Samsung Gear VR Innovator Edition, disponibile da oggi in USA a 200 dollari

Samsung Gear VR Innovator Edition, disponibile da oggi in USA a 200 dollari

Il visore a realtà aumentata realizzato da Samsung in collaborazione con Oculus sarà disponibile a partire da oggi negli Stati Uniti a fronte di una spesa di circa 200 dollari

di Davide Fasola pubblicata il , alle 15:11 nel canale Wearables
Samsung
 

Il Samsung Gear VR Innovator Edition, basato su piattaforma Oculus, è ora disponibile negli Stati Uniti. Se siete possessori di un Galaxy Note 4 potrete quindi mettere le vostre mani su uno dei primi esemplari del visore di Samsung in commercio. Il prezzo per questo tecnologicissimo gadget è di 200 dollari, oltre il prezzo dello smartphone sopra citato.

Samsung ha sviluppato Gear VR in collaborazione con Oculus e lo sta promuovendo nella speranza che i primi utilizzatori comincino a realizzare contenuti ad hoc. Utilizzando Galaxy Note 4, Gear VR Innovator Edition fornisce agli appassionati di realtà virtuale e ai creatori di contenuti uno strumento semplice, alla cui base troviamo sempre e comunque un apparecchio di utilizzo comune come uno smartphone.

Al lancio Gear VR Innovator Edition include alcuni videogiochi e contenuti sperimentali come HeroBound, un'avventura esplorativa, Anshar War, uno shooter multi player e theBlu, un viaggio virtuale in uno scenario marino. Saranno anche prsenti una serie di video 3D a 360° attraverso cui sarà possibile mettere alla prova le possibilità di Gear VR.Tra questi alcuni spezzoni del film show realizzato dal Cirque Du Soleil, Zarkana. Questi videogiochi e queste demo sono disponibili per il download dal momento del lancio attravero la piattaforma Oculus.

Gear VR Innovator Edition utilizza il display di Galaxy Note 4 per fornire all'utente la migliore esperienza a 360° grazie ai 5.7 pollici della diagonale e alla risoluzione QuadHD. Dotato di un touchpad per i controlli e alcuni tasti fisici come i controlli del volume e l'adattatore della messa a fuoco, Gear VR offre materiali di costruzioni leggeri e che i adattano al nostro viso per una esperienza d'utilizzo comoda e comfortevole.

Gear VR Innovator Edition è disponibile al prezzo di 199$ sullo store Samsung online Samsung.com e sul sito dell'operatore americano ATT.com. In aggiunta al bundle che include solo il visore abbiamo alcune combinazioni che permettono di acquistare in contemporanea un controller con 50$ extra e un set di auricolari bluetooth per ulteriori 80$.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7709 Dicembre 2014, 15:18 #1
Ottima cosa il fatto che si cominci a trovare in giro qualcosa per provare sta realtà virtuale... ma visto e considerato che qui parliamo di un visore di plastica con un paio di lentine del caxxo per la messa a fuoco mi pare che ci stiano LIEVISSIMAMENTE marciando.

E' già una rapina chiedere 50 euro.
*sasha ITALIA*09 Dicembre 2014, 15:33 #2
Originariamente inviato da: demon77
Ottima cosa il fatto che si cominci a trovare in giro qualcosa per provare sta realtà virtuale... ma visto e considerato che qui parliamo di un visore di plastica con un paio di lentine del caxxo per la messa a fuoco mi pare che ci stiano LIEVISSIMAMENTE marciando.

E' già una rapina chiedere 50 euro.


non è vero perchè sul lato ha un comando touch che consente di comandare lo smartphone senza contare che comunque le lenti hanno la stessa precisione che si può trovare in oculustica.

Detto questo ovviamente 200 Euro rimangono un furto, anche considerando che il visore vero quando arriverà sul mercato difficilmente supererà i 3-400 Euro completo di sensori e schermo.

49 o al massimo 79 Euro, a 200 se li terranno tutti in casa.
Horizont09 Dicembre 2014, 18:02 #3
Cos'ha in meno rispetto ad un Oculus VR?
Non è retorica, chiedo davvero...

E allargandomi un attimo, se volessi provare la VR in maniera soddisfacente ma a livelli non professionali mi basta la cardboard di google?
demon7709 Dicembre 2014, 22:39 #4
Originariamente inviato da: Horizont
Cos'ha in meno rispetto ad un Oculus VR?
Non è retorica, chiedo davvero...

E allargandomi un attimo, se volessi provare la VR in maniera soddisfacente ma a livelli non professionali mi basta la cardboard di google?


beh per cominciare oculus vr è un sistema completo ed indipendente, non un accrocchio dove devi metterci davanti un note4.
solo per questo direi che il prezzo è molto più giustificabile.

aggiungiamoci poi tutto il lavoro di sviluppo e perfezionamento svolto per arrivare al prodotto finito che ha anche il sistema di tracciamento dei movimenti della testa per garantire perfetta corrispondenza del feedback.
Nhirlathothep10 Dicembre 2014, 01:08 #5
Originariamente inviato da: Horizont
Cos'ha in meno rispetto ad un Oculus VR?
Non è retorica, chiedo davvero...

E allargandomi un attimo, se volessi provare la VR in maniera soddisfacente ma a livelli non professionali mi basta la cardboard di google?


l' articolo parla in modo cosi' generico che giustamente tu non hai capito nemmeno le basi (ed e' normale, considerando come hanno spiegato):

e' solo un pezzo di plastica con le bretelle per agganciare il cellulare samsung alla testa, tu metti il cellulare davanti agli occhi e lui lo regge e usa come fossero 2 display per i 2 occhi

guarda questa immagine :

Link ad immagine (click per visualizzarla)
avvelenato10 Dicembre 2014, 12:00 #6
Originariamente inviato da: demon77
beh per cominciare oculus vr è un sistema completo ed indipendente, non un accrocchio dove devi metterci davanti un note4.
solo per questo direi che il prezzo è molto più giustificabile.

aggiungiamoci poi tutto il lavoro di sviluppo e perfezionamento svolto per arrivare al prodotto finito che ha anche il sistema di tracciamento dei movimenti della testa per garantire perfetta corrispondenza del feedback.


E' proprio il contrario. Questo è un sistema completo e indipendente (dove per sistema intendo l'accoppiata occhiale + note4), l'oculus è solo un visore da collegare a una sorgente di input.

Solo per questo quest'arnese, così come tanti altri simili (vedasi il coso della zeiss, o addirittura il già citato google cardboard) hanno un potenziale di espansione maggiore, in quanto un conto è sviluppare per un sistema (android, che con tutta l'eterogeneità che lo contraddistingue è pur sempre un sistema coerente di api, compatibilità, ecc.), un altro è sviluppare qualcosa per un visore che non si sa dove verrà collegato, non si sa se il sistema che lo gestirà sarà ancora in auge fra qualche anno, non si sa se ad esempio i pc wintel come li conosciamo noi magari spariranno soppiantati dal mondo mobile.

Non so, ad esempio a me piacerebbe un sistema di guida stereoscopica per droni, si potrebbe creare un telecomando dei markers ottici sul joystick e sui bordi dello stesso per essere identificato dalla camera del telefonino, così che tu possa "vedere" il telecomando mentre manovri il drone, in sovraimpressione con le immagini del drone in perfetta stereoscopia. A cosa può servire, non lo so (anche perché non piloterei certo un predator ) però sembra interessante.
demon7710 Dicembre 2014, 12:37 #7
Originariamente inviato da: avvelenato
E' proprio il contrario. Questo è un sistema completo e indipendente (dove per sistema intendo l'accoppiata occhiale + note4), l'oculus è solo un visore da collegare a una sorgente di input.

Solo per questo quest'arnese, così come tanti altri simili (vedasi il coso della zeiss, o addirittura il già citato google cardboard) hanno un potenziale di espansione maggiore, in quanto un conto è sviluppare per un sistema (android, che con tutta l'eterogeneità che lo contraddistingue è pur sempre un sistema coerente di api, compatibilità, ecc.), un altro è sviluppare qualcosa per un visore che non si sa dove verrà collegato, non si sa se il sistema che lo gestirà sarà ancora in auge fra qualche anno, non si sa se ad esempio i pc wintel come li conosciamo noi magari spariranno soppiantati dal mondo mobile.

Non so, ad esempio a me piacerebbe un sistema di guida stereoscopica per droni, si potrebbe creare un telecomando dei markers ottici sul joystick e sui bordi dello stesso per essere identificato dalla camera del telefonino, così che tu possa "vedere" il telecomando mentre manovri il drone, in sovraimpressione con le immagini del drone in perfetta stereoscopia. A cosa può servire, non lo so (anche perché non piloterei certo un predator ) però sembra interessante.


Si, è un sistema indipendente che può contare sulla potenza di uno smartphone.
Oculus rift, come hai detto giustamente è una periferica che conta sulla potenza di un pc desktop.

Se parliamo di "esperienza in realtà virtuale" direi che è come il paragone tra una panda ed un mig.
Poi per carità, il campo di applicazione è assolutamente differente e infatti gli esempi che hai portato calzano a pennello, e questa periferica è ottima.
La mia critica è legata puramente al costo che mi pare ben più alto di quanto effettivamente viene venduto!
avvelenato10 Dicembre 2014, 15:17 #8
Originariamente inviato da: demon77
Si, è un sistema indipendente che può contare sulla potenza di uno smartphone.
Oculus rift, come hai detto giustamente è una periferica che conta sulla potenza di un pc desktop.

Se parliamo di "esperienza in realtà virtuale" direi che è come il paragone tra una panda ed un mig.
Poi per carità, il campo di applicazione è assolutamente differente e infatti gli esempi che hai portato calzano a pennello, e questa periferica è ottima.
La mia critica è legata puramente al costo che mi pare ben più alto di quanto effettivamente viene venduto!


la giustificazione del costo credo sia da additare all'assenza di economie di scala dovuta alla mancanza di killer application. Non credo se ne venderanno tanti di quei cosi.
Per fare un oggetto di qualità, anche se di pura plastica e vetro, serve un certo livello di ricerca, certificazione, collaudo, e se i costi non si possono spalmare su tante unità vendute i risultati sono che il costi del singolo prodotto arrivano a prezzi folli (un esempio? le protesi per chi perde un arto, che possono costare anche centinaia di migliaia di euro, nei modelli più avanzati).

in realtà fatico ancora a immaginarmi il potenziale cliente di questo samsung gear vr, se devo fare developing e testing iniziale il cardboard di google credo sia già una soluzione sufficiente (dovrei provarlo per poterlo dire con certezza), forse per testing avanzato o applicazioni verticali già esistenti e che richiedono qualcosa di più preciso.
demon7710 Dicembre 2014, 15:29 #9
Originariamente inviato da: avvelenato
la giustificazione del costo credo sia da additare all'assenza di economie di scala dovuta alla mancanza di killer application. Non credo se ne venderanno tanti di quei cosi.
Per fare un oggetto di qualità, anche se di pura plastica e vetro, serve un certo livello di ricerca, certificazione, collaudo, e se i costi non si possono spalmare su tante unità vendute i risultati sono che il costi del singolo prodotto arrivano a prezzi folli (un esempio? le protesi per chi perde un arto, che possono costare anche centinaia di migliaia di euro, nei modelli più avanzati).

in realtà fatico ancora a immaginarmi il potenziale cliente di questo samsung gear vr, se devo fare developing e testing iniziale il cardboard di google credo sia già una soluzione sufficiente (dovrei provarlo per poterlo dire con certezza), forse per testing avanzato o applicazioni verticali già esistenti e che richiedono qualcosa di più preciso.


Non credo che il discorso quadri..
E' vero che adesso è un mercato nascente ed inesplorato.. ma per accaparrarsi subito il favore della clientela devi agire nel modo giusto ovvero: prezzi agressivi e abbordabili (anche in perdita).
applicazioni interessanti progettate ad hoc per sfruttare al meglio il dispositivo.

Samsung ha le spalle larghe abbastanza da affrontare entrambe le tematiche in super-scioltezza. Non parliamo certo di una dittarella.

Poi oh.. è un visore di plastica con un paio di lenti.. lo puoi fare pure di cartone.
Come investimento saremo a tipo un decimo di quello che si fa per progettare uno smartphone entry level..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^