Bonus Vacanze 2020: ecco come funziona l'app, come riceverlo e a chi spetta. Tutti i dettagli

Bonus Vacanze 2020: ecco come funziona l'app, come riceverlo e a chi spetta. Tutti i dettagli

Le vacanze in Italia o all'estero si potranno pagare con il Bonus dello Stato? Ecco come funziona il nuovo Bonus Vacanze 2020 che potrà essere erogato direttamente da un'applicazione. A chi spetterà? Tutti i dettagli in questo articolo.

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Web
AndroidiOSAppleGoogle
 

Le vacanze 2020 si avvicinano e purtroppo incombe su di esse il famigerato virus COVID-19 che ha colpito il mondo intero durante l'inverno e che continua ancora a mietere non solo contagi ma anche molti morti. In questo caso in Italia sembra che la prima ondata di contagi si sia quasi del tutto smarrita lasciando però non solo un grande rammarico per le morti ma anche una crisi economica da non sottovalutare. Per questo il Governo italiano sta cercando di far ripartire l'economia e visto l'arrivo dell'Estate 2020 si cerca di incentivare gli italiani a fare una vacanza, soprattutto in Italia, proponendo un vero e proprio Bonus Vacanze 2020.

Di cosa si tratta? Come può essere utilizzato? Quanto vale il bonus da spendere? A chi spetta? A queste e ada altre domande abbiamo deciso di rispondere con questo articolo che può servire a tutti per capire bene come poter risparmiare quest'estate prenotando le vacanze.

Indice

Bonus Vacanze 2020: di cosa si tratta?

Il decreto legge n. 34 del 2020 (denominato decreto Rilancio) ha istituito una nuova agevolazione, per l’anno 2020, in favore delle famiglie con ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) in corso di validità non superiore a 40.000 euro, da utilizzare per il pagamento di servizi offerti in Italia da imprese turistico ricettive, agriturismi e bed & breakfast.

Un vero e proprio BONUS che potrà dunque essere fruito a determinate condizioni dal 1° luglio al 31 dicembre 2020 da un solo componente per nucleo familiare Sarà riconosciuto fino a un importo massimo di 500 euro con importi diversi in base al nucleo familiare e dunque ai componenti dello stesso.

Bonus Vacance 2020: quanto vale il bonus?

L’agevolazione consiste come detto in un bonus, utilizzabile dal 1° luglio al 31 dicembre 2020, destinato al pagamento di servizi offerti - in ambito nazionale - da imprese turistico ricettive, agriturismi e bed & breakfast abilitati a livello nazionale e regionale per l’esercizio dell’attività turistico ricettiva.

Nello specifico il bonus, riconosciuto per il periodo d’imposta 2020, spetta nella misura massima di:

  • 500 euro per i nuclei familiari composti da tre o più persone
  • 300 euro per i nuclei familiari composti da due persone
  • 150 euro per quelli composti da una sola persona.

Il bonus è utilizzabile una sola volta da un solo componente del nucleo familiare anche diverso da chi ha effettuato la richiesta. In questo caso però non ci sono vincoli per l’utilizzo: si può scegliere liberamente se utilizzare il bonus per una vacanza in cui siano presenti tutti i familiari oppure solo alcuni, e non è necessario che sia presente il soggetto che lo ha richiesto.

Il beneficio spetta per l’80% sotto forma di sconto sull’importo dovuto al fornitore del servizio turistico e, per il restante 20%, sotto forma di detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2020, che verrà presentata dal componente del nucleo familiare che ha usufruito dello sconto. Per poter utilizzare l’agevolazione è necessario verificare preventivamente con il fornitore del servizio turistico che aderisca all’iniziativa e “accetti” il bonus.

ATTENZIONE

Il bonus vacanze deve essere speso in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica e, nel caso di corrispettivo dovuto inferiore al bonus, lo sconto e la detrazione sono commisurati al corrispettivo e il residuo non è più utilizzabile.

Bonus Vacanze 2020: a chi spetta il bonus?

Possono fruire dell’agevolazione i nuclei familiari con indicatore ISEE in corso di validità - ordinario o corrente - non superiore a 40.000 euro.

Per il calcolo dell’indicatore ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente), occorre presentare all’Inps la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU): un documento che contiene i dati anagrafici, reddituali e patrimoniali necessari a descrivere la situazione economica di un nucleo familiare e che ha validità dal momento della presentazione e fino al 31 dicembre successivo.

Accedendo al sito dell’Inps è possibile presentare la DSU in modalità non precompilata o precompilata: quest’ultima contiene alcuni campi già precompilati dall’Agenzia delle entrate e dall’Inps. In alternativa è possibile rivolgersi ai Centri di assistenza fiscale (Caf) che prestano assistenza all’utente a titolo gratuito.

Bonus Vacanze 2020: come ottenere il bonus

Per richiedere l’agevolazione, il cittadino deve – preventivamente – aver installato ed effettuato l’accesso all’applicazione per smartphone, denominata IO, l’app dei servizi pubblici, resa disponibile gratuitamente da PagoPA Spa.

Ecco la procedura passo passo per richiedere il Bonus Vacance 2020:

La richiesta del bonus vacanze può essere effettuata, tramite la app IO, da uno dei componenti del nucleo familiare, in possesso di identità digitale SPID o di Carta di identità elettronica (CIE 3.0):

  • il Sistema pubblico di identità digitale (SPID) permette di accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione con un’unica identità digitale. SPID è composto da un nome utente e una password ed è utilizzabile da computer, tablet e smartphone. Tutti i cittadini maggiorenni possono ottenere SPID, scegliendo tra diversi fornitori di identità digitale (identity provider) abilitati.

    A QUESTO LINK è possibile consultare l’elenco dei fornitori di identità SPID e le modalità di rilascio dell’identità digitale previste da ciascuno. Si segnala che al momento, in considerazione dell’emergenza da Coronavirus e delle conseguenti misure di distanziamento sociale, diversi provider forniscono gratuitamente la possibilità di riconoscimento da remoto.

  • la Carta di identità elettronica (CIE) è il nuovo documento identificativo a cui è associato un Pin di 8 cifre, che permette di accedere ai servizi digitali della Pubblica amministrazione. Le prime 4 cifre del Pin vengono fornite al cittadino dall’ufficio dell’anagrafe comunale al momento della richiesta di emissione della Carta d’identità elettronica, mentre le ultime 4 cifre vengono recapitate al cittadino con la raccomandata contenente la CIE. Qualora il cittadino abbia smarrito il Pin associato alla CIE, può chiederne la ristampa all’ufficio dell’anagrafe comunale.


Clicca per ingrandire


Clicca per ingrandire

Al primo accesso, dopo l’autenticazione con SPID o CIE (versione 3.0), l’app IO chiede all’utente di impostare un codice di sblocco (PIN) ed eventualmente una delle funzionalità di riconoscimento biometrico (impronta digitale o riconoscimento del volto) disponibile sul proprio dispositivo. In seguito alla prima registrazione, l’utente può accedere a IO direttamente digitando il PIN da lui scelto o tramite riconoscimento biometrico

La richiesta sull'applicazione

A partire dal 1° luglio 2020, uno dei componenti del nucleo familiare può accedere alla funzione per richiedere il bonus Vacanze disponibile nella sezione “Pagamenti” dell’app IO. Prima di procedere con la richiesta, l’app IO mostra una pagina di dettaglio sul funzionamento e le regole del bonus Vacanze, che include i Termini e condizioni d’uso e le Privacy policy specifiche del bonus, per presa visione da parte dell’utente. In seguito, attraverso un collegamento con la banca dati dell’Inps, l’app IO verifica che il richiedente sia in possesso di tutti i requisiti necessari e comunica al richiedente l’esito del riscontro, con un messaggio in app.

Dalla verifica possono emergere cinque situazioni:

  • Caso 1: richiesta valida L’app IO invia all’utente una conferma della validità della richiesta, comunicando l’importo massimo dell’agevolazione spettante e l’elenco dei componenti del nucleo familiare che, oltre al richiedente, potranno spendere il bonus. Il richiedente può quindi confermare l’attivazione del bonus e, da questo momento, non sarà più possibile annullare la richiesta.
  • Caso 2: richiesta valida ma bonus già attivato sullo stesso nucleo familiare Se risulta già attivato il bonus per lo stesso nucleo familiare di cui il richiedente fa parte non si potrà procedere con la richiesta. In questo caso, il richiedente - e ogni altro componente dello stesso nucleo familiare che abbia un account attivo su IO - può visualizzare i dati relativi al bonus già attivo per il nucleo familiare nella sezione “Pagamenti” dell’app, dove rimarrà disponibile fino all’utilizzo da parte di uno dei componenti.
  • Caso 3: richiesta valida ma DSU con omissioni o difformità L’app IO informa il richiedente circa l’esito positivo della verifica sui requisiti ma avverte che la DSU presenta “omissioni o difformità” e che, una volta speso il bonus, l’utilizzatore sarà chiamato a fornire idonea documentazione per provare la completezza e la veridicità dei dati indicati nella DSU. Il richiedente può decidere di proseguire comunque con la richiesta o annullarla. In caso di annullamento, l’utente potrà richiedere nuovamente il bonus in un secondo momento.
  • Caso 4: soglia ISEE superata Un messaggio sull’app IO avvisa che l’ISEE del nucleo familiare del richiedente supera la soglia di 40.000 euro e che pertanto non è possibile procedere con la richiesta.
  • Caso 5: DSU assente Per il richiedente non risulta presentata una DSU in corso di validità: un messaggio sull’app IO avvisa l’utente della necessità di presentare la DSU per il calcolo dell’ISEE e, solo successivamente, di ripresentare la richiesta di accesso all’agevolazione.

Nei casi in cui l’utente sia risultato idoneo a ricevere il bonus (casi 1 e 3), dopo aver visualizzato l’anteprima del bonus vacanze, può confermare la sua richiesta e deve attendere che l’app IO comunichi l’attivazione del bonus.

Dopo la conferma dell’attivazione del bonus vacanze attribuito al nucleo familiare, il richiedente e gli altri beneficiari che hanno già installato l’app IO possono visualizzarlo immediatamente nella sezione “Pagamenti”. Sono riportate le seguenti informazioni:

  • il codice univoco ed il QR-code associato, da comunicare al fornitore del servizio turistico al momento del pagamento del soggiorno presso il fornitore stesso. Attraverso la funzione “Condividi” presente nella schermata di riepilogo del bonus, IO crea una copia del codice univoco e del relativo QR-code che il richiedente può inoltrare (come una semplice immagine) ai componenti del nucleo familiare che non hanno accesso all’app
  • l’importo massimo dell’agevolazione spettante al nucleo familiare, con separata indicazione dell’importo dello sconto e dell’importo della detrazione fruibile in dichiarazione
  • l’elenco dei componenti del nucleo familiare risultanti dalla DSU presentata: uno qualunque tra questi potrà utilizzare il bonus al momento del pagamento del servizio turistico
  • il periodo di validità entro il quale spendere il bonus (dalla data di attivazione al 31 dicembre 2020).

Bonus Vacanze 2020: cosa deve fare il cittadino?

Dopo aver ricevuto la conferma di poter usufruire dell’agevolazione, il richiedente, o un altro componente del suo nucleo familiare, potrà utilizzare il bonus come segue: lo sconto, entro il 31 dicembre 2020, presso una struttura situata sul territorio nazionale che aderisce all’iniziativa, la detrazione, con la dichiarazione dei redditi che sarà presentata nel 2021.

Al momento del pagamento, presso il fornitore, del corrispettivo dovuto per il servizio turistico, la persona che intende fruire del bonus deve comunicare al fornitore il proprio codice fiscale ed il codice univoco assegnato o, in alternativa, esibire il QR code. Quest’ultimo può essere visualizzato su smartphone accedendo all’app IO nella sezione “Pagamenti” o come immagine condivisa dal familiare che ha richiesto il bonus. Per poter applicare lo sconto, il fornitore acquisisce questi dati e li inserisce, insieme all’importo del corrispettivo dovuto, in un’apposita sezione della procedura web disponibile nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia delle entrate (seguendo il percorso “la mia scrivania - Servizi per - comunicare”).

In questo modo, viene verificato, in tempo reale, lo stato di validità dell’agevolazione e l’importo massimo dello sconto applicabile. In caso di esito positivo della verifica (bonus attivo e valido), il fornitore può confermare nella procedura l’applicazione dello sconto. Si ricorda che la persona che usufruisce dello sconto deve essere, necessariamente, l’intestatario della fattura o del documento commerciale o dello scontrino/ricevuta fiscale emesso dal fornitore. Da questo momento il bonus risulterà come “utilizzato” (con indicazione della data dell’avvenuta riscossione) e sarà inutilizzabile.

All’interno della sezione “Pagamenti” dell’app IO del richiedente lo stato del bonus sarà aggiornato. Le stesse informazioni sono messe a disposizione del soggetto che ha utilizzato lo sconto nell’area riservata del sito internet dell’Agenzia, all’interno del cassetto fiscale (seguendo il percorso la mia scrivania – consultazioni – cassetto fiscale).

Come già anticipato, l’80% del bonus è erogato sotto forma di sconto immediato sull’importo dovuto per il servizio ricettivo e, per il restante 20%, verrà erogato sotto forma di detrazione d’imposta nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2020. L’eventuale parte della detrazione che non trova capienza nell’imposta lorda non può essere riportata a credito per gli anni d’imposta successivi, né richiesta a rimborso.

Bonus Vacanze 2020: ecco dove scaricare l'app IO

Come detto per riuscire a richiedere il Bonus Vacanze 2020 è necessario utilizzare l'applicazione per smartphone, denominata IO, l’app dei servizi pubblici, resa disponibile gratuitamente da PagoPA Spa. L'app può essere scaricata sia su Android che su AppStore quindi sugli smartphone Android ma anche sugli iPhone o iPad. Ecco i link alle due applicazioni per i sistemi operativi:

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dr-omega19 Giugno 2020, 13:08 #1

Non ho i soldi per andare in vacanza, per cui invece che stare a casa come si è sempre fatto devo fare debiti con le finanziarie e/o chiedere un bonus allo Stato.
Che voi sapete, solo in Italia fanno queste fesserie oppure anche all'estero?

Io quei soldi insieme ai vari redditi di cittadinanza, bonus gas e luce, ecc li avrei destinati alla ricerca scientifica e alla detassazione delle aziende in modo da creare più lavoro.

Però capisco che le vacanze rispetto al lavoro qui sono la priorità, sopratutto quest'anno che a casa dal lavoro ci siamo stati per poco tempo...
Dinofly19 Giugno 2020, 13:10 #2
Mi sembra quello di cui abbiamo bisogno, altro che istruzione, o corsi professionalizzanti. Un po`di parassitsmo.

Gli italiani hanno votato i sogni e chi prometteva una vita di ozio e fancazzismo, il massimo per l'italiano medio.
Ed eccoli che vengono realizzati, nel modo tipicamente italiano, spolpando le poche risorse rimaste per regalare un mediocre e dimenticabile soggiorno fantozziano per parassiti.

Un paese che ora condanna tutti alla mediocrità: chi per scelta di vita parassitaria e chi invece perchè deve pagare una pressione fiscale fuori di testa per sostenere questi abomini. Paese di mediocri, per mediocri e rappresentato dalla elitè della mediocrità.
E ci stupiamo della fuga dei cervelli, ma chiunque valga qualcosa non può sottostare a queste condizioni.

Che schifo.
Zappz19 Giugno 2020, 13:18 #3
E intanto non mi hanno ancora risarcito per le vacanza di pasqua perse...
Roran19 Giugno 2020, 13:20 #4
Originariamente inviato da: dr-omega

Non ho i soldi per andare in vacanza, per cui invece che stare a casa come si è sempre fatto devo fare debiti con le finanziarie e/o chiedere un bonus allo Stato.
Che voi sapete, solo in Italia fanno queste fesserie oppure anche all'estero?

Io quei soldi insieme ai vari redditi di cittadinanza, bonus gas e luce, ecc li avrei destinati alla ricerca scientifica e alla detassazione delle aziende in modo da creare più lavoro.

Però capisco che le vacanze rispetto al lavoro qui sono la priorità, sopratutto quest'anno che a casa dal lavoro ci siamo stati per poco tempo...
non puoi comparare una vacanza con lo stare a casa, a meno che per te "vacanza" significhi soltanto non andare a lavoro, io sinceramente sono mesi che sto in smart working e di stare seduto 8 ore al giorno davanti il computer, dentro casa, mi sono stufato parecchio, se non fosse per questa pandemia sarei già andato a farmi un viaggio all'estero dove con lo stesso prezzo di quello che spendi qui in Italia hai un rapporto qualità prezzo maggiore, quindi il bonus lo vedo come un rimborso morale.Comunque non vedere soltanto chi è stato a casa senza lavorare o chi ci è stato in smart working, pensa a quanti hanno lavorato adeguandosi a restrizioni varie o chi come gli infermieri / le cassiere se la sono rischiata a stare a contatto con la gente, magari ricevendo un ridicolo bonus di 100€ in più sulla busta paga, di certo anche questo delle vacanze non è tutto questo chissà cosa, ma è sempre una nota positiva.
Dinofly19 Giugno 2020, 13:31 #5
Purtroppo in italia non è chiaro come funzioni il concetto di debito.

Per cui, soldi pubblici = soldi regalati. Non è così, quei soldi li dovrete rimettere con tasse più alte. Forse questa roba passa perchè in italia meno del 30% paga le tasse, e tra questo 30% in realtà le paga in maniera "significativa" meno del 10%. Siamo una dittatura di parassiti, i lavoratori sono una spaurita minoranza.

Ma non esistono pasti gratis, anche se la mente dell'italiota medio, ignorante come uno gnu, riesce a fare solo un paio di passaggi mentali e quindi è pure convinto di essere furbo, dopo aver lavorato in nero, sarà tutto ingalluzzito quando "quegli scemuniti" che lavorano gli han pure pagato le vacanze.

Finanziare a debito puttanate come questa è un conto che vi ritrovere a pagare a caro prezzo e io non vedo l'ora.
Zappz19 Giugno 2020, 13:37 #6
Originariamente inviato da: Dinofly

Ma non esistono pasti gratis, anche se la mente dell'italiota medio, ignorante come uno gnu, riesce a fare solo un paio di passaggi mentali e quindi è pure convinto di essere furbo, dopo aver lavorato in nero, sarà tutto ingalluzzito quando "quegli scemuniti" che lavorano gli han pure pagato le vacanze.


Gli stiamo gia' pagando il secondo stipendio di cittadinanza, ci stanno pure le vacanze...

Purtroppo, come sempre, chi fa il furbo il Italia ci guadagna a discapito di chi prova ad essere civile.
omerook19 Giugno 2020, 13:37 #7
vedo che avete colto a chi è rivolto il bonus vacanza. Serve a finanziare e sostenere il settore del turismo e mi verrebbe da dire che fanno pure bene visto che è il nostro petrolio.
ilariovs19 Giugno 2020, 13:48 #8

"Bonus vacanza" = sostegno al turismo

Ma che davero davero dobbiamo spiegare l'ovvvio?

Quello che per una persona è una VACANZA, in un struttura, per la struttura è LAVORO.

Ma veramente non avete mai lavorato in zona turistica? O pensate che camerieri, barman, personale ai piani, bagnini, animatori ecc ecc ecc ecc e via discorrendo facciano parte del paesaggio?

Non turista? No lavoro. Spero sia chiaro così.
CYRANO19 Giugno 2020, 13:51 #9
Ma se mi danno il buono vancanza posso usarlo per prendermi la ps5 ?



Clmslslmslslsks
radeon_snorky19 Giugno 2020, 14:12 #10
Originariamente inviato da: ilariovs
Ma che davero davero dobbiamo spiegare l'ovvvio?

Quello che per una persona è una VACANZA, in un struttura, per la struttura è LAVORO.

Ma veramente non avete mai lavorato in zona turistica? O pensate che camerieri, barman, personale ai piani, bagnini, animatori ecc ecc ecc ecc e via discorrendo facciano parte del paesaggio?

Non turista? No lavoro. Spero sia chiaro così.
esatto!
peccato però che andrebbe spiegato anche agli imprenditori che POTREBBERO non capire che lo sconto da applicare se lo stornano dalle tasse e siccome è una possibilità non un obbligo, non so quanti imprenditori accetteranno (cash subito o meno tasse 2021)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^