Attacco DDoS al sito web di due banche asiatiche, chiesto riscatto in Bitcoin

Attacco DDoS al sito web di due banche asiatiche, chiesto riscatto in Bitcoin

Bank of China e Bank of East Asia vittime di un attacco DDoS verso i loro siti web: si tratterebbe di un'azione dimostrativa e alle due banche è stato chiesto un riscatto per evitare ulteriori attacchi

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Web
 

Due delle principali banche asiatiche, Bank of China e Bank of East Asia, sono state vittima di un attacco DDoS che ha colpito i loro siti web e a seguito del quale sono state intimate di pagare un riscatto in bitcoin per evitare ulteriori disservizi. A riportare la notizia è il sito Coindesk.

L'attacco è avvenuto nel fine settimana del 9 maggio ed è stato confermato da un portavoce di Bank of China: "I nostri sistemi di monitoraggio costante e le misure di contingenza per assicurare la sicurezza e le operazioni del sito web della compagnia hanno evitato che l'attacco colpisse i nostri servizi e le informazioni dei clienti. Il caso è stato reso noto alla polizia di Hong Kong".

Un portavoce delle forze dell'ordine ha dichiarato ai media locali che gli artefici dell'attacco, per ora ignoti, hanno richiesto un riscatto in bitcoin perché ulteriori azioni non vengano perpetrate: l'attacco DDoS, che ha inondato i siti web delle due banche con un grosso quantitativo di traffico fasullo per danneggiare l'accesso al servizio, avrebbe infatti avuto il ruolo di "avvisaglia" e non v'è da escludere che eventuali altre future azioni possano essere di stampo ancor più pericoloso.

La notizia circola a qualche giorno di distanza dopo che un gruppo di estorsori, conosciuti con la sigla DD4BC, è stato collegato ad una serie di attacchi DDoS ad organizzazioni in Svizzera, Nuova Zelanda e Australia anche in questo caso condotti a scopo dimostrativo e legati ad una richiesta di riscatto di 25 Bitcoin (poco più di 5000 Euro). Non è dato sapere, ad ora, se DD4BC sia autore dei due attacchi alle banche asiatiche

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
761-17618 Maggio 2015, 15:31 #1
Rapine 3.0 nel 2015
Italia 118 Maggio 2015, 20:30 #2
Praticamente come riscatto, vogliono un "blocco" di BTC ? Considerando che servono vari PH/s di potenza di calcolo per trovarne, non si sono tenuti tanto "leggeri" nella richiesta. Avranno usato un miner per fare l'attacco
simocobras18 Maggio 2015, 23:10 #3
Rapine tecnologiche...
761-17618 Maggio 2015, 23:30 #4
Originariamente inviato da: Italia 1
Praticamente come riscatto, vogliono un "blocco" di BTC ? Considerando che servono vari PH/s di potenza di calcolo per trovarne, non si sono tenuti tanto "leggeri" nella richiesta. Avranno usato un miner per fare l'attacco


Traduzione per noi comuni mortali?
MaxiHori19 Maggio 2015, 10:45 #5
traduzione: parole a caso per cercare di sembrare uno che ne sa qualcosa

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^