Facebook, critica il Comune e le arrivano i vigili urbani a casa. Donna costretta a scuse al sindaco

Facebook, critica il Comune e le arrivano i vigili urbani a casa. Donna costretta a scuse al sindaco

Una signora di Peschiera Borromeo, nel Comune di Milano, aveva espresso la sua opinione di disapprovazione di alcuni lavori stradali su Facebook nella pagina del Comune. I vigili urbani sono arrivati a casa sua e chiedendo le scuse al sindaco. Sui social è scattata la bufera.

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Web
Facebook
 

"Abbiamo un'amministrazione ridicola" questo è il messaggio che una signora su Facebook, nella pagina del Comune di Peschiera Borromeo, ha postato dopo aver scoperto dei lavori di rifacimento delle strisce pedonali in tutta la città che l'amministrazione stava realizzando. Il messaggio postato era indirizzato al fatto che a Peschiera Borromeo, secondo i cittadini, le strade sono in cattivo stato e che in qualche modo forse sarebbe stato meglio optare per il rifacimento di queste piuttosto che realizzare la segnaletica orizzontale. Il post su Facebook della signora però non sembra essere andato a genio all'Amministrazione del Comune che ha inviato i Vigili Urbani a casa della signora.

Facebook: attenti a quello che si scrive

L'aggettivo "ridicolo" è un'opinione (in parte legittima e personale) che non risulta poi così offensivo, anche se non particolarmente gradito, se espresso come critica. Di fatto però il giorno dopo la pubblicazione su Facebook del post, la signora, si è vista bussare alla porta di casa dai Vigili Urbani i quali le hanno chiesto di telefonare al Comandante per alcune comunicazioni. Il Comandante, al telefono, ha spiegato alla signora che la Sindaca di Peschiera Borromeo si era risentita del commento e che sarebbe stato meglio se la signora avesse inviato una lettera di scuse. Cosa che proprio la signora per correttezza ha inviato anche se di fatto non aveva sentore di aver detto una cosa così offensiva.

Una situazione che ha subito scatenato il dibattito sui social nonché tra i cittadini di Peschiera Borromeo, che ricordiamo possiede circa 23 mila abitanti e risulta posizionato a ridosso dell'aeroporto di Linate. In molti difendono la signora che ha solo espresso il proprio parere e soprattutto lo ha fatto senza voler offendere l'Amministrazione e soprattutto il Sindaco. Altri parlano di "Stato di polizia" accusando i poteri del Comune che vengono utilizzati per zittire i cittadini sui dissensi. Ancora una volta però sono i social a creare dibattito e dunque uno strumento di comunicazione digitale.

Il Comandate ha parlato di un'azione normale: "Il sindaco non sapeva nulla. Noi agiamo d'ufficio e prima di far partire una denuncia chiediamo agli utenti di fare marcia indietro". In questo caso dunque ci si chiede se un commento non offensivo come quello della signora possa aver smosso addirittura le autorità. I leoni da tastiera sono sempre in agguato ma sembra che in questo caso di leoni ce ne siano stati davvero pochi e la signora in questione forse ha scritto il commento solo per far capire all'Amministrazione che non tutto quello che si sta facendo è concorde con i cittadini che "vivono" effettivamente il paese. Di fatto attenzione quando commentate su Facebook e non solo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

78 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia24 Luglio 2019, 15:44 #1
si dice "essere responsabili delle proprie azioni" mi pare giusto..
o si crede che offendere via internet sia meno grave che farlo dal vivo ?
coschizza24 Luglio 2019, 15:48 #2
Originariamente inviato da: Notturnia
si dice "essere responsabili delle proprie azioni" mi pare giusto..
o si crede che offendere via internet sia meno grave che farlo dal vivo ?


discorso vero ma la signora non ha offeso nessuno anzi è lei stata offesa da una visita illegale dei vigili a casa sua con una richiesta da terzo mondo di una lettera di scuse di fato estorta con le minacce. Se aveva torto doveva essere denunciata non minacciata come è stato.
Se veramnte "bisogna essere responsabili delle proprie azioni" andrebbero sanzionati i vigili
futu|2e24 Luglio 2019, 15:52 #3
Di fatto però il giorno dopo la pubblicazione su Facebook del post, la signora, si è vista bussare alla porta di casa dai Vigili Urbani i quali le hanno chiesto di telefonare al Comandante per alcune comunicazioni.


Questa è intimidazione da parte dello stato.

Il Comandante, al telefono, ha spiegato alla signora che la Sindaca di Peschiera Borromeo si era risentita del commento e che sarebbe stato meglio se la signora avesse inviato una lettera di scuse.


Una lettera di scuse? Per una volta che un social da voce al popolo nel modo
corretto. Le strade d'Italia sono un colabrodo.. la giustificazione ricorrente?

"Non abbiamo soldi"

Intanto però compaiono dal nulla dossi, veloOk, piste cliclabili di 20 metri,
dissuasori con faccine tristi, e cazzate varie.
futu|2e24 Luglio 2019, 15:53 #4
Originariamente inviato da: Notturnia
si dice "essere responsabili delle proprie azioni" mi pare giusto..
o si crede che offendere via internet sia meno grave che farlo dal vivo ?


Off-topic, non ci sono offese.
ninja75024 Luglio 2019, 15:59 #5
io e altre due persone abbiamo commentato su FB [U]NON[/U] nel gruppo/pagina del comune (non so nemmeno se esista) il NON operato della giunta su una certa questione territoriale: ho trovato nella buca delle lettere una convocazione a parlarne di persona con loro personale tecnico e altri interessati

comune di 8000 anime

peccato poi sia partito il rimbalzo di responsabilità tra comune e tecnici del gestore servizi idrici
popye24 Luglio 2019, 16:02 #6
immediata denuncia per abuso di potere ed intimidazione verso chi ha ordinato ed eseguito tale abuso.
se la signora ha offeso qualcuno questi doveva denunciarla,non inviarle la GESTAPO a casa a scopo repressivo.
ramses7724 Luglio 2019, 16:05 #7
Evidentemente non aveva tutti i torti... La reazione è stata veramente ridicola.
Cfranco24 Luglio 2019, 16:05 #8
Originariamente inviato da: futu|2e
Off-topic, non ci sono offese.


Dare del "ridicolo" a qualcuno è un' offesa, specialmente se riferito a cariche pubbliche e fatto in pubblico ( com' è farlo su Internet ).

Non è un' offesa grave, ma lo è.
ramses7724 Luglio 2019, 16:07 #9
Ah... A scanso di equivoci mi scuso per quanto scritto sopra eh!
coschizza24 Luglio 2019, 16:08 #10
Originariamente inviato da: Cfranco
Dare del "ridicolo" a qualcuno è un' offesa, specialmente se riferito a cariche pubbliche e fatto in pubblico ( com' è farlo su Internet ).

Non è un' offesa grave, ma lo è.


no non lo è il termine in italiano non è un offesa ma un oppinione
Anche termini come buffone non vengono sanzionati per esempio
Ricordo che Vittorio Sgarbi dice Capre perche non è un termine sanzionabile ma lui è un "genio" proprio per questo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^