A Fidenza i droni mappano amianto e inefficienze termiche

A Fidenza i droni mappano amianto e inefficienze termiche

Un progetto della durata di tre anni prevede l'impiego di droni volanti per mappare la presenza di amianto sulle superfici dei tetti e le dispersioni di energia, così da costruire un database sul quale costruire i futuri interventi di riqualificazione

di pubblicata il , alle 10:01 nel canale Web
 

I droni volanti stanno diventando pian piano un elemento sempre meno estraneo alla vita quotidiana: sebbene la maggior parte di essi venga ora realizzata e commercializzata prevalentemente per riprese video o fotografie aeree, sia per il mondo consumer sia per il mondo professionale, gli apparecchi comandabili da remoto vengono e verranno sempre più usati anche per attività dove l'intervento diretto dell'uomo non può essere preso in considerazione per motivi di sicurezza.

In quest'ottica è da leggere l'annuncio della città di Fidenza che ha deciso di dare il via ad un progetto sperimentale che prevede la mappatura dell'amianto presente nella superficie cittadina usando droni e fotografie aeree, potendo inoltre verificare le eventuali dissipazioni di energia dai tetti delle costruzioni. Questo progetto di raccolta dati permetterà alla città di disporre di una base solida sulla quale costruire i futuri interventi di riqualificazione urbana.

Il progetto sarà portato avanti, nel pratico, da AeroDron Srl, una giovane startup di Parma, che avrà il compito di integrare le rilevazioni condotte dai droni con le riprese acquisite dalla Compagnia Generale di Riprese Aeree (CGR). Il progetto, dal costo di circa 30 mila euro, avrà la durata di tre anni: durante il primo anno avverrà la mappatura delle superfici in amianto, durante il secondo anno si registrerà la dispersione termica nel corso dei mesi invernali, infine nel terzo anno si studierà l'isola di calore dei mesi estivi.

Giancarlo Castellani, assessore all'Ambiente del comune di Fidenza, ha commentato: "Tutti sappiamo che l'amianto contenuto nelle coperture in eternit è un elemento che è stato messo al bando nel 1992 per la sua natura cancerogena ma che ancora sopravvive sui tetti di fabbricati di diverso impiego, tanto civili che industriali. La fase 1 è quella dello studio e dell'analisi, attraverso la quale sapere dove e come intervenire. Con voli aerei andremo a rilevare dall'alto l'ubicazione di tutte le coperture dell'area urbana, inserendoci a pieno titolo nel progetto Asbesto-Zero".

Sulla base delle immagini multispettrali registrate da CGR, Aerodron procederà con le verifiche mediante i droni, così da poter presentare entro l'estate i dati sulla mappatura dell'amianto. I droni si occuperanno inoltre di acquisire informazioni spettrali all'infrarosso, realizzando migliaia di immagini digitali del territorio comunale che permetteranno di verificare per singoli edifici o interi quartieri le principali situazioni di inefficienza termica.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

42 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cloud7623 Aprile 2015, 10:18 #1
Sì ok... ma invece che andare a cercare l'amianto a casa della gente iniziamo magari a smantellare quello che ha messo in giro lo Stato italiano per tutta l'Italia che non si vede ma c'è ed è un filino più pericoloso. Oltre quello che magari tolgono da qualche parte e poi lo vanno a smaltire (per modo di dire) chissà dove o che ammonticchiano qua e là lasciandolo alle intemperie c'è anche quello delle condutture dell'acqua messe lì 50 anni fa che sono in cemento-amianto e tra il deterioramento dato dall'età e le rotture fatte per rattoppi vari non è che siano in condizioni molto "salutari".
http://www.beppegrillo.it/2015/02/p...to_titore_.html
Apix_102423 Aprile 2015, 10:18 #2
molto benissimo...
con tutti i modi che hanno per sapere veramente cosa succeda in certe zone siamo arrivati ai droni?
bhà....
the_joe23 Aprile 2015, 10:26 #3
Vabbè è solo un altro modo di sprecare denaro pubblico, per vedere le installazioni di amianto sui tetti basta e avanza google maps.....

Purtroppo le amministrazioni pubbliche stanno sempre a sprecare denaro (che poi sprecato non è visto che va a finire in tasche ben note a loro) per reinventare la ruota.
hrossi23 Aprile 2015, 10:39 #4
Cominciamo anche a mappare tutti gli abusi edilizi, già che ci siamo.

Hermes
the_joe23 Aprile 2015, 10:47 #5
Originariamente inviato da: hrossi
Cominciamo anche a mappare tutti gli abusi edilizi, già che ci siamo.

Hermes


In realtà dalle mie parti si sono mossi, proprio come dicevo sopra grazie a G.Maps
hrossi23 Aprile 2015, 10:48 #6
Meno male, ma purtroppo non è così nel resto dell'Italia.

Hermes
zappy23 Aprile 2015, 11:16 #7
Originariamente inviato da: the_joe
Vabbè è solo un altro modo di sprecare denaro pubblico, per vedere le installazioni di amianto sui tetti basta e avanza google maps.....

Purtroppo le amministrazioni pubbliche stanno sempre a sprecare denaro (che poi sprecato non è visto che va a finire in tasche ben note a loro) per reinventare la ruota.

le dispersioni termiche non ci sono su Gmaps...
e poi spesso da Gmaps non si capisce se è eternit o altro perchè riprese a quota troppo alta e/o risoluzione non sufficiente e/o non aggiornato.
zappy23 Aprile 2015, 11:19 #8
Originariamente inviato da: Cloud76
Sì ok... ma invece che andare a cercare l'amianto a casa della gente iniziamo magari a smantellare quello che ha messo in giro lo Stato italiano per tutta l'Italia che non si vede ma c'è ed è un filino più pericoloso.

non mi risulta che mangiare amianto sia noto per essere pericoloso. il problema è respirarlo.
Cloud7623 Aprile 2015, 11:30 #9
Originariamente inviato da: zappy
non mi risulta che mangiare amianto sia noto per essere pericoloso. il problema è respirarlo.


Mi sa che non hai né letto l'articolo né ascoltato il video...
dado197923 Aprile 2015, 11:52 #10
Quante stupidate che dite leggendovi... il populismo sta facendo più danni che benefici... credete tutti di sapere e naturalmente che tutti gli altri siano stupidi.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^