Alphabet svela il giro d'affari di YouTube: 15 miliardi di dollari nel 2019

Alphabet svela il giro d'affari di YouTube: 15 miliardi di dollari nel 2019

Il colosso di Mountain View presenta i risultati trimestrali e annuali del 2019 e per la prima volta approfondisce alcuni numeri delle divisioni YouTube e Google Cloud

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Web
AlphabetGoogleYouTube
 

Alphabet ha annunciato nel corso della serata di ieri i risultati finanziari del quarto trimestre fiscale 2019 che rappresentano tra l'altro il primo resconto trimestrale da quando Sundar Pichai è diventato CEO di Alphabet accanto alla stessa posizione che già ricopre in Google. Nel periodo in esame Alphabet ha raccolto un fatturato di 46,07 miliardi di dollari con un utile per azione di 15,35 dollari: il fatturato è riusltato al di sotto delle stime degli analisti, che avevano regolato l'asticella a 46,94 miliardi di dollari, mentre gli utili sono stati ben al di sopra: il consensus di Wall Street si era infatti raccolto attorno ai 12,53 dollari di utile per azione.

"I nostri investimenti nel deep computing, nell'intelligenza artificiale, nell'ambient computing e nel cloud computing hanno offerto una solida base per una prosecuzione della crescita e nuove opportunità all'interno di Alphabet" ha commentato Pichai.

La presentazione dei risultati trimestrali è di particolare importanza questa volta perché Alphabet ha finalmente deciso di dichiarare pubblicamente anche i numeri di due comparti chiave del proprio giro d'affari: YouTube e Google Cloud. La piattaforma video ha generato 15 miliardi di dollari di fatturato pubblicitario nel 2019, in crescita del 36% rispetto agli 11 miliardi di dollari raccolti nel 2018, mentre Google Cloud genera un fatturato di 8,9 miliardi di dollari, in crescita del 53% rispetto ai 5,8 miliardi del 2018.

Durante la presentazione dei risultati Pichai ha inoltre approfondito alcuni altri aspetti di YouTube, portando alla luce alcuni numeri che il pubblico di investitori e analisti attendeva da tempo. Il CEO di Alphabet ha rivelato che YouTube Music e Premium contano ora un totale di 20 milioni di abbonati paganti, mentre il servizio YouTube TV conta negli USA 2 milioni di abbonati. "Se si osserva il fatto che le persone consumano molti beni e servizi come parte della loro esperienza in YouTube, allora anche creare migliori esperienze commerciali rappresenta una grande opportunità per noi" ha commentato Pichai. Ricordiamo che nel complesso YouTube accoglie circa 2 miliardi di visitatori al mese.

Infine, pur non fornendo numeri dettagliati, Alphabet ha citato una flessione nel giro d'affari dei dispositivi consumer. Il Chief Financial Officer Ruth Porat ha infatti citato "fatturato hardware in declino" riferendosi ai dispositivi a marchio Google che comprendono i telefoni Pixel, gli smart speaker Nest Mini e i router Google WiFi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
filippo198004 Febbraio 2020, 14:45 #1
Mi stupiscono i numeri di Google Cloud (pensavo ricavassero di più rispetto a YouTube) e i prodotti hardware anche se non si capisce se sono, ad esempio, tutti i prodotti della smarthome ad andare giù o, come scritto nell'articolo, SOLO il Nest mini ... in entrambi i casi mi stupisce questo risultato se penso a quanto vende in questo campo, invece, Amazon!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^