Addio a Norman Abramson, pioniere delle reti wireless

Addio a Norman Abramson, pioniere delle reti wireless

A cavallo tra gli anni '60 e '70 sono state gettate le basi per la realizzazione delle reti a trasmissione radio: Norman Abramson è una delle menti dietro a quell'innovazione tecnologica importantissima per la società moderna

di pubblicata il , alle 19:21 nel canale Web
 

Magari a molti è un nome che suonerà nuovo, ma se oggi possiamo connettere i nostri dispositivi a Internet - e più in generale, ad una rete - senza l'impiccio di cavi e cavetti, lo dobbiamo a Norman Abramson. A pieno titolo uno dei pionieri delle reti wireless, ha coordinato un team di docenti e studenti che a cavallo tra gli anni '60 e '70 ha creato ALOHAnet, una delle prime reti wireless che per alcuni aspetti rappresenta ancora oggi un punto di partenza nella creazione di reti senza cavi. Norman Abramson si è spento all'età di 88 anni, a seguito delle complicanze di un tumore alla pelle.

Norman Abramson, pioniere delle reti wireless

Abramson è stato ingegnere e studioso di teoria della comunicazione, una disciplina che fonde matematica, teoria dell'informazione e semiotica, laureandosi ad Harvard e conseguendo poi un master alla UCLA e un dottorato di ricerca a Stanford.

Appassionato di surf, Abramson si è trasferito alle Hawaii nel 1966 assumendo un posto di docente presso il College of Engineering dell'Università di Hawai'i (UH) Mānoa e diventando poi presidente del dipartimento di informatica e scienze informatiche. Proprio il suo amore per le Hawaii ha contribuito a battezzare il progetto cardine di Abramson: ALOHAnet.


Norman Abramson - Fonte: UH

Assieme ad Abramson al progetto ha collaborato il collega Franklin Kuo: l'obiettivo dei due era realizzare un sistema che connettesse la UH ad altri atenei dislocati nelle varie isole dell'arcipelago per la condivisione delle attività di ricerca, esattamente come le motivazioni che hanno spinto alla creazione di ARPAnet, l'antenata di Internet. La ncessità, trattandosi di isole in mezzo all'oceoano, era quello di effettuare tutto via radio. Abramson e Kuo sono poi stati affiancati da Shu Lin, Wesley Peterson ed Edward Weldon.

ALHOAnet: agli albori delle reti wireless

La prima versione di ALOHAnet era basata sull'impiego di due frequenze distinte in una macchina "hub" che aveva il compito di trasmettere pacchetti su un canale in uscita e di ricevere i pacchetti trasmessi dai client su un canale in entrata. Laddove i pacchetti sono ricevuti correttamente dall'hub, un piccolo pacchetto di conferma viene inviato al client: qualora il client non lo dovesse ricevere dopo uno specifico tempo di attesa, si occuperà di ritrasmettere il pacchetto per il quale non ha ricevuto conferma. Il sistema aveva lo scopo di rilevare e correggere le "collisioni" di pacchetti inviati da due client nello stesso momento. Si è trattato di un approccio che ha permesso di ridurre concretamente la complessità del protocollo di trasmissione, rispetto a quellli che prevedevano procedure di negoziazione su chi avesse la precedenza di trasmissione.

I principi di funzionamento di ALOHAnet hanno successivamente rappresentato degli importanti mattoncini nello sviluppo delle reti Ethernet prima, WiFi dopo e anche nella realizzazione del protocollo GSM.

"Vi sono pochissime persone ad aver avuto un impatto talmente significativo come Norm sul modo in cui l'intero pianeta comunica e condivide oggi informazioni. Norm ha collegato le isole delle Hawai l'una all'altra e al mondo, lasciando alla UH un'eredità tramite le sue idee e i suoi studenti": con queste parole David Lassner, presidente dell'UH, ha voluto ricordare Abramson.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
cdimauro15 Dicembre 2020, 06:20 #1
RIP. Un altro grande pioniere che se ne va...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^