Facebook all'attacco dei cloni

Facebook all'attacco dei cloni

I legali dell popolare sito di social networking Facebook all'attaccocontro alcuni cloni nati un po' ovunque. Ora nel mirino il sito tedesco StudiVZ da 10 milioni di utenti.

di pubblicata il , alle 09:33 nel canale Web
DellFacebook
 

Facebook non ci sta e decide di passare alle vie legali contro i cloni che stanno un po' ovunque imitando lo stile e l'impostazione del popolare social network. A farne le spese, in questi giorni, sarà quello che è il social network più importante di Germania, StudiVZ. Un Paese in cui Facebook stenta a decollare, proprio per la diffusione di siti concorrenti. Le accuse di Facebook, a ben vedere, non sono campate in aria, in quanto viene rimproverato al sito concorrente di essere una copia uno a uno di Facebook, colore dominante a parte.

Dando un'occhiata veloce al sito tedesco infatti, www.StudiVZ.de, si scopre che è effettivamente un clone perfetto di Facebook, anche nei minimi particolari come il carattere di scrittura, l'impostazione e tutto ma proprio tutto il set di opzioni. Si tratta quindi del più eclatante caso di copia di quelli in circolazione, sebbene lo staff di Facebook abbia indicato almeno altri otto siti simili un po' ovunque nel mondo, ad iniziare dal cinese www.Xiaonei.com, che verranno citati in giudizio molto presto.

Maggiori informazioni reperibili su Dailytech, che segnala come Facebook, in caso di vittoria, avrà la strada libera per la creazione di siti localizzati nei Paesi più importanti del mondo. Se sulle prime l'azione legale può sembrare un atto di forza, non si può negare che i siti "cloni" abbiano effettivamente esagerato nel copiare spudoratamente tutto ciò che si poteva, senza metterci praticamente nulla di proprio nei rispettivi progetti. Un errore che potrebbe costare caro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
maxim1717121 Luglio 2008, 10:08 #1
"come il carattere di scrittura"

mha!!!!
7uX21 Luglio 2008, 10:09 #2
Si dai bruciali quelli siti cinesi di m****. Fate schifo, copiate tutto e voi volete diventare il grande paese? si si, continuate a copiare e vendere prodotti di qualità di m**** a basso prezzo. Dai, su forza.
trydent21 Luglio 2008, 10:22 #3
Ocho che anche i tedeschi copiavano, anzi il loro è il caso più eclatante.
Meno male che noi abbiamo Badoooo, mah... e Lucignolo bella vita in diretta stasera!
demon7721 Luglio 2008, 10:24 #4

7UX

Ue.. svegliato male sta mattina??
poaret21 Luglio 2008, 10:30 #5
Ha ragione..adesso ci hanno copiato anche le targhe alterne..si ma solo fino a settembre ..ma che soffocassero tutti sti copioni
Voodoo_dMk21 Luglio 2008, 10:50 #6
Quando qualcosa funziona e si hanno poche idee, si copia spudoratamente ( succede anche a scuola ). E poi vi lamentate della presenza di tutti questi brevetti, anche sui particolari. Qua si lamentano anche della copia esatta del carattere usato...

roska218421 Luglio 2008, 11:07 #7
Be ricordo solamente che la Germania è l'unico paese in cui Gmail è GoogleMail. Questo perchè era già presente un servizio chiamato GMail il cui proprietario ha vinto il contenzioso con BigG costringendo Google a cambiare il nome del servizio di posta...

Credo di sapere già come andrà a finire...anche se il caso Google-Gmail era fondato unicamente sull'omonimia dei due servizi mentre qui si parla di un sito replica...
tommy78121 Luglio 2008, 11:31 #8
uno sceglie un servizio se esso funziona e non in base ai colori o alla grafica, se in germania facebook non decolla è perchè i tedeschi (a ragion veduta) non sono polli e scelgono qualcosa che fa la stessa cosa ma la fa meglio. o sperano che eliminando il concorrente la gente migri da loro???
p4ever21 Luglio 2008, 11:57 #9
Originariamente inviato da: trydent
Ocho che anche i tedeschi copiavano, anzi il loro è il caso più eclatante.


Beh a sto punto se andiamo ancora più indietro nel tempo scopriamo che gli americani hanno copiato (ops...rubato) tutto dai tedeschi dopo la guerra...
A partire dall'elmetto attualmente indossato dai marines per finire con il dentifricio al fluoro!
ok...non centra nulla...sono un pò OT
goldorak21 Luglio 2008, 12:06 #10
Originariamente inviato da: p4ever
Beh a sto punto se andiamo ancora più indietro nel tempo scopriamo che gli americani hanno copiato (ops...rubato) tutto dai tedeschi dopo la guerra...
A partire dall'elmetto attualmente indossato dai marines per finire con il dentifricio al fluoro!
ok...non centra nulla...sono un pò OT


Non solo gli americani, anche i sovietici, gli inglesi ed i francesi.
Ma andiamo ancora un po' piu' lontano, nel ottocento/novecento gli americani erano famosi per "copyright infringment" come si direbbe oggi usando una terminologia politicamente corretta perche' pubblicavano senza autorizzazione e senza pagamento di royalties le opera di moltissimi scrittori europei.
La stessa industria cinematografica si insedio' a Hollywood per sfuggire ai brevetti che avrebbero dovuto pagare a Edison. L'industria cinematografica americana e' nata sulla pirateria, cosi come Edison a sua volta rubo' parecchi parecchi film a Melies.
Altri tempi, ma dara' adosso alla Cina perche pirata e copia spudoratamente e' non voler riconoscere che la pirateria fa parte dell'evoluzione delle nazioni man mano che si avviano verso l'industrializzazione e la modernita'.
Vedrete quando la Cina sara' una superpotenza economico/militare come si premurra' di proteggere i suoi di brevetti nel mondo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^