Dipendenti Facebook colti con le mani nel sacco: scrivevano recensioni pilotate su Amazon

Dipendenti Facebook colti con le mani nel sacco: scrivevano recensioni pilotate su Amazon

Amazon vieta categoricamente le recensioni pilotate, ma pare che alcuni impiegati di Facebook non lo sapessero. Tre di loro sono stati colti con le mani nel sacco

di pubblicata il , alle 12:41 nel canale Wearables
Facebook
 

Portal di Facebook è un dispositivo smart a metà strada fra un tablet e uno smart speaker, un ulteriore tentativo da parte di Zuckerberg di entrare nelle nostre case cercando di "migliorarci" la qualità della vita. Su Amazon ci sono diversi utenti particolarmente felici del prodotto, peccato solo che si tratta di impiegati al lavoro per Facebook, beccati a lasciare recensioni entusiastiche con tanto di cinque stelline nel sistema di valutazione.

A rivelare la particolare manovra pubblicitaria è stato Kevin Rose, che si è chiesto su Twitter come fosse strano il fatto che alcuni degli scrittori delle recensioni da 5 stelle avessero gli stessi nomi degli impiegati al lavoro per Facebook. Uno dei dirigenti del colosso, Andrew Bosworth, ha poi confermato che non si tratta di una coincidenza, e che i redattori menzionati erano di fatto impiegati di Facebook. Il dirigente ha comunque prontamente informato che non è la compagnia a richiedere esplicitamente recensioni favorevoli sui propri prodotti.

Almeno tre delle circa cento recensioni da cinque stelle sono state inserite sull'e-commerce da impiegati al lavoro per Facebook: Tim Chappell è uno di questi, ed è il responsabile delle forniture per i prodotti AR e VR; abbiamo poi Javier Cubria, nel reparto marketing; e Oren Hafif, ingegnere di sicurezza per la compagnia di Zuckerberg. Le recensioni vengono inoltre segnalate come "Verified Purchases", fatto che indica che i tre utenti in questione hanno fattivamente acquistato il prodotto su Amazon e ne sono realmente in possesso, quindi le recensioni sono autentiche.

Tutti elementi, insieme alla conferma di Bosworth, che indicano che si tratta di recensioni affidabili, per quanto accorate. Peccato solo che le regole di Amazon vanno dalla direzione opposta: secondo il rivenditore online è infatti vietato "creare, modificare o pubblicare contenuti relativi a prodotti o servizi progettati o venduti da te, tuoi parenti, amici intimi, soci in affari o datori di lavoro", e pertanto la condotta dei tre impiegati di Facebook sembra violare in maniera esplicita le regole imposte dalla società di Bezos.

Il tutto anche se, secondo quanto riportato da Bosworth, le recensioni non sono state "né coordinate, né dirette dalla compagnia", con Facebook che ha esortato i propri impiegati a "non parlare dei prodotti" su Amazon. La stessa compagnia ha inoltre richiesto ai diretti responsabili di rimuovere le recensioni incriminate. C'è da dire che se da una parte quanto successo può far scappare un sorriso, dall'altra Facebook è una compagnia con migliaia di impiegati e può capitare agli impiegati di non ricevere una comunicazione interna.

Certo è che rimane qualche dubbio sulla non partecipazione dell'azienda: nella recensione di Chappell si legge che lo stesso "non è mai stato un grande utente di Facebook o di altri social media", ma al tempo stesso ha "colto l'occasione per acquistare quattro Portal e un Portal+ per la famiglia", che è quanto meno difficile da credere ed è proprio per evitare questi commenti pilotati che Amazon impone i divieti di cui sopra. Facebook ha ultimamente perso credibilità con il polverone scatenato con la privacy, e l'ultima cosa di cui ha bisogno adesso sono questo tipo di accuse.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

34 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cfranco18 Gennaio 2019, 12:51 #1
Delle recensioni su Amazon ormai leggo solo quelle da 4 stelle in giù
Portocala18 Gennaio 2019, 13:15 #2
Originariamente inviato da: Cfranco
Delle recensioni su Amazon ormai leggo solo quelle da 4 stelle in giù


Pensa che io leggo le peggiori per capire se esagerate.
acerbo18 Gennaio 2019, 13:34 #3
le recensioni false si vedono lontano un miglio, appena vedo fiumi di inchiostro corollati da foto e video é sicuro che sono fake e oramai su amazon non si trovano che cinesate con recensioni degne di un redattore professionista.
La gente per 3 euro o per un gadget da 4 soldi si venderebbe pure la madre
LukeIlBello18 Gennaio 2019, 13:47 #4
Originariamente inviato da: acerbo
le recensioni false si vedono lontano un miglio, appena vedo fiumi di inchiostro corollati da foto e video é sicuro che sono fake e oramai su amazon non si trovano che cinesate con recensioni degne di un redattore professionista.
La gente per 3 euro o per un gadget da 4 soldi si venderebbe pure la madre


ma poi sta cosa che siccome lavori per una compagnia, je devi leccare il culo proprio non la capisco
Cappej18 Gennaio 2019, 13:49 #5
Originariamente inviato da: Portocala
Pensa che io leggo le peggiori per capire se esagerate.


idem
DjLode18 Gennaio 2019, 13:55 #6
Originariamente inviato da: acerbo
le recensioni false si vedono lontano un miglio, appena vedo fiumi di inchiostro corollati da foto e video é sicuro che sono fake e oramai su amazon non si trovano che cinesate con recensioni degne di un redattore professionista.
La gente per 3 euro o per un gadget da 4 soldi si venderebbe pure la madre


Io guardo prima di tutto gli acquisti verificati... poi quelli che premettono che la recensione è onesta anche se hanno ricevuto l'oggetto gratis li ignoro.
Di quelle che rimangono leggo le negative... se non parlano di spedizioni in ritardo o di cavolate che col prodotto non c'entrano.
Con queste piccole accortezze di fatto si screma abbastanza... fermo restando che come tripadvisor ormai si legge di tutto e il contrario di tutto.
CYRANO18 Gennaio 2019, 14:20 #7
Come si fa a ricevere oggetti gratis per poi scrivere rece positive ?



Clmòmòmsòmsòmsòms
PCFed18 Gennaio 2019, 14:48 #8
Io non leggo le recensioni, a parte il discorso che faccio raramente acquisti su Amazon (ed Ebay), sono un acquirente tradizionalista inquanto preferisco prima di acquistare tenere in mano il prodotto che mi interessa (cosa possibile solo se si acquista in negozi fisici reali). Comunque sia ritengo che le recensioni siano scarsamente utili per convincere un potenziale acquirente ad acquistare o non acquistare. E' fondamentale prima di tutto conoscere a fondo il prodotto che si vorrebbe acquistare, valutare il prezzo in relazione al prezzo medio di mercato (se è eccessivamente basso sicuramente c'è qualche cosa che non va e che è nascosta dal venditore on-line), inoltre sono importanti le modalità di pagamento … io diffido le proposte che non comprendono la modalità di pagamento in contrassegno … Detto questo, le false recensioni è il male minore del mercato on-line, il fatto più grave è che spesso on-line vengono venduti prodotti ricorrendo a pubblicità ingannevoli che sfruttano spesso e volentieri l'ignoranza dei potenziali acquirenti.
Proprio ieri accedendo sul mio profilo Facebook mi sono imbarcato in un post pubblicitario su una fantomatica chiavetta USB che sarebbe in grado di resuscitare PC e portatili in termini di velocità e al prezzo di 28 €, in realtà si tratta di una banale Memoria USB di 8 GByte di capacità (con 28 € oggi si acquistano memorie USB da 64 GByte ovvero di capacità 8 volte superiore). Andando alla relativa pagina web addirittura è scritto:
"potrai fare tutte le cose che non avresti potuto fare normalmente… navigare sul web, utilizzare le email, guardare video (persino Netflix), giocare ai videogiochi, Facebook…"
Ecco il link e giudicate voi se trattasi di pubblicità ingannevole:
http://gadgetsfans.com/il-tuo-compu...id=87rg78b1q92y
giacomo_uncino18 Gennaio 2019, 15:42 #9
Originariamente inviato da: PCFed
Io non leggo le recensioni, a parte il discorso che faccio raramente acquisti su Amazon (ed Ebay), sono un acquirente tradizionalista inquanto preferisco prima di acquistare tenere in mano il prodotto che mi interessa (cosa possibile solo se si acquista in negozi fisici reali). Comunque sia ritengo che le recensioni siano scarsamente utili per convincere un potenziale acquirente ad acquistare o non acquistare. E' fondamentale prima di tutto conoscere a fondo il prodotto che si vorrebbe acquistare, valutare il prezzo in relazione al prezzo medio di mercato (se è eccessivamente basso sicuramente c'è qualche cosa che non va e che è nascosta dal venditore on-line), inoltre sono importanti le modalità di pagamento … io diffido le proposte che non comprendono la modalità di pagamento in contrassegno … Detto questo, le false recensioni è il male minore del mercato on-line, il fatto più grave è che spesso on-line vengono venduti prodotti ricorrendo a pubblicità ingannevoli che sfruttano spesso e volentieri l'ignoranza dei potenziali acquirenti.
Proprio ieri accedendo sul mio profilo Facebook mi sono imbarcato in un post pubblicitario su una fantomatica chiavetta USB che sarebbe in grado di resuscitare PC e portatili in termini di velocità e al prezzo di 28 €, in realtà si tratta di una banale Memoria USB di 8 GByte di capacità (con 28 € oggi si acquistano memorie USB da 64 GByte ovvero di capacità 8 volte superiore). Andando alla relativa pagina web addirittura è scritto:
"potrai fare tutte le cose che non avresti potuto fare normalmente… navigare sul web, utilizzare le email, guardare video (persino Netflix), giocare ai videogiochi, Facebook…"
Ecco il link e giudicate voi se trattasi di pubblicità ingannevole:
http://gadgetsfans.com/il-tuo-compu...id=87rg78b1q92y


sarà una distribuzione linux caricata su una chiavetta resa avviabile .....
nickname8818 Gennaio 2019, 15:48 #10
ancora a guardare le recensioni di amazon ?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^