Qualcomm annuncia il SoC per indossabili Snapdragon Wear 1100

Qualcomm annuncia il SoC per indossabili Snapdragon Wear 1100

Qualcomm intensifica gli investimenti nello sviluppo di chip per dispositivi indossabili annunciando l'introduzione del nuoco SoC Snapdragon Wear 1100. Si affianca allo Snapdragon Wear 2100 ed è pensato per l'integrazione in indossabili targeted-purpose.

di pubblicata il , alle 11:36 nel canale Wearables
Qualcomm
 

Qualcomm espande il portfolio di chipset destinati ai dispositivi indossabili annunciando l'arrivo del SoC Snapdragon Wear 1100 che si somma allo Snapdragon Wear 2100, presentato all'inizio dell'anno. Si tratta di un nuovo SoC espressamente ottimizzato per l'impiego in un'ampia gamma di indossabili e che si differenzia dallo Snapdragon 2100 per gli scenari di impiego. 

Se lo Snapdragon 2100 si pone come la soluzione ottimale per gli indossabili "multi purpose", come gli smartwatch e le smart band più ricche di funzioni, lo Snapdragon 1100 è progettato per gli indossabili "targeted purpose", ovvero quelli chiamati a svolgere un più limitato numero di attività, ad esempio gli orologi smart per bambini e persone anziane, i fitness tracker, i visori smart e gli accessori indossabili

Tale tipologia di prodotti richiede dimensioni compatte, una lunga durata della batteria e la capacità di restare sempre connessi, sfruttando un sistema di sensori efficiente e di localizzazione affidabile. Sono quindi queste le finalità perseguite dall'azienda con l'introduzione del nuovo SoC. In primo luogo, il chipset può beneficiare della modalità a basso consumo Power Save Mode (PSM) ed integra un modem Cat 1 con supporto delle bande LTE/3G.

Rispetto allo Snapdragon 2100 cambia anche l'ambiente software nell'ambito del quale il chipset progettato per operare: mentre lo Snapdragon 2100 è destinato ad equipaggiare i dispositivi Android Wear, il nuovo Snapdragon 1100 quelli basati su piattaforma Linux ed RTOS. Il SoC supporta, inoltre, funzionalità voce, connettività Wi-Fi e Bluetooth. 

Non manca l'integrazione di Qualcomm iZat, l'engine per i servizi di localizzazione che supporta funzionalità come il multi-GNSS, la localizzazione tramite cell-ID e le applicazioni che fanno uso del geofencing. Il chipset integra da ultimo l'hardware per effettuare la crittografia dei dati e TrustZone per migliorare gli aspetti della sicurezza. 

Il SoC Snapdragon Wear 1100 è disponibile per le aziende interessate ad integrarlo nei propri device a partire da oggi (31 maggio). I primi dispositivi equipaggiati con il nuovo chipset arriveranno sul mercato a partire dalla seconda metà dell'anno. Tra i brand che hanno già espresso interesse nei confronti del chipset e che hanno già presentato le piattaforme reference basate su Snapdragon Wear 1100 e Wear 2100 figurano i nomi di Aricent, Borqs, Infomark e SurfaceInk.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
CrapaDiLegno31 Maggio 2016, 14:15 #1
Non capisco e non capirò mai questa cosa del IoT. Bolla che scoppierà presto, temo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^