Facebook semplifica la regolazione della privacy

Facebook semplifica la regolazione della privacy

Zuckeberg presenta tre migliorie per la gestione della privacy all'interno del più popolare social network

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 14:46 nel canale Web
Facebook
 

Dopo aver risposto alle critiche mosse circa i problemi di privacy che hanno afflitto e continuano a colpire Facebook, che abbiamo riportato in questa notizia, il più popolare dei social network presenta un rinnovato sistema di gestione della privacy.

Rispetto alla sua introduzione nel "lontano" 2004, sono molti i cambiamenti che Facebook ha apportato alla propria struttura, non solo grafica. Il problema relativo alla privacy ha sempre rappresentato una delle voci più importanti all'ordine del giorno. Nel corso della giornata di ieri sono state così apportate importanti migliorie al sistema di controllo della privacy.

Sono tre le nuove e importanti implementazioni che sono state apportate al rinnovato sistema di controllo all'interno di Facebook: la prima si presenta come un "master control" attraverso cui l'utente, con un solo e semplice click potrà impostare i parametri di restrizione per l'accesso ai contenuti aggiunti. I parametri sono sempre i soliti tre e rispettivamente: everyone (tutti), friend of friends (amici degli amici) o solamente friends (amici). Master control è ovviamente retroattivo e applica i nuovo parametri restrittivi a tutti i contenuti aggiunti anche in precedenza.

Come secondo elemento è stata ridotta la quantità di informazioni visibili necessarie per utilizzare facebook. La terza miglioria riguarda invece l'accesso alle informazioni personali da parte di applicazioni sviluppate per Facebook: anche in questo caso attraverso un semplice menu dedicato sarà possibile scegliere quali informazioni condividere oppure negare completamente l'accesso a tali dati da parte delle applicazioni.

Come per ogni nuova implementazione, anche questa sarà aggiornata e disponibile in modo graduale. È interessante notare come le funzionalità presentate da Zuckeberg puntino alla massima semplificazione di ogni tipo di operazione: essere una piattaforma utilizzata da oltre 400 milioni di utenti comporta determinate e forzate linee di sviluppo. A questo indirizzo è disponibile il post sul blog ufficiale e un breve video in lingua inglese che spiega nel dettaglio le migliorie apportate.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
sopress27 Maggio 2010, 15:02 #1
facebook diventa a prova di tonno!
Human_Sorrow27 Maggio 2010, 15:12 #2
Si tutto molto bello, ma agli utenti (scusate, alla maggioranza degli utenti) non glie ne frega niente della propria privacy e non ci perderanno neanche 1 min a leggere o cercare di capire come funziona tale gestione.

Poi quando gli succede qualcosa di spiacevole (tipo il marito che becca l'amante ) allora si che se la prendono con Facebook e alzano i polveroni.

Ovviamente IMHO
2012comin27 Maggio 2010, 15:12 #3
Niente è a prova di tonno: c'è chi non riesce a centrare la tazza del cesso

post ironico eh :P
Alexx198627 Maggio 2010, 15:20 #4
Mah, la maggior parte delle persone ha millemila amici, poi si lamentano della privacy e che vengono letti i cavoli loro. Anche perchè chi fa danno di solito è nella lista amici, conoscente o mezzo sconosciuto che sia..
fraussantin27 Maggio 2010, 15:29 #5
imho i problemi di privaci riguardano solo i falsi account.(che non esiste un controllo , io potrei creare un account di berlusconi , mettermi maroni come amico e infamarlo ...)

per gli account veri non è un problema , basterebbe la gente non ci scrivesse tutte le volte che va in bagno o si sfogasse li con i sui amici per i problemi intestinali...... se venisse usata per quello che è nata (parlare con amici), non ci sarebbero problemi.
canislupus27 Maggio 2010, 15:30 #6
Io vedo che ci sono persone che hanno tra i 100 e i 1000 amici su facebook. Io ne avrò forse una 20 perchè chiaramente non vado ad elemosinare l'amicizia di chi non vedo da decenni. Secondo me spesso le persone accettano le amicizie come una sorta di gara nei confronti degli altri. Quasi a volersi dare un'aria di importanza e poi tutta questa critica alla privacy e poi la maggior parte degli utenti FB scrivono le peggio cavolate sulla propria vita. Raccontano un po' di tutto da cosa serie a cose completamente idiote. Insomma forse ogni tanto bisognerebbe anche usare il cervello quando si fanno le cose oltre a lamentarsi.
+Benito+27 Maggio 2010, 15:43 #7
il problema della privacy su facebook credo sia uno specchietto per le allodole. Io credo che il problema reale sia che la smettano di rompermi i coglioni 5 volte al giorno per propormi qualcosa sul telefono di casa o che le varie *onlus* la piantino di mandarmi i depliant dei dipinti fatti dai sordomuti per chiedermi dei soldi. Queste sono le cose di cui chi di dovere dovrebbe occuparsi, vietando tutto sempre e comunque, mica facebook che tanta manna che c'è, non so quanti soldi di cellulare mi ha fatto risparmiare.
Tuvok-LuR-27 Maggio 2010, 16:02 #8
che palle
Spyto27 Maggio 2010, 16:42 #9
Quando leggo Privacy nella stessa frase dove ce scritto Facebook, mi viene da pensare ad un panino con la nutella e il tonno insieme
LkNuke27 Maggio 2010, 17:02 #10
Originariamente inviato da: Spyto
Quando leggo Privacy nella stessa frase dove ce scritto Facebook, mi viene da pensare ad un panino con la nutella e il tonno insieme


eheheh copione
http://www.hwupgrade.it/news/softwa...uore_32696.html

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^