Facebook attiva Safety Check per Parigi e non per Beirut: in Libano vittime di serie B?

Facebook attiva Safety Check per Parigi e non per Beirut: in Libano vittime di serie B?

Facebook ha attivato Safety Check dopo gli attentati di Parigi, ma non lo ha fatto per quello di Beirut avvenuto poche ore prima. Sono vittime di serie B quelle libanesi? Lo stesso Zuckerberg è sceso in campo per spiegarci la situazione

di pubblicata il , alle 15:58 nel canale Web
Facebook
 

In seguito al ripugnante attacco di Parigi dello scorso venerdì Facebook ha attivato lo strumento "Safety Check" per aiutare i sopravvissuti ad informare amici e parenti sulla propria incolumità. In pochi giorni lo strumento ha assistito più di 4,1 milioni di persone. Il tool è stato considerato cruciale e ha fatto capire a molti come la tecnologia possa essere d'aiuto in emergenze estreme come quelle che hanno colpito la capitale francese lo scorso fine settimana.

Altri, tuttavia, hanno puntato il dito contro la stessa Facebook che avrebbe apparentemente considerato meno importanti le vittime dell'attentato suicida a Beirut, in Libano, avvenuto il giorno prima. A scendere in campo sull'argomento è stato, fra i tanti, Elie Fares, un dottore libanese che ha sottolineato la differenza di empatia che il mondo ha avuto per le vittime delle due catastrofi avvenute a distanza di poche ore l'una dall'altra. Il dottore scrive:

"Quando la mia gente moriva, nessun paese si è preso la briga di illuminare i suoi monumenti con i colori della nostra bandiera. Neanche Facebook si è preoccupata che le persone del mio popolo fossero salve, per quanto banale possa essere. Quindi, ecco il nostro safety check di Facebook: siamo ancora vivi, al momento, dopo tutti gli attacchi terroristici avvenuti a Beirut".

Ad un'accusa che non riteniamo poi così banale, Zuckerberg ha risposto in maniera piuttosto pronta:

"Molte persone ci hanno giustamente chiesto perché abbiamo attivato il Safety Check per Parigi ma non per l'attacco a Beirut ed altri luoghi. Fino a ieri, Safety Check era stato pensato per rispondere ai disastri naturali. Abbiamo appena cambiato le politiche della funzione, e ora attiveremo Safety Check per tutte le catastrofi che avverranno a seguire".

Safety Check è stato attivato solo cinque volte dal lancio ad ottobre 2014, ed in effetti solo per calamità naturali prima dell'attentato di Parigi del 13 novembre. Quello di Facebook potrebbe essere stato uno svarione, e saremmo ipocriti nel dire che la stampa ha dedicato lo stesso spazio fra gli attentati di Beirut e Parigi, tuttavia Safety Check rimane una risorsa estremamente importante in casi come quelli degli ultimi giorni e, grazie anche ai tanti utenti che hanno sottolineato le differenze di comportamento, lo diventerà, purtroppo, per moltissimi altri utenti sparsi nel mondo.

"Avete ragione a sottolineare che nel mondo ci sono molti altri conflitti importanti", ha poi continuato Zuckerberg. "Ci importano tutti i popoli in egual misura, e lavoreremo sodo per aiutare più persone possibili fra quelle che soffrono in situazioni simili". Per questo motivo lo strumento diventerà ancora più specifico rispetto al modo in cui è implementato adesso.

Ha parlato dei possibili futuri cambiamenti Alex Schultz, VP of user acquisition and retention di Facebook: "Durante una crisi in corso, come una guerra o un'epidemia, Safety Check non è molto utile nella sua forma attuale: questo perché non c'è un punto iniziale e un punto finale chiaro e, purtroppo, è impossibile sapere quando un utente è davvero sicuro". Al momento Safety Check deve essere attivato infatti dalla società, ma questo cambierà in un prossimo futuro.

"L'attivazione cambierà le nostre politiche su Safety Check e quando lo attiveremo per altri tragici avvenimenti nel futuro", ha dichiarato Schultz. "Vogliamo che il nuovo tool sia disponibile in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo possa essere davvero utile".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
matrix201516 Novembre 2015, 16:15 #1
E' più redditizia la strage di parigi, ormai Facebook è il + grande database umano del pianeta conosce tutto di voi e se non lo dite ci pensaranno i vostri "Amici" a farlo mettendovi in mostra a vostra insaputa.
Quando le telecomunicazioni sono sotto controllo di Multinazionali la libertà termina automaticamente.
ripe16 Novembre 2015, 16:29 #2
Originariamente inviato da: matrix2015
E' più redditizia la strage di parigi, ormai Facebook è il + grande database umano del pianeta conosce tutto di voi e se non lo dite ci pensaranno i vostri "Amici" a farlo mettendovi in mostra a vostra insaputa.
Quando le telecomunicazioni sono sotto controllo di Multinazionali la libertà termina automaticamente.


Attinenza con l'articolo?
pepstain16 Novembre 2015, 16:46 #3
Come non dare ragione a dottor Fares. Purtroppo non è stato solo facebook a fare differenze, la maggior parte degli europeri neanche ha saputo cosa fosse accaduto in Libano, i media quasi non ne hanno dato notizia, così come i vari google e compagnia "bella".
Mi vergogno come italiano e come europeo. Europeo... ha ancora senso definirsi tali, in fin dei conti la CEE ha cambiato nome, ma nei fatti resta ancora un'unione commerciale, niente di più.
Avatar016 Novembre 2015, 18:08 #4
Che poi i francesi stanno sul caxxo un po' a tutti in giro per il mondo.
Però fanno parte della cerchia di mondo che conta, quindi è sempre meglio offrirlo a loro il servizio rispetto che ad un libanese qualsiasi no ??
O forse non ci sono abbastanza occidentali in libano ... e quindi non serve.
pingalep16 Novembre 2015, 22:39 #5
beh l'empatia sale perchè molti hanno conoscenti e amici che sono a parigini, o ci passano, e molti ci sono stati personalmente. è nella natura umana empatizzare in questo modo.
la risposta di facebook mi sembra adeguata, naturalmente si spera non ci sia modo di utilizzarlo ancora per catstrofi non naturali.

il mio piano per distruggere l'isis è inondarli con miliardi di cellulari con internet flat e giochi pagati. se paralizza gli adolescenti qui può farlo anche là.

peace and candy crush
blobb16 Novembre 2015, 23:11 #6
Originariamente inviato da: pingalep
beh l'empatia sale perchè molti hanno conoscenti e amici che sono a parigini, o ci passano, e molti ci sono stati personalmente. è nella natura umana empatizzare in questo modo.
la risposta di facebook mi sembra adeguata, naturalmente si spera non ci sia modo di utilizzarlo ancora per catstrofi non naturali.

il mio piano per distruggere l'isis è inondarli con miliardi di cellulari con internet flat e giochi pagati. se paralizza gli adolescenti qui può farlo anche là.

peace and candy crush


aaa ho capito a beirut sono tutti scorbutici.. non hanno amici...
globi16 Novembre 2015, 23:43 #7
Infatti ho già visto anche pochi giorni fa pagine Facebook di terroristi con tanto di bandiera dell`ISIS in primo piano e foto del proprietario dell`account in tenuta da terrorista con il bel Kalashnikov appresso e mi sono chiesto perché Facebook non le cancella come invece succede qui in Europa, e poi che differenza farebbe Libano o Parigi visto che Facebook é internazionale?








OttoVon17 Novembre 2015, 01:15 #8
Perché la gente è ipocrita ed egoista.
Goofy Goober17 Novembre 2015, 09:09 #9
per il terremoto in Nepal lo avevano attivato, sbaglio?
elpado687217 Novembre 2015, 10:15 #10
Sono l'unico che non considera poi così scandaloso che faccia più notizia Parigi che Beirut? Insomma Beirut è più vicina ai luoghi del conflitto e credo sia più normale purtroppo che avvengano attacchi. Parigi invece dovrebbe essere più sicura e SS succede qualcosa a Parigi direi che è più eccezionale che a Beirut.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^