AOL vende 800 brevetti a Microsoft: addio Netscape

AOL vende 800 brevetti a Microsoft: addio Netscape

Microsoft acquista 800 brevetti da AOL, mettendo così le mani su alcuni elementi che rappresentano, oggi, la base del web

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 10:37 nel canale Web
Microsoft
 

Con un colpo che non ha niente da invidiare all'acquisizione di Instagram da parte di Facebook, Microsoft si porta a casa oltre 800 brevetti da AOL (America online) e relative applicazioni. Spendendo una cifra di 1,056 miliardi di dollari, l'azienda di Redmond si assicura così un importante patrimonio utile per tutelare alcuni dei suoi prodotti, Internet Explorer su tutti. Proviamo a capire il perchè.

Le proprietà intellettuali acquistate da Microsoft giocano un ruolo fondamentale a livello strategico e la spesa portata avanti dalla nota azienda ne è la chiara e diretta dimostrazione. Tra le proprietà acquistate troviamo, tra le altre, anche Netscape: il capostipite dei motori di ricerca entra così in Microsoft, mettendo così la parola fine a quella che è stata una delle battaglie che hanno caratterizzato gli anni '90.

Con un prezzo medio di circa 1,25 milioni di dollari a brevetto, la strategia di Microsoft è quella di riuscire a migliorare la propria posizione in un segmento di mercato che si fa, con il passare dei giorni, sempre più competitivo. La guerra dei browser, in scena negli ultimi anni, ha portato infatti Internet Explorer a confrontarsi direttamente non solo con Mozilla ma anche e soprattutto Chrome, il browser di Google.

Una battaglia che non si gioca solo con le percentuali di mercato, ma anche e soprattutto a suon di licenze e nei tribunali. Ed è anche in questo senso che l'acquisto effettuato da Microsoft assume il suo aspetto. Buona parte dei brevetti acquistati dall'azienda di Redmond, infatti, sono stati registrati da circa quattro anni: ci troviamo di fronte a soluzioni che devono ancora essere messe in licenza ad altre aziende, il che rende le proprietà intellettuali ancora più interessanti.

Il valore del portfolio potrebbe quindi dare la possibilità a Microsoft di andare a registrare introiti con la richiesta di licenze legate all'utilizzo, andando ad attivare un programma particolarmente aggressivo. Questo numero di brevetti, comunque, permetterebbe di avere altre armi per poter confrontarsi con Android e Chrome, entrambi prodotti di Google e con cui ha già dimostrato di avere una particolare antipatia. Gli accordi siglati con HTC e LG, partner di Google, sono un esempio lampante.

Al momento non sono stati forniti i dettagli dell'operazione portata avanti da Microsoft, e manca quindi l'indicazione precisa di quali brevetti stiamo parlando. Analizzando il portfolio AOL, non è però difficile identificare quali possano essere i più interessanti. Tra i tanti, quelli a seguire sembrano essere i principali indiziati:

  • Patent N. 6854085, che copre la tecnologia di completamento dei form su pagine web in automatico
  • Patent N. 5657390, per la tecnologia Secure Sockets Layer (SSL), ora identificata come Transport Layer Security (TLS) che perette di gestire comunicazioni cifrate tra browser e web server
  • Patent N. 7525951 e 6839737, che prevedono l'integrazione di servizi di messaggistica istantanea con software e-mail e che permette di effettuare la sincronizzazione tra i contatti, verificandone la presenza online

Ma non terminano qui. Buona parte dei brevetti (legati a doppio filo a Netscape) rappresentano oggi una parte fondamentale del web, su cui moltissime aziende si sono basate per lo sviluppo delle proprie soluzioni. L'acquisto, insomma, porta in mano a Microsoft una importante arma che l'azienda si troverà a gestire nei mesi a venire: sarà interessante, quindi, osservare come il colosso di Redmond intenderà comportarsi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
TheDarkMelon10 Aprile 2012, 10:43 #1
ottima mossa, altro che il miliardo per instagram!!
black-m0110 Aprile 2012, 10:52 #2
Capostipite... dei motori di ricerca?!?!?!
Oh $divinità, la storia non è servita a nulla...
jagemal10 Aprile 2012, 11:23 #3
è tornata la cara vecchia M$ del seek&destroy ???

che hanno in mente?
non riescono a fare prodotti decenti=va distrutta la concorrenza?



PS so che il loro livello qualitativo è migliorato tantissimo .. ma col tempo mi sono anche accorto che nell'inconscio di molti "utonti" si è affermata la rappresentazione (magari creata proprio da noi "tecnici" che M$=mer..
AndreaG.10 Aprile 2012, 11:26 #4
Originariamente inviato da: black-m01
Capostipite... dei motori di ricerca?!?!?!
Oh $divinità, la storia non è servita a nulla...


Stessa cosa che ho pensato io
Cfranco10 Aprile 2012, 11:28 #5
C' è qualche imprecisione nel testo :
Netscape non ha niente a che vedere con i motori di ricerca ...
E anche come browser non è stato il primo
http://en.wikipedia.org/wiki/Mosaic_%28web_browser%29
Al massimo è stato il primo browser commerciale


Se con quattro brevetti farlocchi M$ è riuscita a infinocchiare metà dei produttori di smartphone Android vedremo adesso che ha qualche brevetto un po' più serio del doppio click cosa riesce a combinare ...
Damage9210 Aprile 2012, 11:49 #6
Prima leggo:
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Spendendo una cifra di 1,056 miliardi di dollari [...] Con un prezzo medio di circa 1,25 milioni di dollari a brevetto

E poi leggo:
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
tecnologia di completamento dei form su pagine web in automatico [...] integrazione di servizi di messaggistica istantanea con software e-mail e che permette di effettuare la sincronizzazione tra i contatti


Ahahahahahaa! Mille miliardi? Ahahahah!
Ma soprattutto, il TLS, è un protocollo standard... brevettato? Ma come, se io voglio implementarlo nel mio browser devo pagare!? O.o
TheDarkMelon10 Aprile 2012, 12:05 #7
certo che devi pagare, la ricerca si paga!!
pabloski10 Aprile 2012, 12:08 #8
Evvai, continua la fiera dei tarallucci con più brevetti e più inetti in pole position.

Così morì la ricerca in occidente e la Cina ringrazia tantissimo i cali cletini occidentali.
Pier de Notrix10 Aprile 2012, 12:19 #9
Dopo tanti anni, quel browser gratuito concorrente di Explorer è costato a Microsoft la bellezza di 1 milardo di dollari!!!
Se non sono queste le soddisfazioni...
TheDarkMelon10 Aprile 2012, 12:32 #10
ahahahahah eggià, han speso un miliardo per il browser.. :facepalm:

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^