AdBlock Plus: Google, Microsoft e Amazon pagano per aggirare il blocco dei banner

AdBlock Plus: Google, Microsoft e Amazon pagano per aggirare il blocco dei banner

Alcune fra le più grandi multinazionali avrebbero ottenuto un trattamento di favore da Eyeo, per entrare in una sorta di whitelist ed ottenere la non oscurazione dei propri banner

di pubblicata il , alle 17:31 nel canale Web
GoogleMicrosoftAmazon
 

Si tratta di una notizia in circolazione da tempo, a cui il Financial Times ha dato una nuova conferma. I più grandi colossi del mercato informatico avrebbero ottenuto favoreggiamenti da parte di Eyeo in cambio di diverse somme di denaro all'interno del noto servizio AdBlock Plus. Fra i nomi citati troviamo Google, Microsoft, Amazon e Taboola, le cui piattaforme pubblicitare avrebbero continuato a mostrare i banner anche agli utenti che utilizzavano l'estensione sul proprio browser grazie ad accordi commerciali portati a termine con Eyeo.

AdBlock Plus è un'estensione per Chrome e Firefox che ha il compito di bloccare la visualizzazione dei banner pubblicitari. È stata scaricata 300 milioni di volte e, a giudicare dalle rappresaglie dei big del settore informatico, potrebbe essere in grado di mettere al tappeto il giro di affari pubblicitario di queste società. Il servizio offre a blog e piccoli siti di entrare in una white-list gratuita permettendo la visualizzazione di banner al loro interno, tuttavia lo stesso trattamento potrebbe essere riservato anche ai grossi colossi, ma solo a pagamento secondo le novità riportate dal FT.

Stando al report della pubblicazione statunitense, infatti, le società che abbiamo menzionato poco sopra avrebbero pagato Eyeo, lo sviluppatore alla base dell'estensione, per essere aggiunti alla whitelist ufficiale che permetterebbe di aggirare le restrizioni del plug-in.

Eyeo aveva già parlato di una whitelist in passato, che avrebbe permesso opzionalmente la visualizzazione dei banner che rientravano in determinati criteri, fra cui venivano selezionati quelli meno aggressivi e pesanti sul piano estetico. Si tratta di un'opzione offerta agli utenti per incoraggiare l'uso di banner poco carichi da parte di quei siti che non hanno altre fonti di introiti.

"In questo modo sostenete i siti web che si basano sulla pubblicità, ma che al tempo stesso scelgono di farlo in maniera non invasiva", si legge sul sito ufficiale del plug-in. Una funzionalità a cui i big del settore possono partecipare solo a pagamento, anche se la società tedesca non ha mai pubblicato il prezzo richiesto. Il FT sostiene che Eyeo chieda il 30% dei ricavati di tutti quei banner che altrimenti non sarebbero visualizzati con l'uso del plug-in.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cfranco03 Febbraio 2015, 17:47 #1
E' proprio vero che non ci si può fidare di nessuno
Gnaffer03 Febbraio 2015, 18:03 #2
News riciclata l'avete già scritta svariato tempo fa

Comunque manca youporn e affini nella lista
FunnyDwarf03 Febbraio 2015, 18:08 #3
Non ci vedo niente di male, anche perché ad oggi la whitelist è opzionale: se non si vogliono visualizzare quegli ads si puo' deselezionare la casella "permetti pubblicità non inopportune".

la lista è questa qui:https://easylist-downloads.adblockplus.org/exceptionrules.txt
Gnaffer03 Febbraio 2015, 18:15 #4
Originariamente inviato da: FunnyDwarf

Strano youporn e affini non ci sono... eppura la pubblicità c'è comunque
Avatar003 Febbraio 2015, 18:25 #5
Intanto sono 2 settimane buone che lascia passare parecchia roba che prima riusciva a bloccare. Direi che è arrivato il momento di tornare ad adblock
FunnyDwarf03 Febbraio 2015, 18:32 #6
Originariamente inviato da: Gnaffer
Strano youporn e affini non ci sono... eppura la pubblicità c'è comunque


un mio amico mi ha detto che se usi l'incognito mode devi attivare l'adblocker per tale modalità dal menu estensioni. Lui di pubblicità non ne vede
Gnaffer03 Febbraio 2015, 18:48 #7
Ma quale incognito mode... io utilizzo direttamente un altro browser! e poi il mio utente del pc è protetto da password... vabbè non credo che certi dettagli siano d'interesse pubblico.. resta il fatto che io con adblock plus la pubblicità la vedo comunque.. ma non sempre ora che ci penso
SiMcarD03 Febbraio 2015, 19:33 #8
Io uso uBlock e li frego
djfix1303 Febbraio 2015, 20:06 #9
io personalizzo la blacklist e quindi a me non mi fregano mai.
c'è un banner o un container che mi rompe? lo seleziono e lo blocco.
tidusuper9103 Febbraio 2015, 20:42 #10
Io credo che il principio per cui nasce AdBlock è che, principalmente, le pubblicità fossero invadenti.

Se i pubblicitari rivedono i loro format in modo che non mi si sovrappongano banner sui textbox e le pubblicità non siano invadenti non vedo perchè non debbano esserci.

Molte testate online e blog campano con gli ads (io mi ci pagavo l'hosting! Mica male...)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^