Anonymous annuncia le prime vittime della guerra contro l'ISIS

Anonymous annuncia le prime vittime della guerra contro l'ISIS

Il collettivo di hacker annuncia le prime vittorie sul campo digitale. Anonymous ha raccolto una prima lista di siti e account sensibili collegati all'ISIS, e ha fatto sospendere centinaia di account di presunti terroristi

di Nino Grasso pubblicata il , alle 11:31 nel canale Web
 

Anonymous ha annunciato le prime vittime della sua crociata anti-ISIS contro il terrorismo islamico. Il collettivo di hacker è sceso nuovamente in campo in seguito agli attentati di Parigi del 13 novembre e, dopo pochi giorni dalla dichiarazione di cyberguerra, ha rivelato di aver raccolto e divulgato dati sensibili di centinaia di account online collegati ad esponenti dell'organizzazione terroristica, sfruttando le proprie armi digitali.

Il team di hacker fa sapere inoltre di aver già raccolto una lista di siti sensibili appartenenti allo Stato Islamico su cui ha cercato o cercherà di effettuare il take over. Le operazioni di boicottaggio dei portali web dell'organizzazione è già cominciata, con Anonymous che annuncia le prime vittorie sul campo, un campo che è del tutto digitale. In pochi giorni Anonymous ha riportato anche altre vittorie, soprattutto sui social media.

Dopo pochi giorni il gruppo ha già riportato varie vittorie, soprattutto sui social media

Il collettivo è riuscito ad esempio ad ottenere informazioni personali di membri sospettati di appartenere al gruppo terroristico, fra cui una serie di nomi e cognomi scoperti all'interno dei portali di jihadisti. Forte dell'anonimato dei suoi membri, Anonymous ha pubblicato una prima lista e rivelato i nomi dei presunti terroristi minacciando l'intera organizzazione con un messaggio diretto: "ISIS stiamo venendo a prendervi".

In aggiunta, secondo la testata britannica Metro.co.uk, Anonymous è riuscito a identificare 900 account Twitter legati ad esponenti dello Stato Islamico, account che adesso sono stati sospesi dal servizio. Anonymous aveva già eliminato alcuni account social media e siti del web collegati all'ISIS a partire dallo scorso gennaio, quando la rivista satirica Charlie Hebdo era stata attaccata da terroristi dell'organizzazione.

Dopo quell'evento Anonymous aveva dichiarato di aver fatto fuori 800 account Twitter e 50 indirizzi email legati a membri dell'ISIS. Il team Anonymous non è comunque infallibile, e anche in passato ha commesso alcuni errori nel riconoscimento di membri dell'ISIS o di Al Qaeda, identificando persone comuni come terroristi. In altre parole, non è possibile effettuare la caccia delle persone presenti nelle liste rilasciate basandosi esclusivamente sulle informazioni rilasciate da Anonymous.

Non è possibile effettuare una caccia alle streghe basandosi esclusivamente sulle informazioni rilasciate dal collettivo

Anonymous opera quasi esclusivamente online e il suo attivismo è praticato attraverso operazioni di hacking o DDoS. Martedì abbiamo pubblicato una lista delle armi digitali di cui il gruppo potrebbe fare uso o ha fatto uso in passato, ma è chiaro che la battaglia al terrorismo non può essere vinta senza ulteriori indagini da parte delle autorità preposte.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

48 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Syk18 Novembre 2015, 12:00 #1
ti riducono parigi in una città da guerra e gli chiudi gli account twitter
gd350turbo18 Novembre 2015, 12:05 #2
E' un inzio...
Loro danno il loro contributo con le armi a loro disposizione, se ognuno lo facesse, isis avrebbe i minuti contati !
randorama18 Novembre 2015, 12:11 #3
"isis stiamo venendo a prendervi".

mamma mia che paura che devono avere....
bio.hazard18 Novembre 2015, 12:14 #4
Originariamente inviato da: gd350turbo
E' un inzio...
Loro danno il loro contributo con le armi a loro disposizione, se ognuno lo facesse, isis avrebbe i minuti contati !


insomma, l'ISIS dovrebbe avere paura di quattro bambocci nascosti dietro uno schermo, nel buio delle loro camerette (con mammina che stira le camicie e cuoce la pasta nella stanza accanto)?
ROTFL!
gd350turbo18 Novembre 2015, 12:21 #5
Eppure mi sembrava di avere scritto in Italiano corretto !
Nelson Muntz18 Novembre 2015, 12:25 #6
Originariamente inviato da: gd350turbo
...se ognuno lo facesse, isis avrebbe i minuti contati !


"Hai la mia ascia!" (cit.)


bobby1018 Novembre 2015, 12:35 #7
Originariamente inviato da: bio.hazard
insomma, l'ISIS dovrebbe avere paura di quattro bambocci nascosti dietro uno schermo, nel buio delle loro camerette (con mammina che stira le camicie e cuoce la pasta nella stanza accanto)?
ROTFL!


Mi sa di si. Sottovaluti il contributo che danno alle autorità che comunque penso già sapranno il fatto loro
Korn18 Novembre 2015, 12:47 #8
sarcasmo inutile, visto che sti beoti dell'isis si coordinano anche via web, è però da vedere se questi attacchi interferiscano con le normali operazioni delle polizie postali
[?]18 Novembre 2015, 12:48 #9
Ma perchè non collegate il cervello prima di scrivere?
Nel 2015 la rete è basilare per qualsiasi cosa, anche per i terroristi e che "dei bambocci" stiano facendo di tutto per rendergli il lavoro complicato c'è solo da elogiare, quello che POSSONO fare lo fanno... sicuramente di piu' che mettere l'immagine di Facebook con la bandiera della Francia.
ultordeux18 Novembre 2015, 12:52 #10
cancellateli dal web

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^