Anonymous lancia la sfida a Facebook con un nuovo social network: Minds.com

Anonymous lancia la sfida a Facebook con un nuovo social network: Minds.com

L'ennesimo social network incentrato sulla privacy è stato annunciato da Anonymous, il gruppo di cosiddetti hacktivist della rete

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Web
Facebook
 

Un nuovo social network è all'orizzonte e promette maggiore trasparenza, sicurezza e privacy rispetto a Facebook ed altri giganti già consolidati nel settore. Sostenuto dal gruppo di hacktivist Anonymous, il nuovo servizio si occuperà di proteggere tutti i contenuti degli utenti con algoritmi crittografici avanzati, in modo che gli stessi non possano essere sbirciati dalle agenzie di sorveglianza governative e dagli inserzionisti pubblicitari.

Minds.com Minds.com

Ad una prima occhiata, Minds.com non sembra discostarsi da qualsiasi altro social network. Fornisce gli ultimi aggiornamenti di un contatto ai suoi "seguaci", e consente agli amici di commentare e condividere post. Le differenze più importanti sono però dietro le quinte: il nuovo servizio social di Anonymous non punta a generare profitti dalla vendita dei dati dell'utente, anzi i piani del gruppo sono diametralmente opposti. L'obiettivo di Minds.com è quello di tenere al sicuro tutti i contenuti degli iscritti.

Il nuovo social conterrà alcuni elementi di "gamification": attraverso l'interazione con alcuni contenuti, l'utente sarà premiato con un sistema a punti con i quali si otterrà una visibilità maggiore per i propri post personali. In altre parole, Minds.com vuole avvantaggiare gli utenti più attivi: più si è attivi nel servizio, maggiore sarà la priorità dei contenuti prodotti dallo stesso utente.

Differentemente da quanto avviene su Facebook, l'algoritmo che Minds.com utilizzerà per indicizzare i contenuti sarà "trasparente" e disponibile pubblicamente. Infatti, l'interno portale sarà open-source, consentendo pertanto a sviluppatori terzi di offrire le proprie idee per migliorare la qualità del servizio. Proprio in questo aspetto è da considerare l'apporto del gruppo Anonymous.

Il fondatore di Minds.com, Bill Ottman, ha dichiarato: "Sono gli utenti che devono avere il controllo dei social media, in tutti i sensi. Molte compagnie vantano di offrire la privacy e dicono che usano algoritmi di crittografia. Ma non c'è crittografia efficace se non puoi ispezionare il codice per verificare un'eventuale presenza di backdoor inserite appositamente".

Il particolare modello di business ha suscitato le curiosità degli hacktivist, che stanno radunando un gruppo di sviluppatori per lavorare sull'ambizioso progetto: "Anonymous chiama a raccolta hacker, designer e programmatori in tutto il mondo. Vogliamo collaborare insieme sul codice di Minds.com e costruire un servizio che sia veramente del popolo, dal popolo e per il popolo", ha scritto il gruppo sulla sua pagina Facebook.

Il progetto è stato lanciato formalmente via desktop e mobile lo scorso lunedì, ma già prima dell'annuncio ufficiale aveva ottenuto un buon riscontro dal pubblico. Ottman sostiene che abbia già generato circa 60 milioni di visite, molte delle quali provenienti da utenti "interessati a forme di media alternative" uniti da un solo obiettivo: ottenere vera libertà su internet.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

55 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7718 Giugno 2015, 13:02 #1
Ma che vaccata.
Mo' stai a vedere che vado a postare le foto del gatto sul social di anonymous.
Eh certo, è tutto criptato. Solo che le chiavi le hanno un gruppo di hacker anarchici. Mooooolto sicuro.

Se vuoi stare UN PO' al riparo dal punto di vista privacy l'unica mossa sensata è non postare nulla. E non avere nessun account.
inkpapercafe18 Giugno 2015, 13:21 #2
"Remember. We. Are. Catnonymous"
AleLinuxBSD18 Giugno 2015, 13:26 #3
Chissà se questa alternativa riuscirà davvero ad ottenere uno spazio consistente senza essere disturbata dai soliti potenti di turno ...
GTKM18 Giugno 2015, 13:28 #4
Originariamente inviato da: demon77
Ma che vaccata.
Mo' stai a vedere che vado a postare le foto del gatto sul social di anonymous.
Eh certo, è tutto criptato. Solo che le chiavi le hanno un gruppo di hacker anarchici. Mooooolto sicuro.

Se vuoi stare UN PO' al riparo dal punto di vista privacy l'unica mossa sensata è non postare nulla. E non avere nessun account.


Non credo siano anarchici. O meglio, troppe persone ignorano quale sarebbe, in teoria, il vero sistema anarchico.

Detto ciò, il sistema più "sicuro" possibile è quello criptato ma, anche, totalmente decentralizzato. Nel momento in cui c'è qualcuno che ha in mano le chiavi d'accesso "globali", allora c'è sempre un rischio.

Che poi, c'è davvero la necessità di un social network del genere? Facebook può essere usato con account fake (oddio, se segnalati vengono chiusi, ma è raro), il gruppetto di amici può usarlo come strumento per restare in contatto, senza che in America sappiano nomi, cognomi, e tutto il resto.
LMCH18 Giugno 2015, 13:30 #5
Originariamente inviato da: AleLinuxBSD
Chissà se questa alternativa riuscirà davvero ad ottenere uno spazio consistente senza essere disturbata dai soliti potenti di turno ...


A parte che sarei curioso di sapere come finanziano la cosa (pubblicità non mirata? sottoscrizioni?).

Un social network del genere diventerebbe un bersaglio primario per tutte le agenzie di intelligence (visto che gli utenti o sono paranoici della privacy o hanno qualcosa da condividere di maggior "valore" rispetto a quello che potrebbe essere tranquillamente pubblicato su FB o servizi simili).
761-17618 Giugno 2015, 14:24 #6
Originariamente inviato da: GTKM
Facebook può essere usato con account fake (oddio, se segnalati vengono chiusi, ma è raro)


Io lo uso non col mio cognome e una volta FB mi chiese un documento. Mandato jpg in bianco e hanno sbloccato
lobotom17318 Giugno 2015, 15:08 #7
Originariamente inviato da: demon77
Se vuoi stare UN PO' al riparo dal punto di vista privacy l'unica mossa sensata è non postare nulla. E non avere nessun account.


Cosa vogliamo aggiungere ?

E' grottesco sputtanare tutta la propria vita su un social e lamentarsi che gli altri siano a conoscenza dei cazzi tuoi.

Se non vuoi contribuire volontariamente alla perpetrata violazione della privacy tua, dei tuoi famigliari e dei tuoi amici puoi anche smettere, sempre volontariamente, di farlo.

L' unico inghippo per ora è Whatsapp, pagato una fortuna, che permette a Mr. Zuck di allungare i tentagli anche a chi su FB non ci metterebbe mai piede, ma alternative anche qui ce ne sono, basta volerle usare.
PHØΞИIX18 Giugno 2015, 15:38 #8
Originariamente inviato da: demon77
Ma che vaccata.
Mo' stai a vedere che vado a postare le foto del gatto sul social di anonymous.
Eh certo, è tutto criptato. Solo che le chiavi le hanno un gruppo di hacker anarchici. Mooooolto sicuro.

Se vuoi stare UN PO' al riparo dal punto di vista privacy l'unica mossa sensata è non postare nulla. E non avere nessun account.


Mamma mia che drastico e complottista!

La tua ultima frase la intendo come "se non vuoi essere derubato, l'unica mossa sensata è chiuderti in casa e non avere contatti con l'esterno".

E poi scusa io su Facebook mica pubblico il mio conto corrente o la mia busta paga.. Se Zuckerberg volesse rubarmi qualcosa tramite Facebook penso che non andrebbe oltre alla mia mail, data di nascita e le foto della mia vacanza al mare (che ho deciso VOLONTARIAMENTE di condividere).. Sai che roba!!
xPROMETEOx18 Giugno 2015, 15:59 #9
Avete proprio i paraocchi, solo a pensare ai coglioni che ognuno ha su fb e che postano anche il colore della pipí, ma fate uno sforzicino e pensate oltre i confini di questa nazione provinciale che siamo, pensate a regimi paradittatoriali pensate a paesi in cui la libertá di stampa non é totale e libera ecc. E' a queste persone che pensa questo progetto non certo ai vostri 4 contatti sfigati di fb....
bobafetthotmail18 Giugno 2015, 17:31 #10
Originariamente inviato da: xPROMETEOx
Avete proprio i paraocchi, solo a pensare ai coglioni che ognuno ha su fb e che postano anche il colore della pipí, ma fate uno sforzicino e pensate oltre i confini di questa nazione provinciale che siamo, pensate a regimi paradittatoriali pensate a paesi in cui la libertá di stampa non é totale e libera ecc. E' a queste persone che pensa questo progetto non certo ai vostri 4 contatti sfigati di fb....
Se ci si connette ad un sito criptato non usando una connessione sicura... è tempo perso.

Devono sviluppare un client particolare che usa il protocollo Tor o simili.

A parte che sarei curioso di sapere come finanziano la cosa (pubblicità non mirata? sottoscrizioni?).
Sono hacker. la finanzieranno coi proventi delle varie azioni illegali che compiono dietro compenso.

Le sottoscrizioni sono comunque un ottimo sistema. Riduci a 0 i barboni, ambiente pulito.
E parlo di cifre normalissime come 3-4 euro al mese.
E poi scusa io su Facebook mica pubblico il mio conto corrente o la mia busta paga.. Se Zuckerberg volesse rubarmi qualcosa tramite Facebook penso che non andrebbe oltre alla mia mail, data di nascita e le foto della mia vacanza al mare (che ho deciso VOLONTARIAMENTE di condividere).. Sai che roba!!
Facebook serve a tracciare i tuoi spostamenti sul web. Tutti i siti con integrazione a facebook ("mi piace" e con i tracker di facebook e che ti permettono di loggarti con le credenziali di facebook raccolgono dati non tanto anonimi sui tuoi spostamenti nel web.

Poi li anonimizzeranno, ma è comunque quello il problema di privacy.

Secondo te che valore hanno le cagate che certa gente scrive e posta su fb?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^