Facebook, strumenti di prevenzione al suicidio anche su Live

Facebook, strumenti di prevenzione al suicidio anche su Live

Il social network annuncia la disponibilità di nuovi strumenti che consentono di aiutare e fornire supporto coloro i quali dovessero mostrare tendenze suicide durante uno streaming di Facebook Live

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:01 nel canale Web
Facebook
 

Facebook ha annunciato nei giorni scorsi l'introduzione di nuovi strumenti con lo scopo di offrire supporto a quelle persone che dovessero manifestare tramite il social network intenzioni suicide, e per mettere amici e conoscenti nelle condizioni di poter dare aiuto tramite Facebook Live e Messenger. Si tratta di strumenti aggiuntivi a quelli già messi a disposizione di coloro i quali si imbattono in post sospetti e preoccupanti e che vogliono aiutare amici o famigliari.

Poniamo l'esempio che scorrendo la bacheca si rimanga preoccupati e allarmati dai contenuti di uno streaming Facebook Live di un amico. Con i nuovi strumenti messi a disposizione sarà possibile contattare immediatamente la persona e segnalare il contenuto a Facebook, che sarà in grado di offrire una serie di risorse alla persona mentre sta effettuando lo streaming Live. "Alcuni potrebbero suggerire di bloccare immediatamente lo streaming live, ma ciò che abbiamo appreso è che un'azione di questo tipo potrebbe eliminare l'opportunità di aiutare la persona che ha bisogno di supporto" ha commentato Jennifer Guadagno, ricercatrice per Facebook, con Techcrunch.

Facebook ha collaborato con realtà come Crisis Text Line, National Eating Disorder Association e National Sucide Preventon Lifeline per mettere a punto gli strumenti e le modalità di supporto. Tramite queste collaborazioni sarà possibile per coloro i quali si trovano a passare un momento difficile e complicato di collegarsi immediatamente e direttamente con servizi di supporto psicologico tramite Facebook Messenger.

"Quel che abbiamo appreso è che qualsiasi elemento di frizione esterna nel tentativo di raggiungere supporto può vanificare qualunque sforzo. Abbiamo la speranza che questo possa essere un modo in più per connettere al supporto così da ridurre qualsiasi frizione" ha dichiarato Vanessa Callison-Burch, Product Manager per Facebook.

Facebook impiega già anche una serie di strumenti di AI e di riconoscimento dei pattern per identificare eventuali post di individui che manifestano volontà suicide. Quando lo strumento di riconoscimento segnala un post, il team di Facebook lo revisiona per valutare la necessità di offrire risorse di sostegno. Per il momento è ancora prematuro, ma la società ha affermato che questi strumenti potrebbero essere usati in futuro anche per Facebook Live e Messenger.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Surrucagnolo03 Marzo 2017, 18:31 #1
Quanta sensibilità inutile.
mrk-cj9403 Marzo 2017, 22:02 #2
Originariamente inviato da: Surrucagnolo
Quanta sensibilità inutile.


se vabbeh..
se non si interessano sono cinici e menefreghisti,
in caso contrario perdono tempo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^