Criptovalute: negli USA 4 utenti su 10 hanno perso la password

Criptovalute: negli USA 4 utenti su 10 hanno perso la password

Un sondaggio rivela le sventure di investitori e speculatori statunitensi con le criptovalute. Ma, nonostante tutto, la propensione è quella di continuare ad operare

di pubblicata il , alle 16:31 nel canale Web
Bitcoin
 
40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7704 Agosto 2021, 20:08 #11
Originariamente inviato da: R@nda
E lo chiedi qui?
Magari qualcuno di buona volontà e abbastanza competente lo trovi pure...se ne ha ancora voglia.
Vai su Bitcointalk per cominciare a capirci qualcosa.
Qui è come chiedere a un 80enne come si usa un PC.


Non sono tifoso delle crypto, anzi il contrario..
Ma voglio capire di più sui meccanismi perché un amico si è cimentato in un micro investimento e anche lui ci capisce quanto me.
demon7704 Agosto 2021, 20:11 #12
Originariamente inviato da: Zappz
No, i bitcoin dell'exchange sono sempre sulla bloackchain, ma ne hanno loro il controllo, anche di quelli che teoricamente ti devono.

Tu ti puoi fare un tuo wallet tramite uno dei tanti software disponibili ed una volta comprato sull'exchange li prelevi trasferendoli sul tuo wallet. Non ho esperienze di wallet online su un qualche sito, preferisco i wallet software.


Ho sbirciato un po' e non ho trovato gran che (o capito gran che) su wallet software.
Ho trovato i paper wallet e wallet hardware su apposite chiavette USB.

Dimmene qualcuno che provo ad approfondire.
tallines04 Agosto 2021, 20:50 #13
Originariamente inviato da: demon77
Non sono tifoso delle crypto, anzi il contrario..
Ma voglio capire di più sui meccanismi perché un amico si è cimentato in un micro investimento e anche lui ci capisce quanto me.

Non lo farò mai .
TorettoMilano04 Agosto 2021, 21:07 #14
Originariamente inviato da: demon77
Ho sbirciato un po' e non ho trovato gran che (o capito gran che) su wallet software.
Ho trovato i paper wallet e wallet hardware su apposite chiavette USB.

Dimmene qualcuno che provo ad approfondire.


https://www.ilmondodelbitcoin.com/s...bitcoin-sicuro/

ne vedo elencati un pó
Sandro kensan04 Agosto 2021, 22:28 #15
Originariamente inviato da: demon77
Non sono tifoso delle crypto, anzi il contrario..
Ma voglio capire di più sui meccanismi perché un amico si è cimentato in un micro investimento e anche lui ci capisce quanto me.


Ti invito ad andate su bitcointalk.

Comunque dovresti partire dalle basi.

Un wallet non è altro che un software che contiene la chiave privata, dalla chiave privata puoi ottenere la chiave pubblica che altro non è che l'indirizzo bitcoin del tipo 1xxxx o i nuovi indirizzi bitcoin del tipo bcxxxx che sono equivalenti.

Il wallet ha una password che serve a decifrare la chiave privata in modo tale da avere una qualche sicurezza che se ti rubano il pc o lo smartphone non sia facile ottenere la chiave privata.

Con la Private key puoi firmare una transazione e cioè puoi rendere valida uno spostamento di bitcoin dall'indirizzo pubblico bcxxxx tuo (quindi associato alla private key) a un altro indirizzo pubblico bcyyyyyy. Questa transazione la pubblichi e la fornisci ai minatori i quali si occupano di prendere le transazioni nel mem pool (che è una memoria di transito) e di costituire un blocco di transazioni che viene firmato dal miner in modo tale che questo blocco sia collegato con il blocco precedente (blockchain).

Questa operazione di firma del miner è una risoluzione di un problema crittografico difficile da risolvere (ci vuole una mostruosa potenza di hash) e facile da verificare. Il primo miner che risolve il problema crittografico propone il blocco con le transazioni contenute e ha diritto ad avere i fee che ogni transazione deve portare con se oltre a un reward fisso che cambia solo di tanto in tanto (attualmente mi pare sia di 0.25 btc o 0.125 btc).

Dopo 6 blocchi minati la tua transazione è considerata sicura.

Sopra questa infrastruttura ci sono gli hardware wallet che usano sequenze di chiavi private collegate tra di loro e per costituire il seed usano un set di parole inglesi di un vocabolario finito. Questo set di parole è la tua chiave privata. Analogamente per i nuovi wallet.

Gli exchange nascondono tutto quelòlo che ho detto dietro la loro gestione per cui implementano un wallet come pare a loro, con la loro fantasia e poi hanno (se li vogliono avere) dei wallet bitcoin per operare nella blockchain. Gli exchange possono fare quel che vogliono e tutto quello che ti fanno vedere non è in generale connesso alla blockchain. Sta alla fiducia del "cliente" attribuire uan tale operazione a qualche cosa di reale o meno.

Nel caso dell'exchange solo quando si istruisce l'exchange a trasferire tot bitcoin sull'indirizzo bitcoin bckkkk proprio e questo avviene allora si è sicuri che è stata fatta una operazione sulla blockchain, prima di questo passaggio si va in fiducia.

ecc, ecc.
demon7705 Agosto 2021, 00:48 #16
Originariamente inviato da: TorettoMilano


Ti ringrazio.
La descrizione terra terra sulla pagina è stata d'aiuto.

Essendo l'idea di base non certo quella di fare magheggi sugli exchange ma piuttosto quella di: "compro oggi x euro di crypto e poi tra cinque anni guardo se sono divnetati dieci volte tanto" direi che forse la scelta più sensata è il paper wallet (che può pure essere un PDF criptato e salvato su pc) da mettere via rispetto agli altri wallet giusto?

EDIT:
mi spaieghi meglio questa frase?
[I]"Un paper wallet non è nient’altro che un foglio di carta sul quale sono stampati l’indirizzo e le chiavi private del tuo portafogli. Per crearne uno basta collegarsi a https://www.bitaddress.org, generarlo e stamparlo su un normale foglio di carta, e infine custodirlo gelosamente. Ovviamente un paper wallet può essere usato solamente per ricevere e conservare bitcoin. Nel caso tu voglia fare anche delle operazioni in uscita è necessario utilizzare un software wallet, come BLOCKCHAIN.INFO, dove devi inserire la tua chiave privata e cosi puoi recuperare i tuoi fondi ed effettuare tutte le operazioni. Anche i paper wallet, come quelli hardware, hanno un ottimo livello di sicurezza."[/I]

cioè.. faccio un papaer wallet (chiave pubblica e privata)
ci verso su una somma di BTC. e OK..
ma se voglio posso prederli da lì e riversarli di nuovo su un exchange no? Che vuol dire che per le operazioni in uscita mi serve un software wallet?
Intende se voglio fare un pagamento la volo tramite cripto?

ALTRA DOMANDA:
vedo sempre parlare di wallet per BTC.
Ma se una ha Cardano ad esempio?
esistono paper wallet specifici per cardano?
demon7705 Agosto 2021, 00:52 #17
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Ti invito ad andate su bitcointalk.

Comunque dovresti partire dalle basi.


Lo farò, almeno per avere un quadro più chiaro.. ma non essendo tifoso delle crypto mi ci perdo dentro giusto quel minimo per capire come gira la cosa.

Originariamente inviato da: Sandro kensan
Un wallet non è altro che un software che contiene la chiave privata, dalla chiave privata puoi ottenere la chiave pubblica che altro non è che l'indirizzo bitcoin del tipo 1xxxx o i nuovi indirizzi bitcoin del tipo bcxxxx che sono equivalenti.

Il wallet ha una password che serve a decifrare la chiave privata in modo tale da avere una qualche sicurezza che se ti rubano il pc o lo smartphone non sia facile ottenere la chiave privata.

Con la Private key puoi firmare una transazione e cioè puoi rendere valida uno spostamento di bitcoin dall'indirizzo pubblico bcxxxx tuo (quindi associato alla private key) a un altro indirizzo pubblico bcyyyyyy.


e fin qui ci sono.

Originariamente inviato da: Sandro kensan
Questa transazione la pubblichi e la fornisci ai minatori i quali si occupano di prendere le transazioni nel mem pool (che è una memoria di transito) e di costituire un blocco di transazioni che viene firmato dal miner in modo tale che questo blocco sia collegato con il blocco precedente (blockchain).

Questa operazione di firma del miner è una risoluzione di un problema crittografico difficile da risolvere (ci vuole una mostruosa potenza di hash) e facile da verificare. Il primo miner che risolve il problema crittografico propone il blocco con le transazioni contenute e ha diritto ad avere i fee che ogni transazione deve portare con se oltre a un reward fisso che cambia solo di tanto in tanto (attualmente mi pare sia di 0.25 btc o 0.125 btc).

Dopo 6 blocchi minati la tua transazione è considerata sicura.

Sopra questa infrastruttura ci sono gli hardware wallet che usano sequenze di chiavi private collegate tra di loro e per costituire il seed usano un set di parole inglesi di un vocabolario finito. Questo set di parole è la tua chiave privata. Analogamente per i nuovi wallet.

Gli exchange nascondono tutto quelòlo che ho detto dietro la loro gestione per cui implementano un wallet come pare a loro, con la loro fantasia e poi hanno (se li vogliono avere) dei wallet bitcoin per operare nella blockchain. Gli exchange possono fare quel che vogliono e tutto quello che ti fanno vedere non è in generale connesso alla blockchain. Sta alla fiducia del "cliente" attribuire uan tale operazione a qualche cosa di reale o meno.

Nel caso dell'exchange solo quando si istruisce l'exchange a trasferire tot bitcoin sull'indirizzo bitcoin bckkkk proprio e questo avviene allora si è sicuri che è stata fatta una operazione sulla blockchain, prima di questo passaggio si va in fiducia.

ecc, ecc.


qui onestamente non ci ho capito un gran che..
ma non essendo mio ineresse nè il mining ne tutto quelo che ci gira attorno forse non è neanche necessario capirlo per quel che si vuole fare.. penso (?)
Sandro kensan05 Agosto 2021, 01:10 #18
Originariamente inviato da: demon77
qui onestamente non ci ho capito un gran che..
ma non essendo mio ineresse nè il mining ne tutto quelo che ci gira attorno forse non è neanche necessario capirlo per quel che si vuole fare.. penso (?)


Se non ti interessa la parte del mining tieni conto che la tua transazione dopo 6 conferme viene considerata come definitiva in quanto le probabilità che ci sia un "disconoscimento" sono vicine allo zero.

Tieni conto che insieme alla transazione ci sarà da pagare un fee che è proporzionale alla grandezza della transazione e a quante transazioni ci sono nella mem pool, in pratica dalla "concorrenza". Se il fee è troppo basso allora i blocchi che devi aspettare prima che sia inclusa la tua transazione diventano più di uno. Se offri troppo poco allora la transazione può non venire mai effettuata (inclusa in un blocco della blockchain) e finisce in un limbo (quella della mem pool) che ad un certo punto finisce viene ripulita della tua transazione e quindi viene annullata. I bitcoin non vengono mai persi.

Quello che l'articolo non dice è che se perdi la tua chiave privata hai perso i tuoi soldi, se perdi la password dell'exchange non hai perso nulla e ti basta chiedere una nuova password all'exchange.

Poi fare delle prove con questo:

https://www.bitaddress.org/bitaddre...8cef4aa194.html

btc address:
1EuAknU2LZAtF2sBMRUQQaZN4f4ZgBWVrh
Private Key
L4SpU8SDNvL8eej8Tbe8GufFd961ikdd116hkuY5pAdhjb6nkyur

dovresti trovare anche quello che da gli indirizzi del tipo bcxxx

ovviamente non metterci soldi, tutto quello che non è assolutamente sicuro non va usato.
demon7705 Agosto 2021, 01:24 #19
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Tieni conto che insieme alla transazione ci sarà da pagare un fee che è proporzionale alla grandezza della transazione e a quante transazioni ci sono nella mem pool, in pratica dalla "concorrenza". Se il fee è troppo basso allora i blocchi che devi aspettare prima che sia inclusa la tua transazione diventano più di uno. Se offri troppo poco allora la transazione può non venire mai effettuata (inclusa in un blocco della blockchain) e finisce in un limbo (quella della mem pool) che ad un certo punto finisce viene ripulita della tua transazione e quindi viene annullata. I bitcoin non vengono mai persi.



non ho capito.. quindi te lo chiedo terra terra: se uno va su un exchange, compra per dire cento euro di BTC o di ETH, poi li preleva dall'exchange e li riversa su un paper wallet da lui creato (di cui possiede chiave pubblica e privata), a parte eventuale commisione, ma quei btc finiscono su quel wallet O NO? Perchè sto discorso dei blocchi e della mem pool non l'ho capito proprio anche perchè mi mancano le basi..

Originariamente inviato da: Sandro kensan
Quello che l'articolo non dice è che se perdi la tua chiave privata hai perso i tuoi soldi, se perdi la password dell'exchange non hai perso nulla e ti basta chiedere una nuova password all'exchange.


Certo questo è palese.
Ma se uno compra una crypto per poi metterla via per anni non mi pare sensato lasciarla su un exchange che in eoria può pure sparire..
Sandro kensan05 Agosto 2021, 01:35 #20
Originariamente inviato da: demon77

non ho capito.. quindi te lo chiedo terra terra: se uno va su un exchange, compra per dire cento euro di BTC o di ETH, poi li preleva dall'exchange e li riversa su un paper wallet da lui creato (di cui possiede chiave pubblica e privata), a parte eventuale commisione, ma quei btc finiscono su quel wallet O NO? Perchè sto discorso dei blocchi e della mem pool non l'ho capito proprio anche perchè mi mancano le basi..


Quando possiedi la chiave privata (e la possiedi solo tu, cioè non è condivisa con nessuno) hai tutto (indirizzo bitcoin, proprietà dei bitcoin, possibilità di spenderli, ecc.

Quando l'exchange fa una trasazione vera (cioè sulla blockchain) paga un fee che è incluso nella transazione stessa (tale fee va al miner). I soldi netti vanno sul tuo wallet (indirizzo btc) e te ne accorgi sia perché te lo indica il wallet sia perché lo puoi vedere tramite siti che trattano della blockchain come blockchain.info inserendo il tuo btc address.

Quindi in sintesi tu fornisci all'exchange un indirizzo tuo (di cui hai la chiave privata), ad esempio 1EuAknU2LZAtF2sBMRUQQaZN4f4ZgBWVrh e questo exchange fa la transazione scritta nel blocco attuale della blockchain che i soldi sono stati trasferiti dall'indirizzo 1xxx (che appartiene si presume all'exchange) al tuo indirizzo 1EuAknU2LZAtF2sBMRUQQaZN4f4ZgBWVrh.

Se tu hai la chiave privata di 1EuAknU2LZAtF2sBMRUQQaZN4f4ZgBWVrh allora quando vorrai potrai scrivere nella blockchain la tua transazione dall'indirizzo 1EuAknU2LZAtF2sBMRUQQaZN4f4ZgBWVrh all'indirizzo 1yyy di Amazon per comprati una bici elettrica.

In sintesi SI.


Originariamente inviato da: demon77
Certo questo è palese.
Ma se uno compra una crypto per poi metterla via per anni non mi pare sensato lasciarla su un exchange che in eoria può pure sparire..


Esatto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^