Fake News Alert: l'estensione di Chrome per evitare le bufale online

Fake News Alert: l'estensione di Chrome per evitare le bufale online

Segnaliamo un'estensione utile per tutti, ma da installare assolutamente sui browser degli utenti più creduloni e meno esperti. Fake News Alert consente di individuare facilmente l'affidabilità di una news

di pubblicata il , alle 18:31 nel canale Web
GoogleFacebook
 

A breve distanza dalle elezioni presidenziali americane, che sarebbero state pilotate secondo alcuni dalle "bufale" pubblicate di continuo dai repubblicani su Facebook, la lotta contro le notizie false ha preso una decisa impennata. Una nuova estensione per Chrome può essere utilissima allo scopo di individuare le notizie false sul web: una volta lanciata una notizia proveniente da un sito poco affidabile l'add-on dirà all'utente che "l'informazione sul sito può essere falsa o ingannevole".

Creata dal giornalista del New Yok Magazin Brian Feldmanm Fake News Alert si aggiunge a un filone di estensioni che sta andando molto in voga nelle ultime settimane. Fra queste citiamo anche B.S. Detector, dal nome piuttosto opinabile, ma che ha un obiettivo altrettanto altisonante: scovare bufale su Facebook. Entrambe le estensioni si basano su una lista manuale di siti che sono noti per contenere informazioni false presentate come news tradizionali e apparentemente affidabili.

Fake News Alert utilizza una lista di siti ingannevoli compilata da alcuni esperti del settore, purtroppo soprattutto in lingua inglese come Breitbart e InfoWars, ma anche siti evidentemente ironici come ClickHole. Non tutti gli utenti purtroppo riescono a distinguere la "bufala" dalla realtà, prendendo come vere notizie palesemente assurde e in questo caso le due estensioni possono risultare molto interessanti. Insomma, dopo le elezioni il problema delle bufale è diventato molto sentito negli USA e arrivano nuove soluzioni specifiche.

Questo non è del tutto vero secondo Mark Zuckerberg: il CEO di Facebook ha dichiarato che le notizie fake sul social network sono una minima parte e non hanno avuto alcun impatto sul voto dato dagli elettori statunitensi. Insieme a Google, Facebook sta cercando di arginare la potenza dei siti di "bufale" limitando loro l'uso dei loro circuiti pubblicitari, tuttavia ad oggi gli sforzi compiuti sembrano minimi e non del tutto efficaci per combattere il problema in maniera definitiva.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
turcone23 Novembre 2016, 18:55 #1
a grillo e m5s non piace questa estensione
Bivvoz23 Novembre 2016, 20:30 #2
La verità è che se uno ha un minimo di cervello e istruzione non ha bisogno di estensioni.
E non parlo di sapere quali sono bufale e quali no, ma di verificare.
MaxFabio9324 Novembre 2016, 00:13 #3
Sono contento che i colossi del web in generale stiano reagendo a questo fenomeno degli ultimi anni, è diventato tutto un casino da quando i decerebrati hanno la possibilità di esternare tutto quello che vogliono, ovviamente la libertà di parola è legittima e sovrana ma quando se ne abusa e si arrivano anche alle bufale, diffamazioni e minacce diventa una pratica dannosa e si danneggiano anche parecchio le persone, con disastri mai visti, basti pensare solo ai vaccini. Il bello è che attualmente ci si fiondano anche trasmissioni televisive come quelle belve nere inferocite che non sanno da che parte sbattere la testa, tutti in difficoltà costante contro il web.

Originariamente inviato da: turcone
a grillo e m5s non piace questa estensione


E non solo purtroppo, interi partiti come quello ci mangiano su queste cose, ogni giorno, e dico anche letteralmente con i soldi

Originariamente inviato da: Bivvoz
La verità è che se uno ha un minimo di cervello e istruzione non ha bisogno di estensioni.
E non parlo di sapere quali sono bufale e quali no, ma di verificare.


Vero al 100%, peccato che la maggioranza sia ben altra.
pikkio24 Novembre 2016, 06:56 #4

hey ma con chrome non riuscivo a vedere questa news

solo con Firefox ...
... vuoi vedere che ... !
Phantom II24 Novembre 2016, 07:52 #5
Teoricamente molto bello, ma andrebbe capito chi si incarica di etichettare una notizia come "bufala" e in base a quale criterio.
Potenzialmente sistemi del genere possono diventare ottimi strumenti di censura automatica o quanto meno ennesimi veicoli del "pensiero unico".
andry1824 Novembre 2016, 08:35 #6
Penso si assoceranno a qualche sito che si occupa proprio di questo, tipo butac.it o simili
Il problema è che ad installarla saranno solo quelli con la materia grigia necessaria, che già si fanno delle domande in caso di notizie sospette il che...beh, sarà un risparmio di tempo per questi, ma il resto della popolazione continuerà a credere ed indignarsi per qualsiasi cosa, come al solito. D'altronde se la parola dell'anno è "post-truth" un motivo c'è
GTKM24 Novembre 2016, 08:39 #7
Originariamente inviato da: Phantom II
Teoricamente molto bello, ma andrebbe capito chi si incarica di etichettare una notizia come "bufala" e in base a quale criterio.
Potenzialmente sistemi del genere possono diventare ottimi strumenti di censura automatica o quanto meno ennesimi veicoli del "pensiero unico".


*
pingalep24 Novembre 2016, 12:11 #8
sì peccato che chi ha paura del pensiero unico spesso declina la sua ignoranza sui temi più vari generando mostri spauracchi timori ansie colpe e sensi di colpa.

in campo medico sanitario senti e leggi le castronerie più varie, solo che la differenza tra la nonnina che storpia i nomi dei farmaci delle malattie e degli esami e un tizio a caso che scrive un sito e poi ci vendo un libro sulle sue storpiature intellettuali sul tema.
Bivvoz24 Novembre 2016, 12:13 #9
Originariamente inviato da: pingalep
sì peccato che chi ha paura del pensiero unico spesso declina la sua ignoranza sui temi più vari generando mostri spauracchi timori ansie colpe e sensi di colpa.

in campo medico sanitario senti e leggi le castronerie più varie, solo che la differenza tra la nonnina che storpia i nomi dei farmaci delle malattie e degli esami e un tizio a caso che scrive un sito e poi ci vendo un libro sulle sue storpiature intellettuali sul tema.


92 minuti di applausi.

In campo medico e scientifico il pensiero è unico perchè parlano i fatti.
TheDarkAngel24 Novembre 2016, 12:14 #10
Alcuni utenti di questo forum, grazie a questa estensione, navigherebbero in una landa di pagine bloccate

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^