Xiaomi e Huawei: le cinesi aggrediscono il mercato degli smartphone

Xiaomi e Huawei: le cinesi aggrediscono il mercato degli smartphone

Parallelamente alle firme più blasonate del settore degli smartphone, alcuni produttori cinesi cercano di occupare da tempo le quote dei mercati occidentali. Fra tutti, troviamo i nomi di Xiaomi e Huawei, che hanno di recente pubblicato risultati assolutamente da considerare

di pubblicata il , alle 14:51 nel canale Telefonia
HuaweiXiaomi
 

Sebbene non minaccino direttamente i giganti consolidati del settore degli smartphone, i produttori cinesi si stanno sempre più affacciando verso i mercati occidentali. Conosciuti in passato per produzioni di dubbia qualità, alcuni fra i top di gamma cinesi sono ultimamente sovrapponibili alle produzioni più blasonate del mercato.

Xiaomi Redmi Note

Fra i nomi di spicco troviamo Xiaomi e Huawei, di cui ultimamente sono stati rilasciati numeri senza dubbio interessanti. Nel caso di Xiaomi, la società ha annunciato di aver venduto 100.000 unità del nuovo Redmi Note in soli 34 minuti. Si tratta di un dato che si rivela estremamente interessante nonostante non superi il record dello scorso novembre della stessa società, in cui aveva piazzato 100.000 Mi-3 in poco più di un minuto.

Avevamo parlato pochi giorni fa di Redmi Note. Si tratta di un phablet da 5,5 pollici proposto a 130$ proposto in alcuni mercati asiatici. La risoluzione del display è 720p ed è previsto in due varianti che adottano lo stesso processore octa-core MediaTek MT6592, e si differenziano per quantitativo di RAM (1 e 2GB) e storage (8 e 16GB), con un prezzo forse troppo ravvicinato per non rendere preferibile la soluzione di fascia più elevata.

Xiaomi ha venduto 18,7 milioni di smartphone nel 2013, circa il 160% rispetto all'anno precedente e molto oltre rispetto al target iniziale fissato a 15 milioni di unità. La società stima in 60 milioni le unità da distribuire nel 2014, che diventeranno 100 milioni il prossimo anno. Solo nel primo trimestre del 2014 Xiaomi ha già piazzato 11 milioni di smartphone sul mercato.

Per quanto riguarda Huawei, nei giorni scorsi il produttore cinese ha ufficializzato i dati sulla crescita degli utili percepiti nel 2013. La società ha vissuto un incremento del profitto netto del 34,4% su base annua, cifra che rappresenta il miglior risultato per la società negli ultimi quattro anno. La vendita dei dispositivi Huawei non è ancora permessa negli Stati Uniti, perché si pensa che possano essere utilizzati con fini spionistici dalle autorità cinesi.

Huawei ha fatto registrare un utile netto di 21 miliardi di Yuan nel 2013, pari a circa 2,45 miliardi di euro, su un fatturato di circa 238 miliardi di Yuan (27,8 miliardi di euro). Il produttore stima che entro la fine dell'anno fiscale il fatturato aumenterà del 10%, mentre per il 2018 sono previste entrate pari a 435 miliardi di Yuan.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

75 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Horizont31 Marzo 2014, 15:01 #1
E io, recensioni permettendo, credo proprio che contribuirò a questo trend.
lo Xiaomi Redmi Note mi attira veramente tanto
bonzoxxx31 Marzo 2014, 15:07 #2
mi viene da sorridere ricordando i primi cinafonini che facevano letteralmente piangere, ora fanno dei prodotti buoni a prezzi davvero da concorrenza.. con buona pace dei produttori più blasonati..
gd350turbo31 Marzo 2014, 15:11 #3
Io già da tempo, non compero più telefoni della cosidetta "marca", costano un sacco di soldi e non hanno feature che giustifichino ciò...

I prodotti nei noti produttori cinesi, hanno caratteristiche equiparabili e prezzi più che dimezzati !

Se uno non interessa il telefono come status symbol, o come oggetto trendy / fashion, sono ottimi !
pabloski31 Marzo 2014, 15:24 #4
Originariamente inviato da: bonzoxxx
mi viene da sorridere ricordando i primi cinafonini che facevano letteralmente piangere, ora fanno dei prodotti buoni a prezzi davvero da concorrenza.. con buona pace dei produttori più blasonati..


E aggiungo anche che MIUI ( la rom android prodotta da Xiaomi ) è tra le versioni più performanti di android in circolazione.

Questi li sanno fare i telefoni, sia lato hardware sia lato software. Altro che samsung, apple e compagnia.
megthebest31 Marzo 2014, 15:29 #5
Originariamente inviato da: pabloski
E aggiungo anche che MIUI ( la rom android prodotta da Xiaomi ) è tra le versioni più performanti di android in circolazione.

Questi li sanno fare i telefoni, sia lato hardware sia lato software. Altro che samsung, apple e compagnia.

più che performante.. direi completa e personalizzata ad hoc.. senza introdurre bloatware vari..

però il porblema è del cartello che fanno i grandi produttori e anche le compagnie telefoniche.. sempre più spesso infatti , con la 3 , sono inutilizzabili tutti i chinafonini.. per via di due fattori:
- Imei che iniziano con 86***
- WCDMA-2000/2100 che non viene riconosciuta come 3G dalle usim 3 e che porta al blocco della sim in molti casi..
bonzoxxx31 Marzo 2014, 15:31 #6
Originariamente inviato da: pabloski
E aggiungo anche che MIUI ( la rom android prodotta da Xiaomi ) è tra le versioni più performanti di android in circolazione.

Questi li sanno fare i telefoni, sia lato hardware sia lato software. Altro che samsung, apple e compagnia.


e pensare che misi la MIUI 4.1.1 sul vecchio S3 buggato... tempo 3 ore SDS!!!!
che telefono del piffero... la MIUI va da dio, velocissima e con tutto quello che serve, è davvero un ottimo sistema adatto a chi non piace android vanilla.
bonzoxxx31 Marzo 2014, 15:32 #7
Originariamente inviato da: megthebest
più che performante.. direi completa e personalizzata ad hoc.. senza introdurre bloatware vari..

però il porblema è del cartello che fanno i grandi produttori e anche le compagnie telefoniche.. sempre più spesso infatti , con la 3 , sono inutilizzabili tutti i chinafonini.. per via di due fattori:
- Imei che iniziano con 86***
- WCDMA-2000/2100 che non viene riconosciuta come 3G dalle usim 3 e che porta al blocco della sim in molti casi..


questa non la sapevo..
pabloski31 Marzo 2014, 15:43 #8
Originariamente inviato da: megthebest
però il porblema è del cartello che fanno i grandi produttori e anche le compagnie telefoniche.. sempre più spesso infatti , con la 3 , sono inutilizzabili tutti i chinafonini.. per via di due fattori:
- Imei che iniziano con 86***
- WCDMA-2000/2100 che non viene riconosciuta come 3G dalle usim 3 e che porta al blocco della sim in molti casi..


Dobbiamo essere noi consumatori ad agire e penalizzare queste aziende, altrimenti non la smetteranno mai di abusare del loro potere.

Ad esempio, la caciara su facebook e oculus a cosa è dovuta? Al fatto che i file di Snowden hanno messo le carte in tavola sulle pratiche immorali di queste aziende. La gente lo sa e ha reagito male alla notizia dell'acquisizione. Dunque, a quanto pare, non tutto è perduto e il popolo non è così bue come si credeva.
Cappej31 Marzo 2014, 15:52 #9
Huaway Y300, gran terminale a 89,00 euro... visto in bacheca all' ESSE**NGA, ottimo affare!
Cappej31 Marzo 2014, 15:53 #10
Originariamente inviato da: bonzoxxx
questa non la sapevo..


manco io... ho un Lenovo con inizio imei 86 su Vodafone va benissimo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^