Boot to Gecko: il sistema operativo per smartphone secondo Mozilla

Boot to Gecko: il sistema operativo per smartphone secondo Mozilla

Boot to Gecko è il nome del progetto targato Mozilla che prevede la realizzazione di un sistema operativo ottimizzato per il web

di , Fabio Boneschi pubblicata il , alle 12:22 nel canale Web
Mozilla
 

Boot to Gecko è il nuovo e ambizioso progetto di Mozilla preannunciato a grandi linee in queste pagine. Boot to Gecko (B2G) intende essere un progetto opensource con l'obiettivo di creare applicazioni native in grado di funzionare sul web: seguendo la definizione dell'azienda sarà un sistema operativo stand-alone ottimizzato per il web. Il nuovo lavoro di Mozilla parte ovviamente da quanto prodotto negli anni con Firefox e questo sarà proprio il punto di partenza: da qui, saranno via via applicate personalizzazioni e modifiche, al fine di rendere Boot to Gecko una soluzione ottimizzata per i sistemi handheld.

L'obiettivo finale sono infatti proprio i dispositivi mobile, gli smartphone e le soluzioni simili e non è un caso che alla base del sistema operativo B2G ci sia parte del kernel di Android. Per il momento non è previsto un SDK, proprio per il fatto che le applicazioni dovranno funzionare in modo nativo e quindi sfrutteranno API esistenti o di nuova concezione. Per lo sviluppo dell'interfaccia utente ci si appoggerà su Gecko, il motore di rendering di Firefox.

Se Android non è aperto tanto quanto Chrome, è anche vero che il suo successo sul mercato è innegabile: con oltre 500.000 attivazioni al giorno, il sistema operativo mobile di Google cresce di giorno in giorno. L'idea che sta alla base di Boot to Gecko è quella di unire, essenzialmente, i due approcci (quello di Android e di Chrome), creando un sistema operativo che consenta agli sviluppatori ampio margine di lavoro, a 360°.

Per il momento Mozilla ha messo sul tavolo tante idee oltre ad aver definito i termini opensource del progetto, ora attende l'evoluzione del tutto. Il primo step è quello di individuare le API necessarie per far sì che applicazioni e pagine web possano dialogare in modo sicuro con l'hardware del dispositivo, ma il tutto è ancora da definire.

Il progetto pare decisamente interessante e le nuove opportunità offerte da HTML5 intendono essere ben sfruttate da parte degli sviluppatori di Mozilla. Viene immediato il riferimento al progetto Seabird, presentato lo scorso Settembre e che, per ora, è rimasto bello solo sulla carta e nel video a seguire:

Se la base di partenza promette un approccio interessante e sicuramente capace di sorprendere per alcuni spunti, è però bene considerare che il mercato dei dispositivi smartphone è uno dei più agguerriti di sempre.

Mozilla, con il suo approccio, ha negli anni realizzato un browser capace di rappresentare un'alternativa alla soluzione di Microsoft, Internet Explorer: Google con Chrome è riuscita, dati alla mano, in pochi mesi a fare quello che Mozilla ha ottenuto in anni. Il parallelo non deve per forza essere fatto sul mondo smartphone, ma va comunque considerato.

Per lo sviluppo di un sistema operativo capace di funzionare al meglio sui sistemi smartphone, infatti, è necessario un importante lavoro con le aziende che tali dispositivi li producono: Android, prima nella sua versione per telefoni, ora per la sua declinazione per tablet, ha incontrato questo problema e, release dopo release, ha ovviato ai malfunzionamenti. In questo senso, il lavoro che Mozilla si trova a dover affrontare non si limita quindi al solo sviluppo del sistema operativo: in ogni caso, è ancora lunga la strada.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
litocat26 Luglio 2011, 12:42 #1
E' solo una mia impressione o ultimamente Mozilla continua a copiare idee da Google?
Barra26 Luglio 2011, 13:23 #2
Perchè usa un kernel linux?
Perchè ha intenzione di sviluppare un sistema operativo mobile basato su di esso?

Non mi sembra che Google sia stata la prima azienda ad avere queste idee....
Stappern26 Luglio 2011, 13:25 #3
Originariamente inviato da: Barra
Perchè usa un kernel linux?
Perchè ha intenzione di sviluppare un sistema operativo mobile basato su di esso?

Non mi sembra che Google sia stata la prima azienda ad avere queste idee....


"e non è un caso che alla base del sistema operativo B2G ci sia parte del kernel di Android"

litocat26 Luglio 2011, 13:33 #4
Originariamente inviato da: Barra
Perchè usa un kernel linux?
Perchè ha intenzione di sviluppare un sistema operativo mobile basato su di esso?

Non mi sembra che Google sia stata la prima azienda ad avere queste idee....

Non parliamo di un semplice os su kernel linux ma di una concezione di os che prevede poco piu' di un kernel piu' un browser. L'out of process plugin di firefox ha preso spunto dal process per tab di chrome, l'interfaccia di firefox imita quella di chrome, la nuova strategia di sviluppo a passo accelerato di firefox imita quella di chrome e ora questo boot to gecko sta imitando chromeos.
unnilennium26 Luglio 2011, 13:34 #5
Originariamente inviato da: Stappern
"e non è un caso che alla base del sistema operativo B2G ci sia parte del kernel di Android"



il kernel è linux, non android. andorid lo sfrutta, ed ora lo sfrutta anche mozilla, ma sempre kernel linux rimane. e infatti devono rilasciare i sorgenti del lavoro che fanno, perchè è coisì che funziona. più che altro, se già il browser mobnile è veramente pesante, il sistema operativo chissà come sarà... quando vedo opera o dopphin su android, mozilla impallidisce...
Barra26 Luglio 2011, 13:48 #6
Originariamente inviato da: Stappern
"e non è un caso che alla base del sistema operativo B2G ci sia parte del kernel di Android"



Veramente il kernel è LINUX. Che Google lo abbia personalizzato poco cambia, le patch sono tutte disponibili, pubbiche e sono forse il 2% del totale del codice. Anche Canonical usa un kernel patchato per ubuntu ma resta cmq linux...


@litocat WebOS è nato prima di chromeOS. Il resto scusami ma è fuffa, come dire che Google ha copiato da Mozilla perchè ha pensato di creare un browser e da Apple perchè vende smartphone!
litocat26 Luglio 2011, 14:08 #7
Originariamente inviato da: Barra
@litocat WebOS è nato prima di chromeOS. Il resto scusami ma è fuffa, come dire che Google ha copiato da Mozilla perchè ha pensato di creare un browser e da Apple perchè vende smartphone!

Beh non e' esattamente la stessa cosa. Di aziende o community che producono browser ce ne sono centinaia. Ma solo una manciata isolano i processi (e Google e' stata la prima a introdurlo se si esclude un vecchio proof of concept di Microsoft implementato anni e anni fa in IE4 e poi abbandonato) e solo i browser di Google e Mozilla rilasciano nuove major release ogni 3 mesi. Poi e' vero che Google ha preso spunto da WebOS per chromeOS ma Mozilla guardacaso la sta seguendo a ruota.
kralin26 Luglio 2011, 15:25 #8
ma questo video è VECCHISSIMO!!!
Donbabbeo26 Luglio 2011, 15:38 #9
Comunque sia questo progetto non è semplicemente costruito sopra il kernel Linux, ma costruito proprio sopra lo stack di Android, prenderà tutto il codice di basso livello ad esclusione della VM.

We intend to use as little of Android as possible, in fact. Really,
we want to use the kernel + drivers, plus libc and ancillary stuff.


Gli è stato chiesto più volte che rispetto ad Android sarebbe di gran lunga preferibile avere uno stack Linux standard qualsiasi, sia esso Meego, Debian, Ubuntu o quello che volete, ma secondo loro quella è un'esperienza Desktop e non Mobile e che al di fuori di X è difficile reperire driver open, mentre con Android sarebbero già integrati nel kernel.

We might prototype some stuff on a PC, but the project is really about
the device space. We had to pick somewhere, and this seems like where
the energy is best spent.

Desktop devices tend to be harder to get good open drivers for without
pulling in things like X, which we don't want to do.


Personalmente trovo la scelta abbastanza stupida, sia perchè i vantaggi di usare uno stack Linux completo sono innegabili, sia perchè NON ESISTONO DRIVER OPENSOURCE MOBILE!

Avrei preferito che si concentrassero su Firefox invece di buttarsi in questi progetti. Senza contare che esiste già Webian che è basato su Mozilla Chromeless.
Baboo8527 Luglio 2011, 10:07 #10
A me basta che non esagerino, cosi' come esistono ventordicimila distro linux diverse...

Ok che lasciare il "monopolio" a 3 OS mobile e' un po' restrittivo, pero' ora che non inizino a farne uscire 800mila...


C'e' da dire comunque che uno smartphone cosi' come presentato nel concept del video, e' talmente spettacolare che per una volta nella vita sarei disposto a spendere un botto di soldi (ovviamente per averlo adesso) senza rimpianti...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^