Amazon annuncia l'apertura del quarto centro di distribuzione in Italia

Amazon annuncia l'apertura del quarto centro di distribuzione in Italia

Forte della sua dominazione nel settore dell'e-commerce Amazon ha annunciato l'apertura di un nuovo centro di distribuzione in Italia, che avverrà nell'autunno del 2018

di Nino Grasso pubblicata il , alle 19:21 nel canale Web
Amazon
 

Il nuovo centro di distribuzione di Amazon verrà aperto a Torrazza Piemonte e sarà distante circa 25 chilometri da Torino. La compagnia investirà 150 milioni nello stabilimento, offrendo 1.200 posti di lavoro entro tre anni dall'apertura. La superficie della struttura sarà di 60 mila metri quadri e, insieme al centro aperto di recente a Vercelli, rafforzerà la rete di distribuzione di Amazon nell'intera area nord occidentale dell'Italia, supportando le vendite di piccole e medie imprese.

La decisione di aprire un nuovo centro di distribuzione nel Nord Italia, il quarto dello Stivale, è dovuta alla crescente domanda da parte dei clienti. Il centro di Torrazza Piemonte verrà lanciato nell'autunno del 2018 e seguirà a distanza di un anno le aperture dei siti di Passo Corese e Vercelli, che sono operativi da settembre 2017. I dipendenti saranno assunti a tempo indeterminato e avranno la possibilità di sfruttare il programma Career Choice rivolto agli operatori di magazzino.

Questi riceveranno una copertura di un massimo di 8.000 euro per iscriversi a corsi di studio per un periodo che va da un minimo di un anno ad un massimo di quattro. Il sito, inoltre, utilizzerà la tecnologia Amazon Robotics con cui diversi robot si muoveranno sotto le scaffalature per spostare i prodotti fino alle postazioni di lavoro dei dipendenti. Lo stabilimento dovrebbe inoltre aiutare anche nelle consegne in parte dell'Europa, e non solo in Italia.

"Il nuovo centro di distribuzione di Torrazza rappresenta una prova tangibile dell’impegno di Amazon nei confronti del Paese, dei nostri clienti e dei venditori terzi che impiegano il nostro marketplace per sviluppare le loro attività in tutta Europa", ha dichiarato Fred Pattje per la compagnia. "Siamo felici di creare 1.200 nuovi posti di lavoro a Torrazza, offrendo stipendi competitivi, benefit molto interessanti, un ambiente di lavoro ottimale e varie opportunità di sviluppo professionale nella nostra azienda dalla rapida crescita globale".

Dall'arrivo in Italia avvenuto nel 2010 Amazon ha investito oltre 800 milioni di euro e creato più di 3 mila posti di lavoro. Il primo sito logistico è stato aperto a Castel San Giovanni nel 2011, mentre nel 2015 è arrivato il centro di distribuzione a Milano da 1.500 metri quadri per il servizio Prime Now. Lo scorso settembre, invece, sono stati aperti i centri di Passo Corese e Vercelli con investimenti pari a 150 milioni e 65 milioni di euro, creando un totale di 1.800 posti di lavoro.

La società ha poi aperto diversi centri di smistamento e ha annunciato l'apertura a Torino di un centro di sviluppo per la ricerca sul riconoscimento vocale e la comprensione del linguaggio naturale che supporterà la tecnologia già utilizzata per l'assistente vocale Alexa, che al momento è disponibile solamente in lingua inglese.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Growan10 Gennaio 2018, 19:29 #1
Ottimo direi
Mursey10 Gennaio 2018, 19:50 #2
Abbiamo avuto le vacanze natalizie segnate dallo sciopero dei dipendenti Amazon, ma si apre un nuovo centro.
Devo informarmi su come è la situazione...
Forum Rift10 Gennaio 2018, 21:01 #3
..... Una merda...
JACK8310 Gennaio 2018, 22:35 #4
Bho... In tanti vorrebbero lavorarci, conosco gente che ci lavora e vorrebbero suicidarsi...
Forum Rift10 Gennaio 2018, 23:30 #5
Originariamente inviato da: JACK83
Bho... In tanti vorrebbero lavorarci, conosco gente che ci lavora e vorrebbero suicidarsi...


soprusi, soprusi ovunque
JACK8310 Gennaio 2018, 23:40 #6
Originariamente inviato da: Forum Rift
soprusi, soprusi ovunque


Bhe per 200€ in più al mese non vale la pena rimetterci la salute.. se poi uno deve scegliere tra quello e restare a casa il discorso è diverso
marchigiano11 Gennaio 2018, 00:16 #7
in germania fanno catene di montaggio rallentate per gente anziana prossima alla pensione, a paga ridotta ovviamente

potrebbero fare la stessa cosa nei magazzini amazon...

https://www.youtube.com/watch?v=ddpYaK_FS_I
Therinai11 Gennaio 2018, 01:28 #8
Originariamente inviato da: Mursey
Abbiamo avuto le vacanze natalizie segnate dallo sciopero dei dipendenti Amazon, ma si apre un nuovo centro.
Devo informarmi su come è la situazione...


La situazione è che l'italiano medio ha il vizio innato di sputare nel piatto in cui mangia. Ho lavorato in 4 aziende diverse negli ultimi 10 anni e in ogni caso c'era qualcuno che quotidianamente mi spiegava quanto faceva schifo l'azienda, che non vedeva l'ora di andarsene e bla bla bla. Qualche anno in un cantiere edile a questa gente farebbe un gran bene.
GTKM11 Gennaio 2018, 08:03 #9
Originariamente inviato da: Therinai
La situazione è che l'italiano medio ha il vizio innato di sputare nel piatto in cui mangia. Ho lavorato in 4 aziende diverse negli ultimi 10 anni e in ogni caso c'era qualcuno che quotidianamente mi spiegava quanto faceva schifo l'azienda, che non vedeva l'ora di andarsene e bla bla bla. Qualche anno in un cantiere edile a questa gente farebbe un gran bene.


In un cantiere edile se la passano meglio rispetto ai magazzini di Amazon.
Ork11 Gennaio 2018, 08:09 #10
ma avete tutti lavorato nella distribuzione di amazon per essere così certi di quel che dite? oppure è la solita storia di chi la spara più grossa?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^