Come fermare la piaga dei ransomware? Vietando le criptovalute! Ecco chi lo sostiene

Come fermare la piaga dei ransomware? Vietando le criptovalute! Ecco chi lo sostiene

La popolarità delle criptovalute e la crescita degli attacchi ransomware non sono fenomeni slegati. Secondo un professore della Duke University la soluzione è semplice: vietare l'uso delle criptovalute

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Web
BitcoinEthereum
 

E' sempre in corso il dibattito, tra i vari esperti di economia e finanza, sui vantaggi e sulle controindicazioni dell'uso delle criptovalute. L'ultimo parere degno di nota è quello di Lee Reiners, direttore esecutivo del Global Financial Market Center della Duke University, il quale è convinto che le criptovalute dovrebbero essere messe al bando.

Reiners infatti osserva come la popolarità delle criptovalute e la crescita del fenomeno ransomware non siano una coincidenza: egli sostiene che le criptovalute sono il motivo principale per cui gli attacchi ransomware sono aumentati in maniera massiccia nel passato recente. In un'intervista alla CNBC Reiners è stato piuttosto lapidario: "L'esistenza di Bitcoin e il resto delle criptovalute non è vantaggio per nessuno, tranne che per criminali e speculatori".

A Reiners è stato chiesto quale sia la percentuale dei pagamenti di riscatto che viene corrisposta agli hacker che usano le criptovalute. Pur non fornendo una stima indicativa, egli ha risposto che il numero è aumentato nel corso degli anni e che il totale di quanto pagato fino ad ora potrebbe essere nell'ordine di grandezza dei miliardi di dollari, comprendendo sia i casi segnalati, sia quelli non segnalati. La tesi sostenuta da Reiners è che gli autori di attacchi diventano più spregiudicati perché possono evitare di essere scoperti (o rendere molto più difficile la loro identificazione) quando si basano sulle criptovalute per ottenere i loro bottini.

Secondo Reiners la proposta, avanzata da altri osservatori dell'argomento, di emanare una legge che vieti alle aziende vittime di un attacco ransomware di pagare il riscatto non è efficace. "La natura dei pagamenti in criptovaluta può rendere difficile sapere chi abbia o meno pagato il riscatto. Una legge del genere non sarà efficace anche se il 10% delle aziende paga ancora il riscatto".

La soluzione è molto più netta: vietare tout-court i mezzi utilizzati dai criminali per riscuotere il loro riscatto e cioè bandire completamente le criptovalute.

39 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TorettoMilano01 Giugno 2021, 11:22 #1
non capiscono gli stolti dell'articolo, i riscatti pagati tramite cryptovalute sono la rivoluzione!
Pino9001 Giugno 2021, 11:29 #2
Mah, più che vietare le criptovalute bisognerebbe ripensare un po' all'approccio alla sicurezza. Qua ci sono intere aziende che vengono bucate come scolapasta per una mail di phishing, forse il problema non è nemmeno chi ha cliccato su quella mail ma il fatto che un link sia in grado di mandare in pappa una intera infrastruttura di rete.
Vietare le criptovalute è come vietare i taglierini per evitare le rapine in farmacia...

Originariamente inviato da: TorettoMilano
non capiscono gli stolti dell'articolo, i riscatti pagati tramite cryptovalute sono la rivoluzione!


Guarda te lo dico con il cuore: mamma mia che scatole che hai fatto! Sei un disco rotto, tutto il giorno tutti i giorni a ripetere la stessa cosa. Per altro con sei fazioso, visto che ti si è detto e ridetto che è sicuramente uno dei problemi da risolvere.
Zappz01 Giugno 2021, 11:34 #3
Originariamente inviato da: Pino90
Mah, più che vietare le criptovalute bisognerebbe ripensare un po' all'approccio alla sicurezza. Qua ci sono intere aziende che vengono bucate come scolapasta per una mail di phishing, forse il problema non è nemmeno chi ha cliccato su quella mail ma il fatto che un link sia in grado di mandare in pappa una intera infrastruttura di rete.
Vietare le criptovalute è come vietare i taglierini per evitare le rapine in farmacia...



E' questa la follia, aziende importanti con capitali enormi che a livello di sicurezza sono indecenti.

Purtroppo sulla sicurezza informatica non ci hanno mai investito e ora ne pagano le conseguenze. Ovviamente questi ransomware fanno più notizia, ma sarei curioso di sapere quanti trojan nascosti ci sono a livello di spionaggio industriale...
ferste01 Giugno 2021, 11:44 #4
Originariamente inviato da: Pino90
Guarda te lo dico con il cuore: mamma mia che scatole che hai fatto! Sei un disco rotto, tutto il giorno tutti i giorni a ripetere la stessa cosa. Per altro con sei fazioso, visto che ti si è detto e ridetto che è sicuramente uno dei problemi da risolvere.


Altrettanto col cuore: fosse l'unico, il problema è che in base alla fazione di crypto a cui si appartiene si giudicano gli altri come idioti\ignoranti\babbazzi\ecc.

Ad esempio tu evidentemente appartieni al clan dei pro-crypto.

Un appartenente al clan nemico giudicherà te o, qualche tuo collega nello steso modo.

Quindi evitiamo moralismi o accuse di faziosità, sono fuori luogo...o "in luogo" per tutti.
R@nda01 Giugno 2021, 11:46 #5
Pff ahahah
Yuhuuu
TorettoMilano01 Giugno 2021, 11:48 #6
Originariamente inviato da: Pino90
Guarda te lo dico con il cuore: mamma mia che scatole che hai fatto! Sei un disco rotto, tutto il giorno tutti i giorni a ripetere la stessa cosa. Per altro con sei fazioso, visto che ti si è detto e ridetto che è sicuramente uno dei problemi da risolvere.


ma tranquillo, si risolverà. nel frattempo i grafici impennano ma è un problema secondario ovviamente

https://cert-agid.gov.it/news/netwa...nd-in-crescita/

conta più la fantastica teoria che i freddi risultati del resto

la rivoluzione!
Pino9001 Giugno 2021, 11:50 #7
Originariamente inviato da: ferste
Altrettanto col cuore: fosse l'unico, il problema è che in base alla fazione di crypto a cui si appartiene si giudicano gli altri come idioti\ignoranti\babbazzi\ecc.

Ad esempio tu evidentemente appartieni al clan dei pro-crypto.

Un appartenente al clan nemico giudicherà te o, qualche tuo collega nello steso modo.

Quindi evitiamo moralismi o accuse di faziosità, sono fuori luogo...o "in luogo" per tutti.


A me sembra idiota ragionare per clan, amici e nemici, tu pensa! Di una idiozia clamorosa, in quanto rende impossibile ragionare e analizzare i problemi, perchè appunto si trasforma la discussione in una lagna continua di "pro" zeloti e "contro" crociati. Livello quinta elementare, insomma.


Ad esempio si potrebbe avere una visione equilibrata della cosa e riconoscere che hanno pregi e difetti. Credo che come ogni cosa abbia pro e contro. Tuttavia non sto qui a dire in ogni thread che le criptovalute salveranno il mondo o che saranno la sua rovina.

E il fatto che tu senta il bisogno di appiccicarmi una etichetta addosso per relazionarti con me la dice lunghissima. Saluti!

Originariamente inviato da: TorettoMilano
ma tranquillo, si risolverà. nel frattempo i grafici impennano ma è un problema secondario ovviamente

https://cert-agid.gov.it/news/netwa...nd-in-crescita/

conta più la fantastica teoria che i freddi risultati del resto

la rivoluzione!


Questo articolo dimostra solo che la sicurezza informatica nelle aziende è stata presa sotto gamba da SEMPRE, e che c'è bisogno di investimenti a riguardo. COn o senza cripto. Ti ricordo che negli anni '90 si cancellavano i dischi "for the lulz". Aperto questo vaso mi piacerebbe tanto sapere quanto è profondo, quanti trojan malware etc. ci sono dentro i pc aziendali e quanti di questi sono usati per spionaggio industriale (vedi il turbogear che è magicamente apparso sugli aerei cinesi da qualche anno).

Come è stato fatto in tutti i settori è ora di iniziare a prendere la sicurezza seriamente. Le criptovalute con il fenomeno per sé non c'entrano una mazza.



Perdonami di nuovo ma ragionare per tifoseria è da bambini. Ogni tanto sarebbe bello affrontare le discussioni in maniera diversa, ma mi rendo conto che con questa mentalità è impossibile.
TorettoMilano01 Giugno 2021, 11:58 #8
Originariamente inviato da: Pino90
Questo articolo dimostra solo che la sicurezza informatica nelle aziende è stata presa sotto gamba da SEMPRE, e che c'è bisogno di investimenti a riguardo. COn o senza cripto. Ti ricordo che negli anni '90 si cancellavano i dischi "for the lulz". Aperto questo vaso mi piacerebbe tanto sapere quanto è profondo, quanti trojan malware etc. ci sono dentro i pc aziendali e quanti di questi sono usati per spionaggio industriale (vedi il turbogear che è magicamente apparso sugli aerei cinesi da qualche anno).

Come è stato fatto in tutti i settori è ora di iniziare a prendere la sicurezza seriamente. Le criptovalute con il fenomeno per sé non c'entrano una mazza.



Perdonami di nuovo ma ragionare per tifoseria è da bambini. Ogni tanto sarebbe bello affrontare le discussioni in maniera diversa, ma mi rendo conto che con questa mentalità è impossibile.


se una scoperta fantastica sulla carta viene inserita in un contesto non compatibile si accantona la scoperta fantastica finchè non diviene compatibile e non invece attendere che il mondo giri attorno alla scoperta fantastica. questo è ragionare
Pino9001 Giugno 2021, 12:04 #9
Originariamente inviato da: TorettoMilano
se una scoperta fantastica sulla carta viene inserita in un contesto non compatibile si accantona la scoperta fantastica finchè non diviene compatibile e non invece attendere che il mondo giri attorno alla scoperta fantastica. questo è ragionare


Se interpreto bene quello che hai scritto, direi che questa è una tua opinione.

Storicamente le scoperte e le innovazioni hanno richiesto forti adattamenti e rivoluzioni. Ad esempio dall'introduzione degli automatismi industriali nei primi anni dell'800 si è passati attraverso migliaia e migliaia di morti fino al controllo di sicurezza funzionale introdotto alla fine degli anni 50 del 1900. 150 anni di "contesto non compatibile". Altro esempio è l'introduzione delle automobili che ha portato a ripensare completamente la pianificazione urbanistica e il ruolo del pedone nelle città - basta guardare com'erano le strade cittadine negli anni '50.

Quella che hai scritto è semplicemente la tua valutazione (reazionaria aggiungerei io), non la verità assoluta. E la conclusione a cui giungi è un poco come quella di William Preece, che sosteneva che il mondo non era adatto al telefono e che i messaggeri sarebbero rimasti. Insomma, mentalità da "horse-is-here-to-stay", come nella celebre frase del presidente della Michigan Bank of Investments che vedeva solo i problemi delle automobili (rifornimenti, strade etc) e non i vantaggi.
TorettoMilano01 Giugno 2021, 12:06 #10
Originariamente inviato da: Pino90
Se interpreto bene quello che hai scritto, direi che questa è una tua opinione.

Storicamente le scoperte e le innovazioni hanno richiesto forti adattamenti e rivoluzioni. Ad esempio dall'introduzione degli automatismi industriali nei primi anni dell'800 si è passati attraverso migliaia e migliaia di morti fino al controllo di sicurezza funzionale introdotto alla fine degli anni 50 del 1900. 150 anni di "contesto non compatibile". Altro esempio è l'introduzione delle automobili che ha portato a ripensare completamente la pianificazione urbanistica e il ruolo del pedone nelle città - basta guardare com'erano le strade cittadine negli anni '50.

Quella che hai scritto è semplicemente la tua valutazione (reazionaria aggiungerei io), non la verità assoluta. E la conclusione a cui giungi è un poco come quella di William Preece, che sosteneva che il mondo non era adatto al telefono e che i messaggeri sarebbero rimasti. Insomma, mentalità da "horse-is-here-to-stay", come nella celebre frase del presidente della Michigan Bank of Investments che vedeva solo i problemi delle automobili (rifornimenti, strade etc) e non i vantaggi.


quante parole. bastava dire che i miner sono ambientalisti e che le crypto incentivano i sistemi di sicurezza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^