ZTE e il ban negli USA: Samsung coglie l'attimo e propone i suoi Exynos

ZTE e il ban negli USA: Samsung coglie l'attimo e propone i suoi Exynos

Sfruttando il ban che ha coinvolto ZTE negli Stati Uniti, Samsung ha iniziato a proporre alla compagnia i propri processori della famiglia Exynos da integrare sui prossimi smartphone, tablet, e dispositivi di vario tipo

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Telefonia
ZTESamsung
 

Con il ban per ZTE sulle forniture da produttori americani, il colosso cinese si è trovato improvvisamente impossibilitato ad utilizzare i processori di Qualcomm e le tecnologie di Intel e Microsoft. Ad aver prontamente colto la proverbiale palla in balzo è stata Samsung, che ha confermato di essere in trattativa proprio con ZTE per offrirle i system-on-a-chip della famiglia Exynos da utilizzare per i futuri smartphone, tablet, e altri dispositivi proposti sul mercato dai cinesi.

Samsung è uno dei più grandi fornitori di componenti per smartphone, oltre a produrre componentistica per i propri terminali. Una cospicua parte del proprio fatturato proviene ad esempio nel settore delle memorie, ed alcuni produttori terzi hanno in precedenza utilizzato i processori della famiglia Exynos. Con la situazione attuale di ZTE Samsung potrebbe espandere la sua base di clienti e partner commerciali, cercando di aumentare contestualmente le proprie capacità produttive.

I coreani hanno sicuramente la possibilità di investire sull'ampliamento delle linee produttive, potendo puntare a competere con colossi del settore come MediaTek e Qualcomm, o con la sussidiaria di Huawei HiSilicon che per il momento fornisce solo la società madre. I processori Exynos sono solitamente utilizzati sui top di gamma di Samsung, e le versioni meno pompate hanno raggiunto anche alcuni midrange. Non è invece vasta la lista di produttori terzi ad utilizzarli.

Fra questi possiamo citare, al momento, solo un nome: Meizu. La compagnia ha imbastito alcune discussioni con ZTE sfruttando il recente ban, ma Inyup Kang di Samsung System LSI ha spiegato che la compagnia di fatto si sta rivolgendo a tutti i possibili produttori terzi per espandere la diffusione dei processori Exynos. I processori Samsung sono per certi versi simili a quelli di Qualcomm, basandosi sull'architettura ARM che tipicamente utilizzano i dispositivi mobile.

Qualcomm si discosta solitamente in maniera più evidente per quanto riguarda il design dei core, tuttavia anche Samsung ha iniziato recentemente ad osare di più con architetture custom per i singoli core. L'ultimo flagship, l'Exynos 9810 che abbiamo visto su Galaxy S9 ed S9+, utilizza core M3 proprietari basati su un'architettura ARM a 64-bit ad alte performance con una frequenza operativa massima di 2,9 GHz, che vengono abbinati a quattro core Cortex-A55 più efficienti.

I processori Samsung sono comparabili a quelli di Qualcomm in termini di potenza bruta, anche se le performance della GPU reference ARM sono inferiori rispetto all'ultimo chip Adreno di Qualcomm. Se le trattative con ZTE venissero confermate, Samsung potrebbe investire di più sulla propria divisione, migliorare i propri chip e diffonderli su un numero più elevato di dispositivi già nei prossimi anni.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
DukeIT18 Maggio 2018, 23:00 #1
Interessante la possibilità che il tutto si riveli un clamoroso autogoal nei confronti dei prodotti USA.
mik7719 Maggio 2018, 11:37 #2
però resta il problema della licenza Android che in teoria verrà negato ai futuri smartphone ZTE
blobb19 Maggio 2018, 12:39 #3
Originariamente inviato da: mik77
però resta il problema della licenza Android che in teoria verrà negato ai futuri smartphone ZTE


no android è open source e non è solo di google , casomai il problema sono i servizi google compreso il playstore
lucusta19 Maggio 2018, 23:22 #4
gli USA possono impedire la vendita dei brevetti FRAND?
Anderaz20 Maggio 2018, 12:48 #5
Originariamente inviato da: DukeIT
Interessante la possibilità che il tutto si riveli un clamoroso autogoal nei confronti dei prodotti USA.
Devo dire che la cosa non mi dispiacerebbe.

Dei prodotti ZTE ho una buona considerazione, sarei curioso di vederli alla prova con gli Exynos.

Originariamente inviato da: blobb
no android è open source e non è solo di google , casomai il problema sono i servizi google compreso il playstore
Beh dai, spesso i telefoni cinesi vengono offerti con uno store proprietario (quando comprai il mio Nubia c'era appunto lo store Nubia - il Play store ed i servizi play dovetti installarli io), non credo ci si discosterebbe così tanto dalla situazione attuale.
mik7721 Maggio 2018, 13:57 #6
Originariamente inviato da: blobb
no android è open source e non è solo di google , casomai il problema sono i servizi google compreso il playstore


sei sicuro?
ad esempio l'axon 7 doveva ricevere Oreo ed è stato bloccato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^