Coronavirus: a 17 anni ha rifiutato 8 milioni di dollari per il suo sito. ''Non volevo approfittarne''

Coronavirus: a 17 anni ha rifiutato 8 milioni di dollari per il suo sito. ''Non volevo approfittarne''

A 17 anni ha creato da zero un sito web sul COVID-19 che ad oggi è tra i più visitati al mondo con 30 milioni di visualizzazioni al giorno. Tante le offerte per l'acquisto del sito tra cui anche quella da 8 milioni di dollari che il giovane ha però rifiutato. Ecco la vicenda.

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Web
 

Si chiama Avi Schiffmann ed ha solo 17 anni ma è anche il creatore del sito più visitato al mondo ai tempi del Coronavirus. Oltre 30 milioni di utenti si collegano al ''nCoV2019.live'' ogni giorno e il portale in pochissimi giorni ha raggiunto la bocca di tutti. Un portale creato ad hoc dal giovane sviluppatore in questi tempi di Coronavirus e di emergenza sanitaria visto che andando sul portale è possibile avere traccia dei numeri legati ai casi della malattia. In poco tempo è diventato uno dei siti più visualizzati al mondo tanto da aver creato un importante ''hype'' di acquisto da parte di moltissime aziende del settore con offerte che hanno raggiunto la bellezza di 8 milioni di dollari per l'acquisto della piattaforma da lui creata.

L'offerta da 8 milioni di dollari rifiutata: ''Non volevo approfittarne''

Avi Schiffmann ha solo 17 anni ma anche una grande passione per il coding e per lo sviluppo del digitale. Lo ha imparato guardando tutorial su YouTube ma di fatto è riuscito in poco tempo a mettere su un sito di tracciamento del COVID-19 che ad oggi lavora con oltre 30 milioni di visualizzazioni al giorno. Un lavorone quello di Avi che lavora a questo progetto da quando è iniziata la Pandemia e che ha al momento non si ferma anche se la speranza del giovane è quella di bloccare tutto grazie alla fine della trasmissione del COVID-19. nCoV2019.live viene aggiornato continuamente con le statistiche ufficiali di gran parte dei paesi del mondo sul numero di infezioni, decessi, ricoveri e curve di contagio. Il dietro le quinte è un lavoro importante che spesso non conosce orari. Nel sito, oltre alla mappa e alle statistiche, Avi ha aggiunto anche una funzione che, grazie a parametri come età e sesso, fornisce le percentuale statistica di sopravvivenza all'infezione.


Clicca per ingrandire

Dal momento della messa online sono passati sul sito di Avi addirittura 700 milioni di utenti unici. Un vero successo che forse nemmeno il giovane sviluppatore avrebbe mai pensato di raggiungere quando ha deciso di svilupparlo. Eppure il successo è arrivato. Un successo così importante e tale da creargli delle offerte di acquisto da parte di aziende importanti che hanno valutato il tutto addirittura con un valore di oltre 8 milioni di dollari.

Microsoft non solo ha pensato di acquistare la piattaforma ma ha offerto al giovane Avi addirittura un lavoro in azienda a cui però lo stesso diciassettenne ha detto di no. No anche a milionarie offerte pubblicitarie che gli sono arrivate. Avi ha dichiarato di non essere uno speculatore "non voglio approfittarne. In realtà ho altri piani per il mio futuro". Gli bastano i pochi soldi che riesce a raccogliere con le donazioni che ha attivato sul sito ma soprattutto sembra essere più importante la soddisfazione di aver creato una piattaforma seguita da oltre 30 milioni di utenti al giorno.


Clicca per ingrandire

"Spero che in futuro strumenti come questo vengano creati direttamente dall'Organizzazione mondiale della Sanità. La responsabilità di creare questi 'tool' non dovrebbe essere nelle mani di un ragazzino a caso, ma delle persone che si occupano per lavoro di statistica" queste le parole di un diciassettenne che sembra avere più anni di quelli che effettivamente dimostra. "L'ultima cosa che voglio fare è scrivere ancora codice dopo una giornata passata a scrivere codice. Ora conosco molti investitori, se avviassi un'azienda domani almeno leggerebbero il mio business plan".

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lo ZiO NightFall20 Maggio 2020, 12:24 #1
Si certo, e la marmotta incartava la cioccolata.
JoJo20 Maggio 2020, 12:32 #2
Probabilmente gli basta quel "Buy Me a Coffee".
Styb20 Maggio 2020, 12:45 #3
Guadagna di più con i caffé giornalieri. 3 dollari a caffé.
WarDuck20 Maggio 2020, 12:49 #4
Avrebbe potuto prendere gli 8 milioni di dollari e fare beneficienza
piv3z20 Maggio 2020, 12:49 #5
Non mi sembra un genio :F
djmatrix61920 Maggio 2020, 13:02 #6
Originariamente inviato da: WarDuck
Avrebbe potuto prendere gli 8 milioni di dollari e fare beneficienza


Ne guadagna molti di piú giornalmente...
Lo ZiO NightFall20 Maggio 2020, 13:03 #7
A 3$ per caffè, per fare 8 milioni di dollari dovrebbe aver avuto ad oggi 24.691 donazioni giornaliere (il sito ha 108 giorni di vita).

Curioso poi che a registrare il dominio sia una società: Mojave LCC, la quale riporta ricavi per 46.000$.
daniele86Z20 Maggio 2020, 13:45 #8
Ma questo è perso

Io li avrei spesi in f**a
CYRANO20 Maggio 2020, 14:08 #9
Reazione composta del padre alla notizia...


Link ad immagine (click per visualizzarla)




Clmslmsòlmsòmsòmòlms
[?]20 Maggio 2020, 14:23 #10
E' minorenne, non può prendere questi decisioni... l'articolo non sta in piedi.
Come non sta in piedi il "non volevo approffitarne".. i soldi sarebbero arrivati da società milionarie, non da gente senza una lira.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^