Semaforo verde dall'EU per l'acquisizione di Fitbit da parte di Google

Semaforo verde dall'EU per l'acquisizione di Fitbit da parte di Google

La Commissione Europea approva l'acquisizione di Fitbit da parte di Google, a condizione che i dati degli utenti Fitbit dell'Europa non vengano utilizzati per la pubblicità di Google

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Wearables
GoogleFitbit
 

Nel mese di novembre 2019 Google e Fitbit hanno sottoscritto un accordo per l'acquisto definitivo della seconda da parte della prima. L'operazione ha un controvalore di circa 2,1 miliardi di dollari: per ogni azione Fitbit Google pagherà 7,35 dollari in contanti. L'obiettivo di questa acquisizione è quello di espandere la presenza e gli investimenti di Google nel settore dei wearables e di tutto quello che ruota attorno al proprio sistema operativo Wear OS, con la possibilità che questo porti l'azienda americana anche a sviluppare propri prodotti hardware.

La Commissione Europea si è espressa ufficialmente in questi giorni dando il via libera al completamento dell'operazione, fissando però alcuni paletti operativi. Il primo, più rilevante, riguarda i dati degli utenti Fitbit che vivono nei paesi dell'Unione Europea: non potranno venir utilizzati in alcun modo da Google per elaborare pubblicità.

Fitbit_Sense_3QTR_Core_Lunar_White_ECG_Reading_720.jpg

Non solo: i dati raccolti da Fitbit e Google dovranno essere separati dal punto di vista tecnico, con l'obbligo di fornire ai clienti dell'Unione Europea una chiara scelta su quali dati legati alla propria salute fisica che siano raccolti dai dispositivi Fitbit vengano condivisi con altri servizi Google.

In ultima analisi l'obiettivo della Commissione Europea è che anche a seguito di questa acquisizione il mercato dei dispositivi wearables e di quelli del cosiddetto digital health rimanga aperto e competitivo, senza quindi la creazione di posizioni monopolistiche. In questo modo l'EU tutela tutela tanto i consumatori finali come le altre aziende impegnate in questo settore.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Marko_00118 Dicembre 2020, 09:19 #1
a credergli hanno messo un limite temporale di 10 anni
(estendibili di altri 10)
e una separazione dei dati degli EU da quelli del resto del mondo
nel quale, dei dati, ne faranno il solito uso.
e i dati saranno aperti a servizi della concorrenza
i soliti fiocchi di neve EU ci hanno creduto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^