Pur con l'impatto negativo del COVID-19 tengono le vendite di wearable

Pur con l'impatto negativo del COVID-19 tengono le vendite di wearable

Continua la crescita delle vendite di dispositivi wearable nonostante lo stop da pandemia globale: i consumatori tendono a preferire ora quelli che aiutano a monitorare lo stato di salute.

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Wearables
 

Uno dei settori, nel variegato mondo dell'Information & Communication Technology, che in questi ultimi anni ha registrato importanti tassi di crescita è quello dei dispositivi wearables. Spinti inizialmente dai braccialetti fitness, in seguito dagli smartwatch (e sportwatch) e più recentemente dai molti prodotti collegati alle orecchie.

L'impatto della pandemia globale da COVID-19 non ha risparmiato questo settore, come conferma ABI Research nella propria più recente analisi. La stima originaria prevedeva vendite per circa 281 milioni di dispositivi wearable nel corso del 2020: questo dato è stato rivisto a 254 milioni per l'anno in corso.

La contrazione rispetto alle stime è importante, ma non tale da registrare un valore finale inferiore a quello del 2019. Le vendite di wearables nel corso del 2020 saranno in ogni caso positive, con un +5% rispettoal +17% che era stato preventivato a inizio anno. Nel corso del 2019 le vendite di wearables erano aumentate del 23% rispetto al 2018.

wearables_720.jpg

La pandemia ha spinto le vendite di wearables che siano in grado di tenere traccia dello stato di salute delle persone, soprattutto di quelli che permettono di eseguire monitoraggio da remoto. In generale la seconda metà del 2020 sarà un periodo di ripresa nelle vendite di wearables in un po' tutte le categorie di prodotto, con però maggiore enfasi verso quei dispositivi in grado di offrire una qualche forma di monitoraggio dello stato di salute.

Le stime per i prossimi anni sono di una continua crescita nelle vendite di questa tipologia di dispositivi: per il 2021 il valore dovrebbe essere pari a 289 milioni, superiore quindi alla stima pre pandemia formulata per l'anno 2020. Nel 2022 si dovrebbe toccare quota 329 milioni di dispositivi, con una crescita percentuale che continuerà ad assestarsi a poco più del 10% anno su anno.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
recoil08 Giugno 2020, 10:53 #1
se riescono a mettere la misurazione dell'ossigenazione del sangue in Apple Watch e altri smartwatch diventa un incentivo alle vendite mica male... quei dispositivi dove metti il dito a un certo punto erano introvabili (oltre ad essere saliti di prezzo) proprio per il COVID
WarSide08 Giugno 2020, 12:12 #2
Originariamente inviato da: recoil
se riescono a mettere la misurazione dell'ossigenazione del sangue in Apple Watch e altri smartwatch diventa un incentivo alle vendite mica male... quei dispositivi dove metti il dito a un certo punto erano introvabili (oltre ad essere saliti di prezzo) proprio per il COVID


Sono passato dalla mi band 4 all'equivamente huawei proprio per la misurazione dell'SpO4 (ne ho comprate una decina che ho distribuito a parenti vari).

Devo dire che la smart band huawei è abbastanza precisa nella misurazione (l'ho confrontata con garmin da 800€ e un paio di pulssossimetri da 30€)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^