chiudi X
Age of Empires Definitive Edition in DIRETTA

Segui la diretta sui nostri canali YouTube - Twitch - Facebook

Diritto d'autore e Opere Digitali: in vigore da oggi il nuovo regolamento AGCOM

Diritto d'autore e Opere Digitali: in vigore da oggi il nuovo regolamento AGCOM

Dal 31 marzo 2014 in vigore il regolamento AGCOM sulla violazione del diritto d'autore per le opere digitali: sul sito www.ddaonline.it i moduli per segnalare le violazioni

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:21 nel canale Web
 

Tramite un comunicato stampa ufficiale, l'AGCOM - Autorità per la garanzia nelle comunicazioni - ha annunciato che oggi, 31 marzo 2014, entra in vigore il nuovo regolamento che tutela le opere digitali coperte da diritto d'autore, già approvato lo scorso mese di dicembre, e che abbiamo avuto modo di illustrare a suo tempo in questa notizia, a cui rimandiamo i lettori per tutti gli approfondimenti del caso.

Il nuovo regolamento, ricordiamo, contiene una descrizione più approfondita di "opera digitale", ma uno dei punti fondamentali del nuovo regolamento, nonché quello più controverso, è il trasferimento del potere decisionale di "vita e morte" dall'autorità giudiziaria all'AGCOM stessa, che di fatto è un ente amministrativo.

Con l'entrata in vigore del nuovo regolamento viene contestualmente attivato un nuovo sito web, www.ddaonline.it, dal quale è possibile accedere ai due moduli di segnalazione di violazione di diritto d'autore per l'ambito web e per l'ambito radiotelevisivo.

Ricordiamo inoltre che il nuovo regolamento approvato a dicembre dall'AGCOM si rivolge espressamente agli episodi di violazione massiva, lasciando fuori quindi l'utente finale e il download di opere digitali tramite canali peer-to-peer.

A tal proposito nella sezione FAQ sul sito www.ddaonline.it, si trova una posizione molto chiara:

3. Gli utenti finali possono essere destinatari di ordini dell’Autorità ?

No. Il regolamento non contempla ordini rivolti agli utenti finali, né in quanto fruitori di opere digitali, sia attraverso il downloading che tramite streaming, né in quanto uploader. Il regolamento, inoltre, esclude esplicitamente dal suo ambito di intervento il cd. peer-to-peer, ovvero le applicazioni e i programmi per elaboratore attraverso i quali si realizzi la condivisione diretta di opere digitali attraverso reti di comunicazione elettronica

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gylgalad31 Marzo 2014, 17:39 #1
ennesimo regolamente che verrà fulminato dal TAR del Lazio

una porcheria bella e buona ed un regalo alla censura
(IH)Patriota01 Aprile 2014, 08:24 #2
Cosa centra la censura ?

Questo è un sistema per diffidare e chiedere la rimozione dai siti internet di materiale protetto da diritto d'autore utilizzato senza autorizzazione, va mossa da parte del proprietario di tali diritti e non è mirata ad avere risarcimenti (che eventualmente vanno richiesti con un' azione giudiziaria).

In parle povere puoi diffidare un sito se usa immagini/musica/video di tua proprietà senza avere autorizzazione e niente di più.
Gylgalad01 Aprile 2014, 09:01 #3
se ad esempio in un sito scomodo viene caricato apposta un file protetto dal diritto d'autore si rischia che l'intero sito sia reso irrangiungibile..
(IH)Patriota01 Aprile 2014, 09:17 #4
Ho ricevuto ieri notifica e spiegazioni dalla TAU Visual (associazione nazionale fotografi professionisti)

Prima di arrivare all' oscuramento del sito ne deve passare di acqua sotto i ponti:

In breve si fa la segnalazione con il modulo sul sito e viene assegnato un numero di protocollo, la segnalazione deve essere convalidata e quindi con pec devi dimostrare di essere il legittimo proprietario.

Esaminate le "prove" l' AGCOM interviene con segnalazione e diffida presso il provider che hosta il materiale protetto il quale deve chiedere la rimozione al gestore dello spazio web.

Se nonostante la diffida il materiale protetto resta online parte procedura amministrativa per la rimozione "coatta"

La cosa è piuttosto laboriosa, la stessa associazione consiglia di avviare una pratica solo per violazioni che possano essere professionalmente rilevanti (usano un tuo scatto per l' homepage del times ?) e sarà da stabilire quanto e sopratutto in quanto tempo sarà necessario per avere "effetti" il tutto rapportato alla velocità del web per cui con ogni probabilità la tua immagine sarà già stata tolta perché obsoleta prima che l' agcom potrà realmente "spegnere" le pagine o il sito che hanno violato il diritto d'autore.

Quella di spegnere un sito scomodo è fantapolitica, anche perché se il sito "scomodo" non viola materiale protetto l' agcom non può' certo chiuderlo per scomodità.
lidel01 Aprile 2014, 09:54 #5
"Quella di spegnere un sito scomodo è fantapolitica, anche perché se il sito "scomodo" non viola materiale protetto l' agcom non può' certo chiuderlo per scomodità...."

la norma ammazza blog che han ancora intenzione di fare contro il m5s non ti dice niente? così, giusto per ricordatelo (così scredita la tua frase al 100%) o fai finta di niente?
Gylgalad01 Aprile 2014, 10:43 #6
Originariamente inviato da: (IH)Patriota
Prima di arrivare all' oscuramento del sito ne deve passare di acqua sotto i ponti:

Quella di spegnere un sito scomodo è fantapolitica, anche perché se il sito "scomodo" non viola materiale protetto l' agcom non può' certo chiuderlo per scomodità.


sono contento che la procedura sia laboriosa e per nulla scontata
ok l'esempio di un sito scomodo è un po' estrema, ma che diresti di tutti quei siti che contengono migliaia di file? tipo i torrent angine? cosa dovrebbero fare?

Originariamente inviato da: lidel
la norma ammazza blog che han ancora intenzione di fare contro il m5s non ti dice niente? così, giusto per ricordatelo (così scredita la tua frase al 100%) o fai finta di niente?


queste sono sparate, a mio avviso. una legge del genere non troverà mai la maggioranza
san80d01 Aprile 2014, 11:18 #7
ennesima porcata all'italiana
(IH)Patriota01 Aprile 2014, 16:07 #8
Originariamente inviato da: lidel
"Quella di spegnere un sito scomodo è fantapolitica, anche perché se il sito "scomodo" non viola materiale protetto l' agcom non può' certo chiuderlo per scomodità...."

la norma ammazza blog che han ancora intenzione di fare contro il m5s non ti dice niente? così, giusto per ricordatelo (così scredita la tua frase al 100%) o fai finta di niente?


La norma ammazzablog prevederebbe (visto che non è legge è meglio parlare al condizionale) una multa salata in caso non si pubblichi una rettifica, qui si tratta solo di chiedere la cancellazione del materiale che è stato utilizzato senza averne diritto e nel caso non venga attuata la cancellazione volontaria si passa alla cancellazione "coatta" il tutto senza multe o risarcimenti.

Se un blog non vuole avere rogne basta che abbia licenza d'uso delle immagini/musica/filmati che vuole far riprodurre sul proprio sito come fanno tutti, non che l' avere un blog ti dispensa dal rispettare regole e proprietà.

Originariamente inviato da: Gylgalad
sono contento che la procedura sia laboriosa e per nulla scontata
ok l'esempio di un sito scomodo è un po' estrema, ma che diresti di tutti quei siti che contengono migliaia di file? tipo i torrent angine? cosa dovrebbero fare?


Mi pare sia escluso l' utente finale ed i vari canali classici di sharing (p2p & co), questo regolamento serve per impedire al sito del giornale XX piuttosto che dell' azienda YY di usare immagini/video/musica senza autorizzazione, o perlomeno di bloccare la diffusione del materiale online.

Per fare esempi pratici: vai in vacanza e fai un cortometraggio di una località e poi te lo ritrovi paro paro sul sito dell' Alpitour (per dirne una a caso), piuttosto che fai still life per portfolio della grappa XX e poi ti ritrovi le immagini in una campagna... il tutto senza la tua autorizzazione (e senza compenso ovviamente).

Prima l' unica via era andare dal giudice con tempi biblici, adesso perlomeno puoi impedirne l' utilizzo in tempi più brevi (per una causa ci vogliono anni se non puoi chiedere cifre ragguardevoli ti conveniva lasciar stare).

E' ovvio che questo regolamento sia nato principalmente per i professionisti che non una volta si sono visti soffiare materiale online (spesso video/immagini di portfolio), solitamente all' utente "comune" trovare le proprio foto sul sito della Repubblica (successo) senza consenso non è che sia poi una gran tragedia (anzi qualcuno ne era anche contento).
kthulu8101 Aprile 2014, 17:38 #9
il processo (inteso come sequenza di azioni) non è corretto. in uno stato di diritto, se c'è qlcs che non va non deve bastare la semplice alzata di ditino "scusi, signora Autorità Garante di Sto C...., c'è tizio che mi ha rubato ed usa la mia foto/il mio video/il mio libro/il mio videogame. provveda, per piacere". L'Autorità indaga (indaga? verifica? emette giudizio?) e provvede a ristabilire la legge, ovverosia restituisce al malcapitato il suo diritto a fruire della cosa usata a sua insaputa (vero, Scajò?).

in tutto ciò s'è perso un passaggio fondamentale: l'uso della giustizia. dalla rivoluzione francese i poteri dello stato sono divisi tra esecutivo (governo), legislativo (camere/senati/assemblee) e giudiziario. L'Autorità Garante del Tonno in Scatola non è un organo giudiziario ma di controllo di codici di condotta. Che c'azzecca un provvedimento del genere emesso d chi non dovrebbe essere titolato a farlo?
diomorgan01 Aprile 2014, 23:25 #10
Umamma, ma allora la pirateria e i diritti d'autore sono tutta una cosa politica!
Visto che in più di uno sembrano sapere la verità (andiamo a scomodare anche la rivoluzione francese, spero non studiata tramite Lady Oscar), vi chiedo umilmente, tanto per poterne fare salotto anche io con i miei amici venerdì sera:
quale corrente politica è schierata a favore o contro della violazione dei diritti d'autore?
Ai miei tempi in RAI si usava google images, si scriveva la fonte della foto (piccino picciò e se c'era...) ed avevano tutti la coscienza pulita, ed ero in redazione con 3 dipendenti di "sinistra" e 3 di "destra" e tutti usavano lo stesso metodo.
Non vorrei apparire da "sprovveduto", fino ad oggi "fregare" a destra e a manca era come mangiare a sbafo: metteva d'accordo tutti :-)
Sto invecchiando...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^