Facebook nei guai in Europa: traccia tutti, anche gli utenti che non usano il servizio

Facebook nei guai in Europa: traccia tutti, anche gli utenti che non usano il servizio

Il gigante di Zuckerberg risponde ad alcune accuse lanciate da un report indipendente provieniente della Commissione Belga per la Privacy: si è trattato di un bug software

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Web
Facebook
 

Secondo un report indipendente proveniente della Commissione Belga per la Privacy, il servizio social di Zuckerberg continua a monitorare le abitudini degli utenti anche quando questi decidono spontaneamente di lasciare il servizio e cancellare il proprio account. Si tratta naturalmente di una violazione della privacy dello stesso utente, ma ancora più gravemente della violazione della legge europea che richiede il consenso esplicito per il salvataggio dei cosiddetti tracking cookies.

Nel caso in cui si abbandona il servizio, decade anche il consenso precedentemente concesso e la continuazione del monitoraggio va a colpire delle normative presenti in Europa. Le politiche di tracking selvaggio da parte di Facebook sono state sotto il vaglio della Commissione Belga per parecchio tempo ormai. Una versione meno aggiornata dello stesso rapporto concludeva che, nonostante l'aggiornamento delle policy della privacy avvenuto in gennaio, Facebook continuava a violare le regole per la protezione dei consumatori europee.

Il rapporto aggiornato scava ancora più in profondità, e include test più estesi verificando come il funzionamento dei plug-in social utilizzati dal sito, come ad esempio il semplice tasto Mi piace, siano strumenti per seguire l'utente nel web e individuarne le abitudini. Fin qui niente di nuovo, tuttavia i plug-in social di Facebook continuerebbero a monitorare le abitudini degli utenti anche quando questi hanno abbandonato il servizio o, addirittura, riescono a monitorare anche quegli utenti che non usano il social network.

Un'eventuale denuncia formale nei confronti del gigante di Zuckerberg potrebbe portare a seri cambiamenti sul servizio sul piano strutturale, ed è proprio per questo che Facebook è scesa in campo per rispondere ufficialmente con un post completo in cui risponde accusa per accusa. Si tratta per lo più di dialettica e di sviare la questione reale in molti casi: il colosso di Zuckerberg nega parecchie delle accuse fatte dall'associazione belga, fra cui l'impossibilità di sgattaiolare dal monitoraggio dei cosiddetti "social ads".

Sulla questione dei plug-in social che continuano a monitorare gli utenti anche dopo aver cancellato l'account o anche quando non è stato effettuato l'accesso al servizio, Facebook si difende dicendo che si è trattato di un bug software che ha colpito solo un numero ristretto di utenti. Un fix è in dirittura d'arrivo, si legge sul report, tuttavia il problema sembrerebbe molto più esteso secondo la documentazione rilasciata dalla Commissione Belga.

"Il solo tasto Mi piace, il più celebre plug-in social di Facebook, è presente su più di 13 milioni di siti delle categorie più disparate, partendo da quelle legate al mondo della salute, arrivando a quelle governative", ha infatto specificato l'associazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Goofy Goober13 Aprile 2015, 08:07 #1
Con plugin come share-me-not ci si salva anche da quei fastidiosi pulsanti di condivisione.

A me piuttosto preoccupa il progressivo abbandono di programmi, in ambito mobile, che possano essere configurati a piacere dell'utente proprio grazie a plugin. Per dire, un browser come Firefox Mobile è la salvezza grazie ai suoi plugin, ma già il fatto che tanti programmi integrino una parte browser per navigare a me ha sempre fatto storcere il naso (per esempio perchè facebook deve avere un accesso web per aprire i link che potrebbero esser aperti in un browser?).
omerook13 Aprile 2015, 08:57 #2
multa ue in arrivo? ...
^Alex^13 Aprile 2015, 09:40 #3
Le multe a queste società fanno il solletico.
Come per noi, pagare 25€ per un divieto di sosta...
alexdal13 Aprile 2015, 10:12 #4
Non e' il fatto del solletico: ma la UE cerca tutti i modi per prendere soldi dalle grandi aziende USA, lo ha fatto con Microsoft, lo sta facendo con Google e Amazon, e lo sta preparando per FB.

Sinceramente quale privacy va a violare un programma che elabora miliardi di dati per indirizzare pubblicità
(lo fa anche questo sito con banner relativi alle ultime ricerche da me fatte)

20 anni fa in rete non si metteva niente oltre che ad un nickname, adesso la gente mette tutti i fatti suoi in piazza.

E la gente che si autoviola.
Ork13 Aprile 2015, 10:44 #5
Originariamente inviato da: alexdal
E la gente che si autoviola.


quoto, la vera rivoluzione di fb è far mettere all'utente nome e faccia
sbudellaman13 Aprile 2015, 11:03 #6
" i plug-in social di Facebook continuerebbero a monitorare le abitudini degli utenti anche quando questi hanno abbandonato il servizio o, addirittura, riescono a monitorare anche quegli utenti che non usano il social network."

Scusate la mia ignoranza, ma questo che significa, potete farmi un esempio? Cioè, se io chiudo fb e poi cerco su google un prodotto per pulire il bagno, fb potrebbe tracciare questa operazione e accorgersene?
kamon13 Aprile 2015, 11:53 #7
Originariamente inviato da: alexdal
Non e' il fatto del solletico: ma la UE cerca tutti i modi per prendere soldi dalle grandi aziende USA, lo ha fatto con Microsoft, lo sta facendo con Google e Amazon, e lo sta preparando per FB.


La UE multa i colossi Americani perchè detengono quasi il monopolio di computer, servizi internet quali social network, browser web e grossi negozi online...Tali servizi per loro natura si fanno costantemente i cazzi altrui e applicano politiche di concorrenza scorretta, se fossero servizi Europei sarebbe esattamente lo stesso.
benderchetioffender13 Aprile 2015, 12:01 #8
Originariamente inviato da: kamon
La UE multa i colossi Americani perchè detengono quasi il monopolio di computer, servizi internet quali social network, browser web e grossi negozi online...Tali servizi per loro natura si fanno costantemente i cazzi altrui e applicano politiche di concorrenza scorretta, se fossero servizi Europei sarebbe esattamente lo stesso.


no, è PROPRIO perchè in europa vigono queste regole che i pesci qui non sono mai nati o diventati così grossi o son stati acquisiti dai pesci grossi prima di diventarlo

cioè, smettiamola di pigliarci per i fondelli: esistono social network russi e cinesi e FB non ha certo un decimo della penetrazione che hanno quei network nei rispettivi paesi
Perchè non esiste un Facebook europeo? perchè qui l'EU a suon di (anche giuste_a volte) regole, non ha permesso lo svilupparsi di un sottobosco fertile per l'informatica


Originariamente inviato da: sbudellaman
Scusate la mia ignoranza, ma questo che significa, potete farmi un esempio? Cioè, se io chiudo fb e poi cerco su google un prodotto per pulire il bagno, fb potrebbe tracciare questa operazione e accorgersene?


la risposta piu facile è SI.... bisogna anche dire che basterebbe cancellare tutti i cookies alla disconnessione del browser+adblock+disconnect per eliminare una buona fetta di tracciatori dalle ()() -ma non tutti ovvio- anche perchè usi sicuramente uno smartphone...
Madcrix13 Aprile 2015, 13:34 #9
Originariamente inviato da: benderchetioffender
no, è PROPRIO perchè in europa vigono queste regole che i pesci qui non sono mai nati o diventati così grossi o son stati acquisiti dai pesci grossi prima di diventarlo


a parte che di colossi europei ce ne sono, e parecchi (europei, non italiani ovviamente), davvero si sente la necessita di altri social network? Non ce ne sono gia troppi ovunque?

Originariamente inviato da: benderchetioffender
cioè, smettiamola di pigliarci per i fondelli: esistono social network russi e cinesi e FB non ha certo un decimo della penetrazione che hanno quei network nei rispettivi paesi
Perchè non esiste un Facebook europeo? perchè qui l'EU a suon di (anche giuste_a volte) regole, non ha permesso lo svilupparsi di un sottobosco fertile per l'informatica


di nuovo, confondi l'Europa con l'Italia
Pier220413 Aprile 2015, 13:44 #10
Originariamente inviato da: Madcrix

a parte che di colossi europei ce ne sono, e parecchi (europei, non italiani ovviamente), davvero si sente la necessita di altri social network? Non ce ne sono gia troppi

di nuovo, confondi l'Europa con l'Italia


Esistono in Europa social network con un livello di diffusione simile a facebook?
Sono rimasto indietro..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^