Amazon, nel 2018 più di 2 mila nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato in Italia

Amazon, nel 2018 più di 2 mila nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato in Italia

Il colosso dell'e-commerce ha annunciato di aver creato, solo nel 2018, oltre 2 mila nuovi posti di lavoro a tempo indeterminato nel nostro paese

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Web
Amazon
 

"Siamo orgogliosi di aver accolto quest’anno più di 2.000 nuovi Amazoniani all’interno dei nostri team in tutto il Paese", ha dichiarato Mariangela Marseglia, Country Manager di Amazon.it. "È ancora il day one per Amazon in Italia e continueremo a lavorare sodo per offrire il miglior supporto possibile ai clienti e per aiutare i produttori e gli imprenditori locali a continuare ad avere successo in Italia e nel mondo".

Alla fine dell'anno la compagnia intende quantificare l'operato svolto nel Belpaese, rilasciando i numeri dell'impegno profuso: stando ai nuovi dati Amazon ha creato nel 2018 più di 2 mila posti di lavoro a tempo indeterminato, siglando una crescita superiore al 50% rispetto alla fine del 2017. La compagnia aveva previsto 1.700 nuove assunzioni negli ultimi dodici mesi, ma evidentemente le stime sono state superate con un buon margine.

Ad oggi Amazon conta 5.500 dipendenti a tempo indeterminato in tutta Italia, offrendo opportunità lavorative diversificate per impiegati con ogni tipo di esperienza: ingegneri, sviluppatori e posizioni di livello base. I nuovi assunti sono dislocati in diverse aree del Paese, fra Milano, Passo Corese, Vercelli, Castel San Giovanni e Cagliari, dove sono posizionate le strutture principali del colosso in Italia. Amazon promette "una retribuzione competitiva e molti benefit", ed anche "programmi innovativi come Career Choice e programmi d'avanguardia di congedo parentale".

Amazon annuncia inoltre di aver investito oltre 1,6 miliardi di euro nelle attività italiane sin dal lancio avvenuto nel 2010, e la metà della cifra è stata stanziata solo nell'ultimo anno. C'è da dire che nei mesi precedenti agli annunci certamente positivi della compagnia sono trapelate diverse insoddisfazioni da parte dei lavoratori Amazon nel mondo e in Italia: la più grave nello Stivale è quella che ha causato lo sciopero durante il Black Friday 2017 in cui i dipendenti richiedevano un migliore trattamento economico a fronte di turni di lavoro impegnativi.

La compagnia fa inoltre notare il supporto offerto a lavoratori, imprenditori e individui di terze parti che vogliono sfruttare la piattaforma per avviare nuove attività o digitalizzarne una esistente. Attraverso servizi come Vendi su Amazon e Logistica di Amazon il colosso americano ha garantito a terzi la creazione di 10 mila posti di lavoro a tempo pieno, promuovendo anche le vetrine Handmade e il negozio Made in Italy, dove vengono supportati i prodotti delle realtà locali.

Per quanto riguarda i nuovi stabilimenti della società, ricordiamo che Amazon ha aperto due centri di distribuzione nel 2017, a Passo Corese e Vercelli, e cinque depositi di smistamento in tutta Italia. Nel 2018 invece sono stati aperti sei nuovi depositi e un centro di smistamento a Casirate: qui verranno creati "400 nuovi posti di lavoro nei prossimi tre anni", secondo quanto reso noto da Fred Pattje di Amazon. Amazon Web Services inoltre aprirà una nuova regione in Italia, che "consentirà ai clienti italiani di gestire le applicazione e archiviare dati in Italia offrendo una latenza più bassa".

Amazon è stata indicata da Universum come uno dei datori di lavoro più attrattivi in Italia, ottenendo il 4° posto tra tutte le aziende operative in Italia per quanto riguarda gli studenti del settore business, e il 7° posto per gli studenti di ingegneria.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cata8113 Dicembre 2018, 11:06 #1
Almeno non assumono in nero
Gyammy8513 Dicembre 2018, 11:22 #2
Originariamente inviato da: cata81
Almeno non assumono in nero


La filosofia del "meglio di niente" in Italia negli ultimi 10 anni ha creato più danni delle bombe atomiche

Ben vengano le assunzioni ovviamente
alexbilly13 Dicembre 2018, 11:37 #3
E ci credo che assumono, devono riempire i vuoti a causa dell'ora d'aria che hanno dovuto concedere ai carc... dipendenti
sk0rpi0n13 Dicembre 2018, 11:40 #4
E via, continuiamo a creare eserciti di schiavi...
Rigetto13 Dicembre 2018, 11:41 #5
2000 nuovi ergastoli, bene così!
luca9513 Dicembre 2018, 11:59 #6
Io ci ho lavorato tre mesi ma non come operaio che in effetti non sono esseri umani ma impacchettatrici automatiche e nonostante questo appena trovato altro me se sono andato
fraussantin13 Dicembre 2018, 12:03 #7
Originariamente inviato da: Gyammy85
La filosofia del "meglio di niente" in Italia negli ultimi 10 anni ha creato più danni delle bombe atomiche

Ben vengano le assunzioni ovviamente


Quoto!
san80d13 Dicembre 2018, 12:19 #8
carcerati, schiavi, ergastolo ... parole buttate li tanto per
fraussantin13 Dicembre 2018, 12:23 #9
Originariamente inviato da: san80d
carcerati, schiavi, ergastolo ... parole buttate li tanto per


Beh una cosa te la posso dire , con le loro politiche di selezione e condizione di lavoro son pieni di raccattati svogliati.

Da amazon logistic passa certa gente che neppure le cooperstive sociali della raccolta differenziata hanno.
pabloski13 Dicembre 2018, 12:40 #10
Originariamente inviato da: alexbilly
E ci credo che assumono, devono riempire i vuoti a causa dell'ora d'aria che hanno dovuto concedere ai carc... dipendenti


Credimi c'e' di peggio. Cosa? Una pizzeria ONLUS che impiega carcerati veri, li paga 3 soldi, si fa pagare le pizze a prezzo pieno e non fa nemmeno lo scontrino ai clienti

Roba da mandarli in galera. Questi sono gli "antimafia" italiani e le "ONLUS buoniste". C'e' tanta cacca tra le ONLUS, ma davvero tanta e comincia a puzzare parecchio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^