox è un 'browser cattivo': la ISPA spietata contro il browser di Mozilla

Mozilla Firefox è fra i super-cattivi della ISPA per voler ostacolare le tecniche di filtro e controllo genitoriale attraverso un'evoluzione che potrebbe essere presto distribuita nel browser

di pubblicata il , alle 08:21 nel canale Web
Mozilla
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo10 Luglio 2019, 10:51 #11
Originariamente inviato da: inited
..., qui che giustificazione c'è per questo tipo di presentazione?

clicca qui per scoprirlo
calabar10 Luglio 2019, 11:11 #12
E questo la dice tutta si chi siano i veri cattivi.

Originariamente inviato da: biometallo
Qui però non si parla neanche di questo qui si parla di filtri atti a difesa dei minori che con questo DNS over HTTPS vengono spazzati via, e senza neanche dover cambiare i dns dalla propria connessione internet

Non secondo Mozilla.
Forse i loro interessi sono altri. Sarà che gli stati ormai stanno operando sempre più con tecniche tipiche dei malintenzionati.
Ragerino10 Luglio 2019, 11:24 #13
Originariamente inviato da: biometallo


Quindi tu credi che lo stato non deva censurare atti illeciti? Se per esempio uscendo di casa un pazzo ti assalisse e cominciasse a pugnalarti, secondo te la polizia non dovrebbe intervenire?
Censurare atti illeciti e immorali credo sia la base su cui si fonda uno stato di diritto, al massimo si può discutere su cosa sia giusto etichettare come illecito o immorale.
.


Cosa c'entra il tipo che ti pugnala, con la censura di contenuti online?

Siamo sempre alle solite. Chi controlla il controllore? Chi decide cosa bisogna censurare, e secondo quali criteri? La storia non ha che ripetersi e girare su se stessa come una trottola, è pieno di esempi di censura 'benevola' che nella realtà fa più male che bene.
Da cosa mi devono proteggere? Dalla possibilità di andare su un sito porno? Perche ci sono gli stati dove si censurano i siti porno, e scommetto che anche lì c'è gente come te che supporta la censura, e magari pensano di essere nel giusto.
La censura è sempre sbagliata.
biometallo10 Luglio 2019, 11:32 #14
Originariamente inviato da: calabar
Non secondo Mozilla.

Tutto qui? Da te speravo in una risposta un po' più organica, o quanto meno un link... va beh me lo andrò a cercare da solo.

Nel frappé racconto della mia prova veloce veloce:
Rimesso i DNS su "AUTO" e attivato su firefox DNS over HTTPS con due click, ho provato ad aprire la homepage di un noto sito pirata e che da noi sono sicuro sia bloccato a livello di DNS (tempo fa appariva proprio un messaggio della guardia di finanza) ebbene mentre su Chrome da errore 404, su Firefox si apre e come se si apre...

Presumo quindi che qualunque sito, bloccato a livello di dns, attivando DNS over HTTPS sia di fatto visitabile, non che poi superare il blocco dei DNS sia mai stato un problema...
amd-novello10 Luglio 2019, 11:41 #15
Originariamente inviato da: Ragerino
Cosa c'entra il tipo che ti pugnala, con la censura di contenuti online?


un fico secco.
calabar10 Luglio 2019, 11:55 #16
Originariamente inviato da: biometallo
Da te speravo in una risposta un po' più organica, o quanto meno un link...

Nessun link perchè la risposta di Mozilla (per bocca di Justin O'Kelly) è inclusa nell'articolo.

Originariamente inviato da: Articolo
Nonostante venga affermato il contrario, un DNS più privato non impedirebbe l'uso del filtraggio dei contenuti o dei controlli genitoriali.


Per quanto riguarda la prova che hai fatto, direi che i blocchi DNS non hanno mai fermato nessuno, basta usare un legittimissimo server DNS che non sia sotto l'autorità diretta dello stato italiano per accedere a quel che si vuole.
Sandro kensan10 Luglio 2019, 12:11 #17
Il problema sono i bambini e il codazzo di gente che gli fa da difensori: queste persone porteranno Internet al degrado. Basta guardare la TV e vedere cosa è diventata per difendere i bambini. Certo i bambini possono vedere la TV ma a che costo?
marcram10 Luglio 2019, 12:55 #18
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Il problema sono i bambini e il codazzo di gente che gli fa da difensori: queste persone porteranno Internet al degrado. Basta guardare la TV e vedere cosa è diventata per difendere i bambini. Certo i bambini possono vedere la TV ma a che costo?


Ma il problema bambini non dovrebbe neanche porsi. Basta che la censura la fai tu, genitore, a livello locale: installi un browser, un'estensione, qualcosa che abbia una blacklist (sono sicuro ci sia qualcosa), e lasci invece libero internet.
Un po' come se nei bar vietassi i "discorsi da bar" perché potrebbe entrare un bambino...

Con la tv è un po' più difficile usare un filtro locale, ma con internet non vedo dove sia il problema...
An.tani10 Luglio 2019, 14:42 #19
Originariamente inviato da: calabar
Per quanto riguarda la prova che hai fatto, direi che i blocchi DNS non hanno mai fermato nessuno, basta usare un legittimissimo server DNS che non sia sotto l'autorità diretta dello stato italiano per accedere a quel che si vuole.


Il tuo ISP potrebbe fare DNS traparent proxying...

in realtà non lo faranno mai (se non obbligati per legge) per bloccare siti (è un costo) ma potrebbero farlo a fine di profilazione x rivendersi i dati
biometallo10 Luglio 2019, 14:57 #20
Originariamente inviato da: Ragerino
Cosa c'entra il tipo che ti pugnala, con la censura di contenuti online?

Esempio molto terra terra di atteggiamento da censurare, se ci pensi bene, ogni forma di legge è a tutti gli effetti una forma di censura, pensa per esempio alla legge che vieta di girare nudi per le strade, o fare sesso in luoghi pubblici, o pucciare i piedi in una fontana... sono tutte forme di censura, e vale ovviamente sia per quello che si può fare che per quello che si può dire.

Di fatto non credo esista alcun tipo di società umana dove non esista la censura.





Originariamente inviato da: calabar
Nessun link perchè la risposta di Mozilla (per bocca di Justin O'Kelly) è inclusa nell'articolo.

Perdonami ma quelle nell'articolo non sono le parole di Justin O'Kelly, ma stralci riportati da un qualche articolo presumibilmente in inglese che poi è stato tradotto da Nino Grasso, e dato che tradurre è un po' come tradire io vorrei leggere tali parole senza filtri esterni, credo che nell'era di internet non sia pretendere troppo... ma ripeto me le cercherò da solo tranquillo.

Per quanto riguarda la prova che hai fatto, direi che i blocchi DNS non hanno mai fermato nessuno, basta usare un legittimissimo server DNS che non sia sotto l'autorità diretta dello stato italiano per accedere a quel che si vuole.

Però al di là che io stesso consideri tali blocchi poco più che meri pigliatavi, credo che sia proprio questo che viene contestato a Mozzilla:

per quanto anche lì sarebbe da leggere qualche dichiarazione ufficiale, per ora sono fermo a:

https://www.ispa.org.uk/ispa-announ...llain-nominees/

ISPA Internet Villain


ISPA Internet Villain

Mozilla – for their proposed approach to introduce DNS-over-HTTPS in such a way as to bypass UK filtering obligations and parental controls, undermining internet safety standards in the UK

Ma credo che questo spieghi meglio:

https://www.zdnet.com/article/uk-is...dns-over-https/

As a side-effect of this design, this also means that each app controls the privacy of its DNS queries, and can hardwire a list of DNS-over-HTTPS servers (resolvers) in its settings, and not depend on the operating system's default (and most likely DoH-not-compatible) DNS servers.

This protocol design means that a user's DNS requests are invisible to third-party observers, such as ISPs; and all DoH DNS queries and responses hidden inside a cloud of encrypted connections, indistinguishable from the other HTTPS traffic.

In theory, the protocol is a dream from privacy advocates, but a nightmare for ISPs and makers of network security appliances.


Originariamente inviato da: marcram
Con la tv è un po' più difficile usare un filtro locale, ma con internet non vedo dove sia il problema...

In vero da quando vi è stato il passaggio al DVB-T ogni tv dispone di "parental control" poi per me la tv attuale e fin troppo piena di sbudellamenti e ammazzamenti, ma trnquilli non chiedo più censura, mi basta che il tasto per spegnere non sia fuori legge*

*dato che non è una citazione facile per chi fosse curioso rimando alla pagina su wikipedia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^