Xiaomi potrebbe arrivare ufficialmente in Italia nel 2018

Xiaomi potrebbe arrivare ufficialmente in Italia nel 2018

L'azienda cinese si sta espandendo a suon di vendite e dopo aver letteralmente conquistato il proprio paese è pronta a sbarcare anche in Europa. Dopo Spagna ecco che iniziano a circolare notizie sul suo arrivo in Italia. Sarà vero?

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Telefonia
Xiaomi
 

Xiaomi pronta a sbarcare in Italia dal prossimo 2018. E' quanto emerge da alcune indiscrezioni le quali dichiarano l'arrivo dell'azienda entro la fine di questo anno o per i primi mesi del prossimo. Una notizia che renderà felici tutti i possessori degli smartphone dell'azienda i quali odiernamente si ritrovano a dover acquistare i device direttamente dagli store cinesi o tramite negozi online affiliati perdendo in qualche modo garanzie dirette del produttore o smartphone in lingua cinese da dover obbligatoriamente "modificare" per poterne usufruire totalmente.

Secondo le informazioni Xiaomi sarebbe pronta a sbarcare nel nostro paese con un distributore ufficiale dal prossimo anno e questo chiaramente permetterebbe all'azienda di vendere ufficialmente anche in Italia i suoi smartphone. Nessuna informazione in merito a quale sarà il distributore scelto da Xiaomi per il nostro paese ma quello che realmente interessa sono le ripercussioni che lo sbarco dell'azienda cinese potrebbero crearsi nel mercato telefonico italiano.

Quello che ci si chiede a questo punto, se chiaramente venisse confermato l'arrivo di Xiaomi in Italia, è quale sarà il catalogo dei prodotti proposto per il nostro paese. L'azienda cinese potrebbe ad esempio proporre l'acclamato Xiaomi Mi A1 che ha ottenuto un grandissimo successo grazie agli store online affiliati e che sappiamo propone per la prima volta su di uno smartphone Xiaomi il sistema operativo Android One e non la personalizzazione della MIUI propria di Xiaomi.

Quali altri device venderà? Solo i top di gamma futuri? Solo gli smartphone con maggiore successo in Cina? Chiaramente ci si chiede anche come Xiaomi vorrà vendere i suoi smartphone in Italia ossia se permetterà la distribuzione solo in determinati store online ufficiali o se invece deciderà di proporli anche alle catene di negozi fisici di elettronica sparsi nel nostro territorio. Su Amazon sono già apparse alcune unità e questo indica che il produttore è vicino ad una svolta in tal senso.

Conosciamo bene ormai la storia dell'azienda cinese che in pochi anni dal nulla ha creato un vero e proprio impero degli smartphone, almeno nel proprio paese, riuscendo a sottostare solo ai colossi più importanti. La sua prima comparsa avvenne nel 2011 come giovane realtà industriale volenterosa e decisamente intraprendente la quale propose sul mercato il suo primo device: lo Xiaomi M1 che ricalcava l'hardware del momento con qualche particolarità interessante come la personalizzazione del sistema operativo la quale avrebbe da allora caratterizzato per sempre gli smartphone Xiaomi.

Il successo è oggi palese a tutti grazie ad un connubio di qualità sempre maggiore dei terminali ed il prezzo sempre aggressivo che poche altre realtà riescono a proporre. Il possibile sbarco in Europa da quello spagnolo all'ipotetico italiano di certo potrebbe portare l'azienda ad un nuovo inizio degno dei valori di Xiaomi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Aryan07 Novembre 2017, 11:37 #1
XIAOMI non fa smartphone, fa TUTTO. Dagli asciugamani, agli ombrelli, alle tazze del cesso smart
Bestio07 Novembre 2017, 11:45 #2
Se arriverà ufficialmente, i prezzi non saranno più così competitivi.
Seph07 Novembre 2017, 11:56 #3
si ok ma almeno lo porti in un negozio e te riparano in garanzia. Non lo devi rispedire in cina XDDD
gd350turbo07 Novembre 2017, 12:02 #4
Una notizia che renderà felici tutti i possessori degli smartphone dell'azienda i quali odiernamente si ritrovano a dover acquistare i device direttamente dagli store cinesi o tramite negozi online affiliati perdendo in qualche modo garanzie dirette del produttore.

Ma anche no...
Perdo la garanzia del produttore ?
Ma cosa stai dicendo ?
Del venditore volevi dire ?

smartphone in lingua cinese da dover obbligatoriamente "modificare" per poterne usufruire totalmente.


Bruno, dai non sparare cazzate, ti chiedo solo un minimo di coerenza con la realtà !

Da diverso tempo i terminali xiaomi, venduti dai principali store cinesi, escono con la rom denominata global stabile.
Cosa significa global stabile ?
Che è una rom che contiene già diverse localizzazioni tra cui l'italiano !
Quindi cosa deve fare un utente quando apre la scatola contenente il suo nuovo xiaomi ?
Inserisce la sim.
preme il pulsante di accensione.
sceglie la lingua italiana.
inserisce l'account per collegare il telefono al micloud se presente e recuperare le sue app/preferenze/settaggi.

Quindi a cosa ti riferisci quando dici dover obbligatoriamente "modificare" ?
Per te scegliere la lingua italiana significa modificare un terminale ?
Allora direi che tutti debbano essere "modificati".

Poi per completezza di informazione, per noi europei ci sono due linee ufficiali di distribuzione ROM, la suddetta global stabile e la global dev, che viene aggiornata su base mensile.
Per effettuare il passaggio, [U]assolutamentre facoltativo[/U] da global stabile a global dev, occorre scaricare dal sito xiaomi la rom global dev, cliccare sull'app "updater", e scegliere il file testè scaricato, confermando l'aggiornamento di ramo, tenendo presente che questo cancella i dati contenuti nel terminale.

Poi vi sono diversi rami di distribuzione di rom non ufficiali, creati quindi da communità di appassionati, quali miui.it, xiaomi.eu più ovviamente xda ed epic, per installare le quali, anche qui in maniera [U]assolutamente facoltativa[/U], occorre modificare il terminale, sbloccando il bootloader, installando la recovery TWRP ed in seguito la rom.
Mparlav07 Novembre 2017, 12:06 #5
Dal sito Xiaomi in apertura in Spagna:
http://event.mi.com/es/live2017/changethegame

Xiaomi Mi A1, por 229 euros (4 GB + 64 GB) Xiaomi Mi MIX 2, por 499 euros (6 GB + 64 GB) Mi Electric Scooter, por 349,99 euros Mi Box, por 74,99 euros Mi Action Camera 4K, por 134,99 euros Mi Band 2, por 24,99 euros

i prezzi degli smartphone sono comunque competitivi ed in Italia non sarebbero differenti.
Un Mi Mix 2 64GB è difficile comprarlo d'importazione a meno di 450 euro spedito, mentre l'A1 lo si trova a 170-180 euro + s.s.
gd350turbo07 Novembre 2017, 12:13 #6
Originariamente inviato da: Mparlav
Dal sito Xiaomi in apertura in Spagna:
http://event.mi.com/es/live2017/changethegame

Xiaomi Mi A1, por 229 euros (4 GB + 64 GB) Xiaomi Mi MIX 2, por 499 euros (6 GB + 64 GB) Mi Electric Scooter, por 349,99 euros Mi Box, por 74,99 euros Mi Action Camera 4K, por 134,99 euros Mi Band 2, por 24,99 euros

i prezzi degli smartphone sono comunque competitivi ed in Italia non sarebbero differenti.
Un Mi Mix 2 64GB è difficile comprarlo d'importazione a meno di 450 euro spedito, mentre l'A1 lo si trova a 170-180 euro + s.s.


Più scelta per il consumatore, non può far altro che bene !

Chi vuole risparmiare, se lo prende in cina
Chi vuole avere assistenza, se lo prende in spagna e forse in futuro in italia

Perfetto !
Aryan07 Novembre 2017, 12:32 #7
Resta inteso che la cuccagna del passaggio via UK(Italy Express) durerà finché non sarò operativa la Brexit, poi addio...
+Benito+07 Novembre 2017, 12:37 #8
interessante. Sarebbe molto interessante conoscere le condizioni per aprire un franchise.
gd350turbo07 Novembre 2017, 12:42 #9
Originariamente inviato da: Aryan
Resta inteso che la cuccagna del passaggio via UK(Italy Express) durerà finché non sarò operativa la Brexit, poi addio...


Magari si troverà un altro paese per fare da ponte
Aryan07 Novembre 2017, 12:44 #10
Originariamente inviato da: gd350turbo
Magari si troverà un altro paese per fare da ponte


Con la stretta che sta dando la UE ai benefici fiscali la vedo dura. Quello rimane perché è un qualcosa di storico che esiste da più di cento anni, aprirne di nuovi la vedo durissima

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^