Facebook, vita breve per populismo e campagne d'odio: pronti all'uso gli strumenti anti-bufala

Facebook, vita breve per populismo e campagne d'odio: pronti all'uso gli strumenti anti-bufala

Annunciati a fine 2016, gli strumenti anti-bufala di Facebook verranno attivati per la prima volta nelle prossime settimane. Ma il roll-out non comincerà dagli USA

di Nino Grasso pubblicata il , alle 11:14 nel canale Web
Facebook
 

Facebook inizierà ad utilizzare il proprio filtro "anti-bufale" a partire dalla versione tedesca del social network. Stando a quanto riportato dal Financial Times i legislatori dello stato europeo hanno espresso preoccupazioni crescenti a riguardo della diffusione di notizie infondate e dell'eventuale influenza russa all'interno delle elezioni nazionali che si terranno nei prossimi mesi. Lo strumento anti-bufala servirà per controllare e contrassegnare le notizie come false, con la distribuzione della funzionalità prevista per le prossime settimane.

I tool erano stati annunciati lo scorso mese negli Stati Uniti insieme a nuove partnership con organizzazioni indipendenti per il controllo della veridicità dei contenuti. Ma il roll-out della funzionalità avverrà prima altrove dal momento che i politici tedeschi sembrano terrorizzati dai potenziali effetti che potrebbero avere le bufale all'interno delle elezioni federali: in Germania si vuole evitare insomma che il populismo o gli estremisti prendano il sopravvento sfruttando i facili allarmismi suscitati dalle news falsificate su una precisa categoria di utenti.

Si vuole evitare, quindi, quello che è successo nelle elezioni presidenziali americane dove pare che Trump sia stato aiutato dalla diffusione di notizie false, e che queste siano state scritte ad-hoc per favorire la sua elezione. Preoccupati dal fenomeno, gli organi giudiziari tedeschi stanno considerando l'imposizione di pesanti multe nei confronti delle società che diffondono notizie false, e la stessa Angela Merkel ha avvisato del pericolo dell'interferenza della Russia nelle elezioni attraverso la propaganda o più subdoli e invisibili attacchi cybercriminali.

Il governo ha inoltre aperto un'indagine sulla diffusione delle cosiddette "fake news" dopo la pubblicazione di una storia non vera da parte di Breitbart. All'interno del nuovo sistema di controllo di Facebook le storie che verranno segnalate come false dagli utenti verranno inviate a Correctiv, un'organizzazione no-profit con sede a Berlino. Il contenuto verrà presentato come "contestato", e alla dicitura seguirà una giustificazione e il consiglio di non condividere la pagina. I contenuti contestati avranno inoltre una priorità inferiore nella News Feed del social network.

Alla partnership con Correctiv seguiranno accordi con altre società, ha dichiarato al Financial Times un portavoce di Facebook, con la volontà di espandere la funzionalità anche in altri paesi in tutto il mondo: "Ci stiamo concentrando sulla Germania, ma stiamo al tempo stesso cercando di capire in quali paesi utilizzare il tool prossimamente", sono state le sue parole. La Germania ha comunque spinto Facebook perché gli strumenti venissero utilizzati al più presto, e ha pensato anche a considerare legalmente Facebook come una società di informazione.

In questo modo la compagnia di Zuckerberg diventerebbe responsabile di fronte alla legge per ogni contenuto pubblicato sulla News Feed, sulla base del principio che dovrebbe avere il dovere di frenare la diffusione e la condivisione di notizie che possono rappresentare un "pericolo per la nostra cultura del dibattito". A dirlo è stato il Ministro della Giustizia Heiko Maas: "Non può essere nell'interesse di Facebook che la sua piattaforma venga abusata per diffondere menzogne e campagne di odio. I contenuti criminali dovrebbero essere cancellati immediatamente dopo che sono stati segnalati. E dovrebbe essere più semplice per gli utenti segnalare le notizie false".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dado197916 Gennaio 2017, 11:22 #1
Questa è una grande novità... la tecnologia che combatte l'ignoranza e il populismo più becero.
Scarfatio16 Gennaio 2017, 11:37 #2
Originariamente inviato da: dado1979
Questa è una grande novità... la tecnologia che combatte l'ignoranza e il populismo più becero.


Si come no. Chi decide cosa deve essere combattuto? Tu, io, Papa Francesco o lasciamo fare a Luke Skywalker?
paolodekki16 Gennaio 2017, 11:38 #3
Finalmente!!! Quando arriverà in Italia? La maggior parte delle cose che posta la gente sono bufale... e quando glielo vai a far notare sbraita e piange inutilmente...
Epoc_MDM16 Gennaio 2017, 11:39 #4
Originariamente inviato da: paolodekki
Finalmente!!! Quando arriverà in Italia? La maggior parte delle cose che posta la gente sono bufale... e quando glielo vai a far notare sbraita e piange inutilmente...


Il problema dell'Italia son le notizie vere, non le bufale
Scarfatio16 Gennaio 2017, 11:42 #5
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
Il problema dell'Italia son le notizie vere, non le bufale

Scommettiamo che il 99% degli utenti pensa che le bufale da combattere siano le notizie sui gattini o sui cani abbandonati?
appleroof16 Gennaio 2017, 11:45 #6
Dove siamo arrivati, una cosa insulsa o comunque ludica come facebook può direttamente o meno influenzare i destini della guida delle nazioni, credo cge 15/20 anni fa una cosa del genere sarebbe tranquillamente stata classificata come fantascienza
nickmot16 Gennaio 2017, 11:48 #7
Non lo so, per quanto sia uno strumento necessario non mi piace demandare a terzi e/o strumenti automatizzati certi controlli.

Purrtroppo la vera alternativa sarebbe investire in istruzione, cultura ed informazione, cosa che non da effetti nel breve termine.
Sputafuoco Bill16 Gennaio 2017, 11:50 #8
"Si vuole evitare, quindi, quello che è successo nelle elezioni presidenziali americane dove pare che Trump sia stato aiutato dalla diffusione di notizie false"
E' QUESTA LA BUFALA. Il 99% dei media USA era contro Trump, ed hanno creato notizie false per screditarlo, come le 15 donne mandate in tv a dire che 20-30 anni prima erano state molestate.

Gravissima ingerenza di Facebook nella vita democratica di uno Stato, per controllare l'informazione e pilotare il consenso su una ben precisa parte politica. Ormai non si nascondono più, la libertà su internet verrà limitata e messa sotto controllo dagli stessi che dirigono i media tradizionali.
le_mie_parole16 Gennaio 2017, 11:54 #9
il populismo? o il conblottismo? cma che news è questa?
toh vi metto un video del parlamento krukko, del 1998, che vi spiega cos'è

C'è chi nel parlanento tedesco sapeva benissimo cosa sarebbe accaduto, nel 1998, non ora....analisi che si è rivelata precisa al 100%, e non è un caso, basta conoscere il sistema monetario e la società in cui viviamo. sapevano tutti che sarebbe andata a finire così, gli addetti ai lavori, coloro che ci hanno portato in questa situazione. Non sono profezie, è una analisi dettagliata di ciò che sarebbe avvenuto, puntualmente verificatosi.

https://m.youtube.com/watch?v=MNx_G5jIgZ4
Scarfatio16 Gennaio 2017, 11:55 #10
Originariamente inviato da: appleroof
Dove siamo arrivati, una cosa insulsa o comunque ludica come facebook può direttamente o meno influenzare i destini della guida delle nazioni, credo cge 15/20 anni fa una cosa del genere sarebbe tranquillamente stata classificata come fantascienza


Tutte le invenzioni più grandi al mondo hanno modificato il corso della storia. Possiamo iniziare dalla locomotiva a vapore, il motore a scoppio, il telefono, la radio, la tv, la penicillina, etc... è già tutto scritto nel passato. Solo che lo viviamo nel presente e non ci facciamo caso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^